MotoGP 10/11: passione su due ruote

MotoGP 10/11: passione su due ruote

Abbiamo provato una versione non ancora ultimata di MotoGP 10/11, per cui possiamo dare un primo parere sul nuovo gioco di guida di Monumental Games.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
 

Considerazioni

MotoGP 10/11 convince in relazione al modello di guida della moto, con alcuni miglioramenti interessanti rispetto alla precedente versione. I miglioramenti alla fisica consentono di avere migliore percezione delle perdite di aderenza, a cui si può sopperire in maniera adeguata con la distribuzione del peso del corpo del centauro. Sia simulativamente che come gioco arcade, dunque, MotoGP è divertente e offre un buon livello di sfida.

Le perplessità più grandi però sono in riferimento alla grafica e all'intelligenza artificiale, i due talloni d'Achille storici della serie. La grafica è decisamente insufficiente, praticamente old-gen. Gli scenari sono spogli e anche il dettaglio poligonale delle moto è inadeguato alla nuova generazione. Alcuni circuiti come quello notturno del Qatar hanno un numero di oggetti a bordo pista realmente troppo basso. Da questo punto di vista si salvano solo alcune animazioni dei centauri e il nuovo effetto tilt della schermata, che si verifica quando si raggiungono velocità sostenute.

Anche l'intelligenza artificiale è deludente, il che non consente di avere una sfida gratificante contro gli altri giocatori. Le collisioni si verificano con troppa facilità, e lo scarso supporto della fisica in questo senso non le rende assolutamente gratificanti. È invece più convincente la fisica quando si parla di contatto tra le ruote e superfici sconnesse come i cordoli o l'erba a bordo pista. L'andamento della gara è un po' più realistico rispetto al passato, visto che si formano i trenini tipici del MotoGP e ci sono battaglie per la posizione fino all'ultima curva.

C'è inoltre un livello di sfida diverso tra qualifiche, decisamente più difficili, e gara. Mentre nel primo caso uscire di pista anche di qualche centimetro comporta una penalità sul tempo, nel secondo sono tollerate uscite di pista e anche collisioni con gli altri piloti più o meno violente. Nel rettilineo, inoltre, è troppo facile superare gli avversari, e quindi si possono guadagnare anche diverse posizioni insieme, ponendo rimedio a eventuali errori nel misto.

Per il resto MotoGP 10/11 è il solito gioco immediato, che sarà sicuramente gradito da chi ama questo campionato ed è disposto a sorvolare sui limiti a grafica e intelligenza artificiale. Sorprende soprattutto la modalità Carriera, con una progressione delle varie gare veloce gratificante e immediata, e il multiplayer, che consente di giocare in 20 contemporaneamente. I giocatori, inoltre, possono unirsi alla corsa in qualsiasi momento come spettatori per verificare le proprie potenzialità rispetto alla concorrenza prima di iniziare la gara.

Sempre restando in ambito multiplayer, tramite il sistema di gioco in split screen, è possibile aggiungere un secondo giocatore alla corsa come compagno di squadra per aiutare a raggiungere la pole position con più facilità.

MotoGP 10/11 simula la stagione di MotoGP appena conclusa: i giocatori, infatti, possono giocare direttamente con tutti i propri piloti preferiti, da subito e in tutte e quattro le modalità di gioco previste. Monumental Games promette il rilascio di aggiornamenti con le nuove livree e i nuovi piloti. Gli aggiornamenti verranno diffusi tramite DLC.

MotoGp 10/11 è previsto nei formati PlayStation 3 e XBox 360 nel corso della primavera.

9 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Lanfi22 Febbraio 2011, 16:13 #1
Guardando l'ultima immagine dell'articolo (la honda repsol ripresa dal fianco) mi viene da domandarmi, con una punta di irritazione, come sia possibile che nel 2011 un gioco di moto abbia ancora dei veicoli che non hanno le ruote perfettamente circolari.

Per quanto riguarda i grandi giochi citati nell'articolo che hanno fatto la storia di questo genere non posso che essere d'accordo con il redattore: li ho avuti entrambi e sono stati davvero dei gran giochi. Con gp500 in particolare ci ho giocato una vita....
Tesla8922 Febbraio 2011, 17:41 #2
Orrendo! Siamo nel 2011 e ancora ci troviamo con sta grafica così scadente? Il migliore in assoluto a mio parere sia graficamente che a livello di guida rimane moto gp 2008...
19giorgio8722 Febbraio 2011, 20:55 #3
GP500 rimane il migliore
hermanss22 Febbraio 2011, 22:51 #4
GP500 rimane il migliore

quoto
Bei tempi ci giocavo sul P2 300mhz con Matrox G100.
Wolfman8523 Febbraio 2011, 02:00 #5
Niente sarà mai al livello dello storico Gp 500!! E gli ultimi moto gp erano solo consolate arcade per bimbiminchia che ti facevano sbadigliare dopo 2 giri!!!
W lo storico Gp 500!!!!
SaKi&L24 Febbraio 2011, 11:44 #6
E superbike 2001? dove lo mettiamo? cmq a vedere gli screen la grafica è rimasta più o meno lì...
FraDimi24 Febbraio 2011, 12:13 #7
Originariamente inviato da: Wolfman85
Niente sarà mai al livello dello storico Gp 500!! E gli ultimi moto gp erano solo consolate arcade per bimbiminchia che ti facevano sbadigliare dopo 2 giri!!!
W lo storico Gp 500!!!!


Eh gia... ancora oggi GP 500 è insuperabile
sassi24 Febbraio 2011, 16:52 #8
Non sono d'accordo con la preview.
Ho preso Motogp 2008 (Milestone) e Motogp 09/10. Questo è una evoluzione del capitolo precedente sempre sviluppato da Monumental Games Racing e non ha nulla a che vedere con quello Milestone che condivide purtroppo solo l'editore.

Il modelo di guida è pessimo, la moto rimane inguidabile ed è una impresa frenare.
Rimane comunque un "arcade" di mediocre livello a lato guida e grafica.

Altro che simulazione, è quasi migliore il capitolo precedente.
Rispetto al predecessore si sente forse solo un poco di più il peso della moto ed ha una IA migliore. Graficamente ha fatto un passo indietro, quando gia l'anno scorso a livello puramente grafico sembrava un titolo da ps2,

L'unica cosa che a me piace sono le "fattezze" del pilota che secondo me sono fatti molto bene (anche rispetto a quelle dei ragazzi di Milestone) anche se con texture di qualità media.
Arjumand27 Dicembre 2014, 09:11 #9
dico che mi basta che sia sufficiente il comparto telefonico dato che se prendo uno smart lo compro soprattutto per usarlo in altri modi, e poi esistono i bluetooth se si sente male che sono decisamente più comodi se uno telefona molto. Per la ricezione (apparte gli iphone 4 ihhiihhi) non ho sentito lamentele in questo forum in generale. Dato che uno smart costa in media 3-400 euro contro 100 di un cell... 2-300 euro di differenza la paghi per avere più di un cellulare. quindi il motivo principale per cui prendi uno smartphone a livello monetario è per avere le altre funzionalità. Come la fotocamera deve essere sufficiente per fare foto, l'area telefonica mi basta che sia sufficiente.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^