Videogiochi: cosa aspettarsi dal 2011 - Prima parte

Videogiochi: cosa aspettarsi dal 2011 - Prima parte

I titoli più importanti, in fatto di gameplay e di tecnologia, dell'anno appena entrato. Le caratteristiche, i dettagli tecnici e le aspettative sui 38 videogiochi più promettenti tra quelli che saranno rilasciati nel 2011. Si parla, tra gli altri, di Shogun 2 Total War, Gears of War 3, Batman Arkham City, Skyrim.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
Total War
 

Bulletstorm (PC, PS3, 360)

Sviluppato da People Can Fly (serie Painkiller) congiuntamente a Epic Games, Bulletstorm è uno degli fps graficamente più promettenti del 2011. Si basa su una versione ampiamente evoluta di Unreal Engine 3, capace di gestire più poligoni e rinnovati effetti di luce, oltre che mostri di maggiori dimensioni.

Lo scopo ultimo del gioco è quello di uccidere i nemici in maniera creativa sfruttando lo scenario: più si è originali e un maggiore quantitativo di punti viene assegnato. Per ogni uccisione, infatti, il sistema notifica con una scritta il tipo di uccisione realizzato e informa il giocatore del quantitativo di punti guadagnato.

I due personaggi protagonisti di Bulletstorm si chiamano Grayson Hunt e Ishi Sato. Il gioco è ambientato in un futuro alternativo su un pianeta alieno su cui viene mandata una forza militare di pace per porre fine alla guerra civile locale. Grayson e Ishi si ritrovano in un mondo ai confini della galassia popolato solamente da mutanti. Hanno due obiettivi: abbandonare il pianeta e avere la propria vendetta sull'uomo che li ha mandati sul pianeta ostile.

BulletStorm offre un sistema di coperture simile a quello di Gears of War e si combatte con boss di grandi dimensioni, come elicotteri. Ci sono anche i combattimenti ravvicinati ed è possibile interagire con gli scenari per mettere fuori combattimento gli avversari. Si possono usare combinazioni tra armi, abilità del personaggio, calci e pugni ed elementi degli scenari per provocare, ad esempio, delle scariche elettriche sui corpi degli avversari.

L'interazione con gli ambienti si verifica su vari livelli: ad esempio, il protagonista può generare una sorta di corda elettrica con cui agganciare gli oggetti e spostarli nello scenario. Ad esempio, può agganciare un tram per colmare un vuoto. Crolli si verificano in varie parti dello scenario, con effetti di micro-distruzione dei palazzi.

Una parte adrenalinica riguarda i combattimenti con i boss, composti da un numero superiore di poligoni e dotati di armi più efficienti e veloci. Colpire in specifiche parti del corpo dei nemici può risultare più efficace. In definitiva, BulletStorm è uno sparatutto immediato in cui il giocatore deve prendere tante decisioni in pochissimo tempo e pensare soprattutto a sparare proiettili su proiettili. Un altro obiettivo degli sviluppatori è avere un frame rate solido senza rinunciare alla profondità dei livelli di gioco e al supporto della fisica. Uscirà il 22 febbraio.

 
^