Battlefield 3 e cosa c'è dietro Frostbite 2

Battlefield 3 e cosa c'è dietro Frostbite 2

DICE ha rilasciato al Game Developers Conference una serie di informazioni sulla tecnologia destinata a cambiare il modo di concepire la grafica nella nuova generazione. È un'occasione per fare il punto della situazione sulle caratteristiche di gioco di Battlefield 3 finora rivelate e sulle prospettive di questo attesissimo titolo.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
Battlefield
 

La storia di Battlefield

Battlefield 1942, sparatutto multiplayer sviluppato da Digital Illusions Creative Entertainment, è stato il primo sparatutto in prima persona appartenente a un grande franchise a rivedere il focus delle partite multiplayer, spostandolo dall'impostazione individualistica a quella collaborativa. Introduceva, infatti, la modalità conquest in cui i giocatori dovevano coordinarsi per conquistare e difendere dei punti di controllo.

Il gioco era basato sulla piattaforma tecnologica Refractor, sviluppata dalla software house svedese Refractor Games per il videogioco Codename Eagle rilasciato nel 1999. Successivamente Refractor Games viene acquisita da DICE, il che segna l'inizio dei lavori su Refractor 2, il motore che starà alla base proprio di Battlefield 1942, uscito a sua volta il 20 settembre 2002. DICE ha utilizzato tecnologia Refractor anche per Battlefield 2, Battlefield 2142 e i più recenti Battlefield Heroes e Battlefield Play4Free.

Battlefield 1942

Il secondo titolo della serie è Battlefield Vietnam, uscito nel 2004 su PC. Cambia l'ambientazione di Battlefield, passando dalla seconda guerra mondiale alla guerra in Vietnam. Mantiene, invece, la grande attenzione sulla riproduzione di armi e veicoli dell'epoca. Il gioco che sconvolge nuovamente il mondo dei giochi multiplayer è Battlefield 2, uscito il 24 giugno 2005, che riuscirà a stabilire un nuovo traguardo di vendite con oltre 2 milioni di copie vendute. Le vicende del gioco trattano di un'ipotetica guerra nel vicino futuro, i cui contendenti sono il corpo dei marines degli Stati Uniti (USMC), la Repubblica Popolare Cinese (PRC) e la Coalizione Medio Oriente (CMO).

Battlefield 2

Battlefield 2 consente di giocare in 64 contemporaneamente su ampie mappe di gioco. Presenta diversi elementi da RPG, visto che i giocatori possono sbloccare le armi, ed essere quindi più competitivi sul campo di battaglia, oltre che badge e medagliette. Le due fazioni impegnate sul campo di battaglia si dividevano in squadre, i cui membri devono seguire gli ordini di un comandante.

Il successivo capitolo della serie è Battlefield 2142, uscito nel 2006. Mentre Battlefield 2 spostava lo scenario della serie dal passato al modern warfare, il nuovo capitolo è ambientato nel XXII secolo, durante una nuova era glaciale. Il successivo capitolo di Battlefield segna il debutto su console (non c'è la versione PC), che induce DICE a sviluppare una nuova piattaforma tecnologica pensata principalmente per l'hardware dei sistemi di nuova generazione, parliamo ovviamente di Frostbite.

Battlefield Bad Company 2

Arriva così Battlefield Bad Company. Ruota intorno alle avventure di una squadra di quattro soldati dell'esercito americano (la Bad Company appunto); come sfondo, le vicende di una guerra fittizia fra la Federazione Russa e gli Stati Uniti d'America. Battlefield Heroes è invece un cartoon shooter gratuito, che basa il suo modello di business sulla pubblicità in-game e sulle micro-transazioni per l'acquisto di nuovi item in-game.

Il resto è ovviamente storia recente con Battlefield 1943, Battlefield Bad Company 2 e Battlefield Play4Free, quest'ultimo completamente gratuito. Bad Company 2 introduce la nuova piattaforma tecnologica Frostbite 1.5 su PC. Frostbite 1.5, come vedremo nel dettaglio nelle prossime pagine, migliora la tecnologia soprattutto per quanto riguarda la distruzione degli ambienti, con una precisione che non ha precedenti nel mondo dei videogiochi.

 
^