2010: stagione natalizia deludente sul piano della qualità?

2010: stagione natalizia deludente sul piano della qualità?

Come sapete, sono un accanito videogiocatore, e questo mi porta alla costante ricerca di titoli validi lungo tutto l'arco della stagione videoludica. Nel momento in cui si verifica una flessione la avverto in maniera netta: insomma, se ci fosse un periodo dell'anno con titoli mediamente deludenti e senza prodotti che spiccano in maniera particolare, avvertirei l'esigenza di tornare su qualcosa di più vecchio o su altri media di intrattenimento.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
 

Come sapete, sono un accanito videogiocatore, e questo mi porta alla costante ricerca di titoli validi lungo tutto l'arco della stagione videoludica. Nel momento in cui si verifica una flessione la avverto in maniera netta: insomma, se ci fosse un periodo dell'anno con titoli mediamente deludenti e senza prodotti che spiccano in maniera particolare, avvertirei l'esigenza di tornare su qualcosa di più vecchio o su altri media di intrattenimento.

Credo che sia successa questa cosa nella stagione natalizia 2010. Rispetto alla prima parte dell'anno, e forse per la prima volta in questa generazione di console, dal mio punto di vista c'è stato un evidente calo nella qualità dei videogiochi rilasciati. Titoli come Medal of Honor, Call of Duty Black Ops, Disney Epic Mickey, Fable III, Vanquish, non hanno dal mio punto di vista rispettato le promesse.

Quello che temo è che molti publisher stiano pensando di utilizzare la stagione natalizia per rilasciare quei titoli "facili", che magari appartengono a franchise che sai che incasseranno un sacco di soldi, senza pensare molto alla qualità. Call of Duty può essere un chiaro esempio di questo fenomeno, soprattutto perché Treyarch, dal mio punto di vista, non riesce a raggiungere le vette di immedesimazione e di qualità di Infinity Ward nel single player di Cod.

Altro accadimento che mi ha lasciato spiazzato riguarda Medal of Honor. Si tratta di un franchise molto forte, perché ha una certa storia ma soprattutto perché è simile a Call of Duty. È inutile ripeterlo, Cod ormai è un fenomeno che va oltre il mondo dei videogiochi, visto che con Avatar è il prodotto dell'industria dell'intrattenimento che ha avuto più successo in assoluto. Avere un titolo simile a Cod per un publisher che deve fare tanti zeri come EA è quindi fondamentale.

Però l'esigenza di rilasciare Medal of Honor nella stagione natalizia ha comportato il posticipo di Crysis 2, titolo che appartiene allo stesso genere di gioco, ma che, tutti ce lo auguriamo, sembra poter garantire una qualità superiore. Medal of Honor, invece, è un gioco per certi versi piatto, che non aggiunge niente all'esperienza di Call of Duty, anzi la peggiora da alcuni punti di vista, come il multiplayer.

D'altronde questo calo della qualità (che ovviamente non riguarda altri giochi interessanti come Gran Turismo 5, Need for Speed Hot Pursuit o Assassin's Creed Brotherhood) non ha ripercussioni monetarie. Secondo i dati di Npd, infatti, a novembre l'industria dei videogiochi è tornata in crescita dopo sette mesi di calo, dovuti alla stagnazione, ormai, del mercato delle console di nuova generazione.

Activision, inoltre, ha annunciato che Black Ops ha superato il miliardo di vendite in un solo mese, mentre ne sono serviti due a Modern Warfare 2 per raggiungere lo stesso traguardo. La stessa EA si è dichiarata soddisfatta delle vendite di Medal of Honor e dei risultati qualitativi raggiunti, nonostante il gioco abbia venduto "solo" due milioni di copie e abbia una media di 70 nelle valutazioni della critica del settore.

Quel che interessa capire, tuttavia, è se si tratta di un fenomeno passeggero o se ci dobbiamo abituare a titoli qualitativamente inferiori per la stagione natalizia, ma che assicurano grandi guadagni ai publisher. L'anno scorso, in fin dei conti, nella stagione natalizia giocavamo a titoli del calibro di Uncharted 2, Dragon Age Origins e Modern Warfare 2, che considero sensibilmente migliori di quelli di quest'anno.

Per la prossima stagione natalizia, inoltre, sono attesi The Elder Scrolls V, Batman Arkham City, Rage, Uncharted 3, Gears of War 3: ci saranno sicuramente posticipi, ma le premesse sono sicuramente confortanti. Pubblicheremo nei prossimi giorni uno speciale che comprende tutti i principali rilasci del 2011, in modo da avere un'idea più chiara di quello che succederà.

