Demoni in chiave co-op con Hunted

Demoni in chiave co-op con Hunted

Abbiamo provato per circa un'ora e mezza una versione in avanzata fase di sviluppo di Hunted La Nascita del Demone, la nuova avventura co-op prodotta da Bethesda e sviluppata da inXile Entertainment. Ecco qualche prima considerazione.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
 

Gameplay

Hunted La Nascita del Demone è una sorta di gioco di ruolo con tanti elementi d'azione. Sono ricorrenti i combattimenti con i personaggi gestiti dall'intelligenza artificiale, ma nei livelli di gioco ci sono anche tanti enigmi da risolvere con la collaborazione dell'altro personaggio. Si può giocare da soli, e in questo caso si può passare da un personaggio all'altro quando si incontrano i checkpoint, ma ovviamente si può creare una partita ed ospitare un amico.

Grande attenzione è stata riposta nella caratterizzazione dei due protagonisti. Mentre Caddoc è un guerriero rude e molto potente, E'lara è una elfa decisamente sexy e agile. Ciò rende il primo più abile nei combattimenti ravvicinati e la seconda efficace con l'arco dalla distanza ma, come detto, i due ruoli sono intercambiabili. Si può passare, infatti, in qualsiasi momento dall'arco o dalla balestra alle spade, e questo vale per entrambi i personaggi.

Durante i combattimenti si possono usare le coperture e si può sparare sporgendosi da esse, e inoltre si può interagire con tanti elementi presenti negli scenari vista la comunque costante presenza della fisica.

Per certi versi Hunted ricorda un hack and slash come Diablo, per altri è il classico dungeon crawler. Procedendo nei mondi di gioco si ha la possibilità di acquisire punti esperienza, che possono essere spesi per acquistare nuove magie. Queste sono pensate per favorire la collaborazione: ad esempio, con uno dei due personaggi si può bloccare in aria un nemico e con l'altro personaggio colpirlo mentre è immobilizzato.

C'è poi il cosiddeto "battle charge", che in realtà è una sorta di buff da praticare sul compagno prima degli scontri più difficoltosi. Tenendo premuto il bumper destro del gamepad, infatti, si applica il "battle charge" al compagno, il che lo rende più resistente ai colpi degli avversari e più efficace negli attacchi. Il bumper destro, con la normale pressione, lancia le magie selezionate.

Nella parte in basso a sinistra della schermata viene riprodotta la croce direzionale, e a ogni direzione è associata una magia. Il giocatore può decidere le quattro magie da avere a disposizione sul campo di battaglia, configurando dunque il proprio personaggio. Una volta selezionata la magia, con il bumper la si può scagliare in qualsiasi momento, con la limitazione ovviamente del mana a disposizione.

Tra le magie troviamo la possibilità di ghiacciare e immobilizzare i nemici, lanciare attacchi di fuoco o scariche elettriche, curare il partner, e così via. A seconda del tipo di nemico da affrontare, un tipo di attacco può essere più efficace di un altro. Ad esempio, ci sono nemici deboli nel melèe, altri nel range, mentre altri necessitano una combinazione di attacchi per essere sconfitti velocemente. I cadaveri, inoltre, lasciano cadere alcuni elementi di equipaggiamento, che forniscono maggiore resistenza.

Per ogni pezzo di equipaggiamento lasciato cadere c'è la possibilità di confrontarlo con quello indossato e decidere così se indossarlo definitivamente o se lasciarlo perdere. Alcune armi conferiscono effetti collaterali al personaggio e sprigionano delle magie negli attacchi, in modo da infliggere ancora più danni ai nemici, oltre che attaccare ad area.

 
^