The Witcher 2: test della preview build

The Witcher 2: test della preview build

Abbiamo potuto provare in anteprima l'attesissimo sequel in arrivo il 17 maggio, che, diciamolo subito per rinfrancare i cuori di tutti gli appassionati, sembra proprio non voler deludere le (grandi) aspettative riposte. Seguirà il videoarticolo.

di Antonio Rauccio pubblicato il nel canale Videogames
The Witcher
 

La perfezione non è di questo mondo

Una produzione senza alcun neo? Ovviamente no, qualcosa da biasimare c'è, ma va sottolineato che stiamo parlando di un preview code, dunque i difetti grafici notati, qualche texture di bassa risoluzione, qualche sparuto glitch, i numerosi crash in fase di caricamento, l'eccessiva pesantezza del prodotto quando si scala su qualità grafica superiore (non aiutati dalle opzioni grafiche praticamente assenti in questa versione di prova), ci aspettiamo scompaiano nella release ufficiale, a valle di una fase di pulizia e di ottimizzazione, che naturalmente è mancata per questa build.

D'altra parte la non completezza del comparto grafico ci era stata anticipata dagli sviluppatori e la scritta che campeggiava fissa sullo schermo durante la nostra prova ce lo ricordava, dunque queste considerazioni non influenzano il giudizio complessivo di questo hands on, rimandando alla recensione il compito di "fare le pulci" al risultato finale.

Anche se... un aspetto che stonava rispetto al contesto era la qualità delle animazioni dei personaggi, un po' legnose e non all'altezza della sontuosa realizzazione. Sicuramente gli sviluppatori avranno tempo di affinare ulteriormente il gioco, ma ritoccare le animazioni in breve tempo non è impresa da poco: d'altronde siamo consci del fatto che anche se questo piccolo neo dovesse persistere nella versione retail, sarà difficile notarlo in mezzo al ben di Dio propostoci dai ragazzi di CDProjekt.

Un altro aspetto che potrebbe rappresentare una criticità è costituito dalle performance: anche a valle di una ottimizzazione accurata, il titolo non potrà non essere molto impegnativo per i nostri sistemi hardware ed esoso in termini di requisiti. Speriamo in un elevato grado di scalabilità e di personalizzazione delle opzioni grafiche, fermo restando che la qualità di quanto ci stanno riservando gli sviluppatori andrebbe ammirata al massimo delle possibilità.

 
^