Shift 2: l'abitacolo e quella sensazione che ti leva il respiro

Shift 2: l'abitacolo e quella sensazione che ti leva il respiro

Con Unleashed gli sviluppatori di Slightly Mad Studios hanno messo a punto un titolo simulativo a 360°, sistemando alcune lacune del predecessore e offrendo un’esperienza di guida adrenalinica, concentrata sulle emozioni vissute dal pilota all’interno dell’abitacolo.

di Davide Spotti pubblicato il nel canale Videogames
 

La corsa agli allori è anche online

In Shift 2 Unleashed troviamo una versione aggiornata del sistema “Autolog”, che è stato introdotto per la prima volta con successo all’interno di Need for Speed: Hot Pursuit. Per mezzo di questo strumento è possibile crearsi un proprio account e condividere contenuti con il resto della community, mostrare tempi e risultati conseguiti in pista oppure consigliare un determinato evento ai propri amici.

La modalità multiplayer non si presenta in una veste particolarmente differente da quella del primo capitolo. E’ infatti possibile optare per una partita classificata, nella quale si scenderà in pista in compagnia di altri dodici piloti, oppure partecipare ad un evento privato che coinvolga i membri del proprio Party Xbox Live. In alternativa si può accedere al cosiddetto “Duello tra Piloti”, ovvero una modalità ad eliminazione diretta nella quale l’obiettivo è scalare il tabellone fino al raggiungimento della “Corona”. Vi sono dapprima tre turni di qualificazione, in seguito quarti di finale, semifinale e la finalissima.

In ogni scontro si prende parte ad un testa a testa con un altro utente, suddiviso in due round più un terzo supplementare di spareggio nel caso i due contendenti si trovino in una situazione di parità. La crescita del proprio personaggio avviene indistintamente anche nel corso delle partite in rete, ed è l’unico modo per raggiungere agevolmente il cinquantesimo livello, dal momento che anche completando al 100% la Carriera difficilmente si riuscirà a perseguire l’obiettivo.

In questi frangenti gli sviluppatori avrebbero sicuramente potuto adoperarsi per introdurre qualche novità in più e ampliare maggiormente le variabili disponibili per coloro che non si accontentano di completare esclusivamente la campagna singolo giocatore e di disputare qualche sparuto match in compagnia degli amici.

 
^