Marvel vs Capcom 3: universi a confronto

Marvel vs Capcom 3: universi a confronto

La serie Marvel vs Capcom ritorna dopo oltre dieci anni con un terzo capitolo che riesce a riproporre con successo le vecchie meccaniche di gioco, coadiuvate da un sapiente lavoro di bilanciamento e da un comparto tecnico che rende l’esperienza veloce e molto godibile.

di Davide Spotti pubblicato il nel canale Videogames
Capcom
 

Il genere crossover alla ribalta

Sono passati ormai più di dieci anni dall’ultimo capitolo di Marvel vs Capcom, ma lo spirito che muove questa serie rimane sempre inalterato. La fusione di realtà tra loro molto differenti costituisce un aspetto basilare nell’economia del franchise, che mette in relazione tra loro da un lato il nutrito roster di personaggi appartenenti all’universo Capcom e dall’altro il mondo dei fumetti firmati Marvel.

Il genere crossover ha goduto di particolare successo verso la fine degli anni ’90 e ha ormai alle sue spalle una storia piuttosto variegata, fatta peraltro di alterne vicende, visto che ottimi prodotti si alternano a titoli che non sono esenti da difetti e criticità (recentemente Mortal Kombat vs DC Universe).

Iniziamo subito col dire che Marvel vs Capcom 3 appartiene certamente alla prima categoria, garantendo una struttura di gioco solida, un sapiente bilanciamento dei vari protagonisti che calcano la scena nelle arene e un motore grafico che sa il fatto suo.

 
^