Fight Night Champion: lacrime e sangue sul ring

Fight Night Champion: lacrime e sangue sul ring

Che il pugilato non sia uno sport per signorine e stomaci deboli è chiaro a tutti. Sono certamente poche le discipline di combattimento che, vantando una tradizione lunga e nobile come quella della boxe, riescono a raggiungere livelli di intensità e violenza così alti.

di Stefano Carnevali pubblicato il nel canale Videogames
 

Conclusioni

FNC è un prodotto di alto livello. Tanto a livello di tecnica, quanto di giocabilità e simulazione. Una grazia per gli appassionati di boxe, che potranno godere di un roster di livello assoluto, una grafica da urlo, un’immersione davvero reale e una simulazione completa.

Va assolutamente precisato, però, come il gioco richieda dedizione. Ogni incontro va studiato e pianificato, per essere vinto. E la condotta sul ring richiede concentrazione e applicazione costanti. Una sola leggerezza può compromettere un combattimento sin lì dominato. Realistico. Ma da ‘accettare’. L’aggravante? Una scarsa accessibilità del titolo, avaro in termini di assistenze e tutoring.

L’introduzione della modalità Champion – in cui si seguiranno ascesa, declino e riscossa del fittizio pugile Andre Bishop – è davvero azzeccata, visto che introduce in FNC i sentimenti e le emozioni tipici in uno sport individuale come la boxe. Elementi che, nelle modalità di gioco ‘classiche’ (la carriera e gli scontri tra i campioni leggendari presenti nel roster di gioco), faticano un po’ a emergere.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^