Top Spin 4: diventare i Re del Campo

Top Spin 4: diventare i Re del Campo

2K Czech riporta sulla scena il tennis simulativo, facendosi carico di alcune interessanti novità nel sistema di controllo, nuove modalità di gioco sia offline che online e un esaltante roster ricco di stelle del passat che farà la felicità dei vecchi appassionati di racchetta e palline.

di Davide Spotti pubblicato il nel canale Videogames
 

Conclusioni

Top Spin 4 introduce numerose migliorie e novità rispetto al suo predecessore, proponendosi in una veste meno estrema e radicale, ma guadagnandone in dinamismo e giocabilità. L’ampia variabilità in termini di livelli di difficoltà e un’IA molto ben bilanciata lo rendono un titolo ad ampio respiro, che non sarà sicuramente disdegnato dai cultori della materia, ma potrà avvicinare anche utenti che in precedenza probabilmente si sarebbero diretti con sicurezza verso Virtua Tennis.

La profondità di gioco è ancora il nucleo centrale di questo franchise, seppure 2K Czech abbia cercato di operare alcune riuscite modifiche. Migliorie che coinvolgono anche il comparto tecnico, poichè il frame-rate ora è più stabile, le animazioni di tutti i tennisti sono state rese più fedeli alle movenze delle controparti reali e i campi riprodotti nei particolari.

In chiusura vorrei fare alcune considerazioni riguardanti il supporto del 3D stereoscopico. Una scelta di cui onestamente non credo si sentisse la necessità, soprattutto in virtù del tipo di gioco di cui stiamo parlando. Veramente vorreste impegnarvi a giocare a tennis di fronte al vostro televisore “inforcando” un paio di occhiali dalle dimensioni improbabili? Non sono mai stato un sostenitore di questa tecnologia, fin dal suo esordio, ma ritengo che a maggior ragione non rappresenti affatto un valore aggiunto quando si parla di titoli sportivi, e nella fattispecie di tennis. A meno che non custodiate da qualche parte un poster di Arnaud Clement, in tal caso potrei anche ponderare di giustificarvi..!

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
LukeIlBello10 Aprile 2011, 16:53 #1
mamma mia che stile
Greed11 Aprile 2011, 14:26 #2
Già già
mav8811 Aprile 2011, 18:18 #3
Secondo me è una grossa pecca la maggiore facilità rispetto al predecessore.
In TS3 se provavi un colpo con L2 o R2 e non eri più che sicuro la palla finiva in rete o fuori. In TS4 tiri senza problemi e la palla finisce praticamente sempre in campo.
I comandi stessi sono stati facilitati: prima si usavano tutti i dorsali e lo stick destro, adesso si usano 2 dorsali e i 4 classici, senza stick destro per pallonetti o palle corte.

Io a TS3 ci ho perso giornate, online ho giocato più di 2500 partite, ma dopo aver provare questo 4° capitolo in demo e a casa di amici ho deciso di lasciarlo sullo scaffale, almeno finchè non sosterà quanto vale, ovvero 20-25€
mav8811 Aprile 2011, 18:28 #4
Aggiungo: la serie Top Spin, col 3° capitolo, si rivolgeva a un'utenza molto avanzata, amanti del gioco. Per chi vuole fare due tiri in simpatia esistono Virtua Tennis, Sega Superstars Tennis, ecc
Oltretutto questa semplificazione è mal riuscita perchè,come dite voi, si deve premere sempre L2 altrimenti si offre la possibilità concreta di un vincente all'avversario.
Il Move poi ha dato il colpo di grazia. Giocare al 3 con tale aggeggo era impossibile, vista la diversità di colpi. Nel 4° hanno banalizzato tutto anche per rendere possibile l'utilizzo di questa nuova periferica. Nulla contro il Move, ma se deve rovinarmi i giochi allora no, ne facciano a meno.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^