Videogiochi: cosa aspettarsi dal 2011 - Seconda parte

Videogiochi: cosa aspettarsi dal 2011 - Seconda parte

Continuiamo il nostro percorso fra i titoli più attesi del 2011 con questa seconda e ultima parte. Analizziamo, tra gli altri, Duke Nukem Forever, Mass Effect 3, Diablo III, Tomb Raider e Battlefield 3.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
BattlefieldDiablo
 

The Witcher 2 Assassins of Kings (PC)

Uscirà il 17 maggio l'edizione PC di The Witcher 2 Assassins of Kings, nuovo gioco di ruolo della software house polacca CD Projekt, responsabile anche del servizio di distribuzione digitale Good Old Games. CD Projekt ha parlato anche di una possibile versione console di The Witcher 2, che comunque arriverà in un secondo momento. Non è detto che The Witcher 2 sarà disponibile su console entro il 2011.

The Witcher 2 è basato sulla nuova tecnologia grafica proprietaria TSOOD, sviluppata da 20 programmatori che hanno lavorato su di essa per tre anni. Mette a disposizione diversi tool pensati per la creazione di giochi di ruolo non lineari. Gli sviluppatori di terze parti possono creare materiali, territori, script, ambienti grazie a tool dedicati a ciascuna di queste componenti. Il precedente The Witcher era basato sulla vecchia tecnologia Aurora di BioWare, e il passaggio al nuovo motore grafico è dunque ben evidente già dai primi istanti di gioco. Le immagini sono notevolmente più definite, i volti dei personaggi esprimono realisticamente le emozioni e le azioni sono seguite in maniera cinematografica con telecamere studiate per l'occorrenza.

La componente cinematografica è molto curata, come del resto succedeva anche nel primo The Witcher. Se nel vecchio rpg di CDProjekt c'erano 53 minuti di sequenze cinematografiche, adesso ce ne sono circa 150. In The Witcher 2 ci saranno tre possibili inizi della storia, determinati dalle scelte iniziali del giocatore, e ci sono 16 possibili finali diversi. Nel primo The Witcher, invece, i finali diversi erano 3. La personalizzazione del protagonista Geralt sarà altrettanto curata, con oltre 30 tipi di equipaggiamento differenti.

Il sistema di combattimento è notevolmente più dinamico. CDProjeckt ha inserito un numero di animazioni notevolmente superiore rispetto al passato e i rinnovati ritmi portano il giocatore a individuare i giusti tempi di intervento per arrecare più danni ai nemici. Nel combattimento corpo a corpo c'è il sistema dei quick time events: il giocatore deve premere il tasto giusto nel momento giusto per produrre danni invece che subirne. Il nuovo sistema di combattimento, in definitiva, avvicina The Witcher 2 più a un gioco d'azione che a un rpg.

Ci sono comunque tantissimi modi per personalizzare il proprio personaggio. Bisogna individuare i pezzi di equipaggiamento adatti per migliorare le sue statistiche e nel corso del gioco si trovano equipaggimento e armi via via migliori. Si personalizzano le abilità, mentre le rune consentono di migliorare le armi. Il giocatore può spegnere le torce per passare inosservato dalle guardie che pattugliano il castello dove Geralt è imprigionato. Al buio, ci si può avvicinare indisturbati alle guardie e farle fuori una per una. Inoltre, ci si può agganciare alle pareti come avviene in Gears of War, e monitorare inosservati il comportamento delle guardie.

The Witcher 2 è fortemente basato sulle scelte del giocatore. A seconda del suo comportamento, infatti, varia l'atteggiamento dei personaggi gestiti dall'intelligenza artificiale e si verificano situazioni diverse. Per esempio, può attaccare direttamente con la spada le guardie invece che spegnere le torce. In questo modo, genererà il panico nelle guardie che, allertate, saranno pronte ad attaccarlo appena lo vedono.

Se si svolgono le quest facoltative e le si completano si possono ottenere nuovi oggetti e soprattutto si cambia l'atteggiamento dei personaggi soccorsi. Uno degli obiettivi principali in The Witcher 2 è quello di farsi più amici possibili prendendo le decisioni giuste.

In The Witcher 2 sarà possibile importare i salvataggi realizzati con il primo capitolo: le decisioni prese nel passato dai giocatori, quindi, avranno un effetto anche nel seguito. Alcuni personaggi che sono presenti in entrambi i giochi, inoltre, avranno un certo tipo di reazione a seconda di come è stato completato il primo capitolo.

Ci sarà poi un particolare livello di difficoltà, definito "Insane", in cui i giocatori non avranno possibilità di continuare l'avventura in seguito a una morte. Si avrà la possibilità di salvare, ma se si morirà questi salvataggi non saranno più disponibili. Lo sviluppatore sta comunque pensando di introdurre in un secondo momento rispetto al rilascio, probabilmente con un DLC, una pergamena che consenta la resurrezione. Inoltre, i giocatori che termineranno The Witcher 2 al livello "Insane" riceveranno un achievement speciale.

 
^