Deus Ex Human Revolution: stealth, innesti, storia

Deus Ex Human Revolution: stealth, innesti, storia

Siamo in possesso di una versione beta con la prima parte di Deus Ex Human Revolution. Ecco il primo parere dopo circa 15 ore di gameplay su uno dei giochi del 2011 che più di tutti mantiene forte il legame con il passato. Il test del gioco è avvenuto su PC.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
 

Libertà

Deus Ex Human Revolution è un'esperienza di gioco free roaming in cui il giocatore ha totale libertà su come proseguire, sulle indagini e su diverse scelte da prendere. La differenza con un gioco di nuova generazione è che il giocatore non viene mai guidato verso ciò che deve fare, ma si trova completamente libero e solo nel mondo di gioco, e può decidere autonomamente come proseguire.

La prima parte di Human Revolution è ambientata nel centro cittadino di Detroit: ricordo che ci troviamo nel 2027 e che quindi lo scenario è pieno di elementi futurisitici. Lo sviluppatore ha deciso di filtrare le immagini con il colore arancione, il che dà una precisa personalità visiva a Human Revolution, rendendo più intensa l'atmosfera sci-fi. Il giocatore può esplorare liberamente il centro cittadino di Detroit, e tra un luogo e l'altro può capitare anche di fare strada a piedi per cinque o dieci minuti.

La città è, infatti, piuttosto grande, e soprattutto è molto densa di edifici e di persone. Non c'è mai un luogo privo di interesse, tanto che il giocatore durante le indagini deve stare attento a ogni singolo metro quadrato della città. Può, ad esempio, scoprire un tombino che gli consente di infiltrare un edificio in un punto agevole, o venire a contatto con un personaggio che gli affida una missione secondaria. Tutte le missioni assegnate vengono inserite nell'HUD, e quindi il giocatore vede qual è la destinazione per ciascuna delle missioni. Può disattivare queste ultime, in modo da vedere sola la destinazione della missione che vuole portare a termine per prima.

Nel centro cittadino ci si può spostare unicamente a piedi. Ci sono dei veicoli parcheggiati a bordo strada, ma non sono mai in movimento. Si tratta di una location di gioco piuttosto grande, ma non sufficientemente grande per essere percorsa con i veicoli. Ai margini del centro cittadino c'è poi l'intera città, comunque osservabile ma non raggiungibile. Nel resto della città si possono vedere anche veicoli in movimento.

Vediamo la struttura rpg di Human Revolution. Ovviamente è pesantemente incentrata sugli innesti. Per ogni missione che si porta a termine, ma anche per ogni uccisione o luogo segreto che si scopre, o per aver compiuto azioni speciali come l'infiltrarsi senza essere visti, si guadagnano punti esperienza. Una volta raggiunta una certa quantità di punti esperienza si sblocca un punto Praxis. Questi ultimi vanno poi spesi proprio per sbloccare gli innesti.

Gli innesti sono suddivisi in una struttura ad albero, che analizzeremo più avanti nel dettaglio. Accedere a un nodo dell'albero costa due punti Praxis, mentre sbloccare un nuovo elemento presente in un nodo a cui si è avuto già accesso costa un punto Praxis. Gli innesti potenziano il corpo di Jensen e gli consentono di fare cose che prima non poteva fare. Ad esempio può guadagnare l'abilità Cattura in versione 2 nel nodo Hacking e questo gli consentirà di violare i computer con livello di sicurezza 2. Può avere la possibilità di compiere salti più pronunciati con relativo innesto, acquisire più resistena o precisione, aggiungere più informazioni sul suo HUD, rompere una parete e agganciare la guardia che sta al di là della parete, e così via.

Se si prendono scelte sbagliate nella selezione degli innesti si può compromettere l'esito della missione. Deus Ex Human Revolution crea le condizioni per le quali spesso può capitare di essere impossibilitati a proseguire. Potrebbe esserci un controllo troppo preciso da parte delle guardie in un punto o non potere raggiungere un tetto perché non si è capaci di compiere salti così ampi. In queste condizioni si può sempre ricorrere alla forza bruta e accedere magari all'edificio interessato dall'ingresso principale uccidendo tutti, ma questo tipo di scelte non paga in Human Revolution. Innanzitutto, perché si hanno a disposizione pochi proiettili e poi perché le guardie sono molto reattive e si organizzano bene per farci fuori, anche con l'aiuto di sistemi di rilevazione tecnologici come automi, telecamere e torrette.

Una delle prime missioni di Human Revolution prevede l'assalto alla centrale di polizia. Jensen, infatti, deve recuperare dall'obitorio della centrale l'hub neurale del membro della Setta Purista complice nell'attacco alle Sarif Industries. Jensen, prima di prendere l'incarico nell'azienda di David Sarif, era un poliziotto, ma ha abbandonato questo incarico e quindi non ha più accesso alla centrale. Si può ovviamente decidere di assaltare la centrale con le armi, facendo scattare tutti gli allarmi, ma è molto difficile raggiungere l'obiettivo in questo modo.

L'alternativa è scoprire un ingresso secondario alla centrale. Si può entrare nelle fogne, seguirne il percorso e trovare l'accesso alla centrale. Questo accesso però è bloccato da un terminale di sicurezza: sono due le soluzioni a questo punto, procurarsi la password o violare il terminale. Una volta ottenuto l'accesso alla centrale bisogna muoversi con grande cautela per non essere visti dai poliziotti. La centrale si snoda su diversi livelli, e l'obitorio si trova al livello più basso.

Oltre che la missione principale che prevede di raggiungere l'obitorio, quando abbiamo assaltato la centrale avevamo anche una missione secondaria: ovvero recuperare dei dati dal computer del comandante della polizia. La missione secondaria, infatti, prevede di scoprire nuove informazioni sulle indagini della morte di Megan che, a detta della madre di quest'ultima, è stata condotta irregolarmente. Dopo aver superato tutte le guardie ed essere entrati nell'ufficio del comandante può capitare di essere impossibilitati ad accedere al computer. La password infatti si ottiene recuperando il palmare del comandante, mentre l'alternativa è disporre dell'abilità cattura al livello sufficiente per violare il PC.

 
^