Shift 2: l'abitacolo e quella sensazione che ti leva il respiro

Shift 2: l'abitacolo e quella sensazione che ti leva il respiro

Con Unleashed gli sviluppatori di Slightly Mad Studios hanno messo a punto un titolo simulativo a 360°, sistemando alcune lacune del predecessore e offrendo un’esperienza di guida adrenalinica, concentrata sulle emozioni vissute dal pilota all’interno dell’abitacolo.

di Davide Spotti pubblicato il nel canale Videogames
 

Introduzione

“Nella vita non ci sono tante altre cose in cui ti devi ricordare di respirare.”

Capita di leggere spesso tra un caricamento e l’altro di Need For Speed Shift 2: Unleashed, la frase di Vaughn Gittin Jr, campione mondiale di Drift. E’ una citazione che calza a pennello per questo secondo capitolo della variante simulativa del franchise, inaugurata per la prima volta dagli sviluppatori di Slightly Mad Studios nel 2009 e riproposta con alcune interessanti novità in queste prime settimane di primavera.

L’approccio alle gare è filtrato nuovamente dagli occhi del pilota, garantendo un approccio al cardiopalma e visuali sfocate ogni qual volta si finisca contro le protezioni di bordo pista con la propria vettura. Ad ogni incidente si può avvertire il respiro affannoso del pilota, ancora in stato di shock, consapevole di essersela appena vista molto, ma molto brutta.

Ormai siamo giunti al diciassettesimo capitolo per una serie che ha già abbracciato in passato esperienze di ogni genere. Gli ottimi livelli qualitativi di alcuni episodi si sono alternati ad alcune prestazioni deludenti, che hanno frustrato in passato le aspettative dei fan. Non sono mancati addirittura esperimenti MMO, recentemente portati alla ribalta tramite NFS: World, sviluppato da EA Black Box e disponibile in versione free-to-play dallo scorso mese di settembre.

Se Hot Pursuit ha costituito in parte la rinascita per quello che riguarda il versante prettamente arcade, Shift dal canto suo si è ritagliato un posto particolare all’interno del suo genere, non intendendo muoversi in diretta competizione con gli altri simulatori presenti sul mercato e assumendo un punto di vista differente, più vicino agli occhi del pilota.

 
^