Insomma, segnali incoraggianti che dovrebbero smentire la tendenza di cui parlo in questo piccolo editoriale. Quel che è certo è che il 2010 rimane un anno grandioso per i videogiochi, visto che sono stati rilasciati tantissimi prodotti che rimarranno nella storia. A tal proposito, invito tutti a partecipare al nostro sondaggio sul miglior gioco del 2010, perché più voti abbiamo e più è attendibile il sondaggio. Altri dettagli sono disponibili qui.

  • Articoli Correlati
  • Medal of Honor: conflitto nella modernità Medal of Honor: conflitto nella modernità Dopo oltre tre anni dalla pubblicazione di Medal of Honor: Airborne, la saga di sparatutto prodotta da EA si arricchisce di un nuovo capitolo. A sottolineare il radicale distacco col passato, il fatto di non sottotitolare il gioco, chiamandolo semplicemente con il nome della saga. Medal of Honor, appunto. Provata la versione XBox 360.
14 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
tazok23 Dicembre 2010, 17:25 #1
a me sembra invece che la qualità sul comparto "gaming mobile" sia aumentata drasticamente. Non scordiamoci la fascia (pesante) di casual mobile gamers..
Ste powa23 Dicembre 2010, 19:00 #2
secondo me la qualità dei giochi si è abbassata ; forse ci sono un paio di giochi che si salvano ( ma perchè nell' articolo non è stato menzionato Battlefield Bad Company 2? ) .
Nonostante ciò secondo me non è stato un anno bruttissimo tenendo conto della crisi economica e sopratutto del fatto che le console (vecchie)danneggiano la qualità grafica ( a volte a del gameplay )
Jon_Snow23 Dicembre 2010, 20:40 #3
Il mercato sta subendo un cambiamento. L'utenza media non è più il classico moccioso che deve aspettare le festività per farsi compare i giochi. Il grosso delle vendite lo fanno gli hardcore che i giochi li comprano appena escono ed in qualunque momento dell'anno perché solitamente sono abbastanza grandi per possedere un lavoro. Un'evoluzione che potrebbe rilevarsi positiva, sia dal punto di vista del consumatore, falicitato nell seguire le uscite migliori durante un intero anno e sia da quello dei publisher, che si evitano di farsi concorrenza da soli.

Hai citato giochi come Medal of Honor, Disney Epic Mickey, Fable III, Vanquish. Ma qualcuno ha mai realmente creduto che uno di questi fosse una reale AAA sullo stile di un Uncharted o di un Gears of War? Non penso. E non c'è ironia nelle mie parole: nessuno di questi giochi ha il carisma, ha quella forza da essere il killer dei regali sotto l'albero. Il marketing può solo metterci una pezza. La sostanza è che nessun publisher, eccetto i classici black ops o fifa che hanno cadenza annuale, ha realmente puntato al natale per spararsi una cartuccia degna di questo nome.

Secondo le date molto approssimative il 2011 dovrebbe essere un ritorno al passato. Staremo a vedere se sarà così.
fbrbartoli23 Dicembre 2010, 22:14 #4
per il 2011 tengo d'occhio dead space 2, batman e tutti i prodotti valve con portal 2 in primis. I moh e cod non li ho mai manco considerati e mai li considererò perchè per il multiplayer i prodotti della valve battono tutti...
Max_R24 Dicembre 2010, 11:17 #5
Andiamo, lo sanno tutti che il natale è da dedicare agli oldies
Nessuna scusa quindi per non riesumare qualche vecchia perla.
Lanfi24 Dicembre 2010, 11:23 #6
Ragazzi ma l'articolo lo leggete? Il redattore parlava dei titoli usciti per la stagione natalizia, non di tutti i titoli del 2010!

Ad ogni modo sono assolutamente d'accordo con tutti ciò che è stato detto nell'articolo. Aggiungo che sono un po' spaventato dal fatto che giochi qualitativamente scarsi riescano a vendere incredibilmente bene grazie al loro "brand".
Capozz24 Dicembre 2010, 12:05 #7
Tutto l'anno è stato un pò "triste" sul versante videoludico.
A parte Battlefiled Bad Company 2, Starcraft II, Red Dead Redemption e Mass Effect II il 2010 è stato un anno di magra, condito anche da (imho) strepitosi flop come gli attesissimi Mafia 2 e Gran Turismo 5.
Speriamo nel 2011
flapane24 Dicembre 2010, 13:01 #8
Mafia 2 è stato anche peggio di un flop.
Giocando massimo ad un paio di giochi l'anno, ho bilanciato con Assassin's Creed, in attesa di Tomb Raider nel 2011.
fbrbartoli24 Dicembre 2010, 15:23 #9
Questo articolo fa a cazzotti con il precedente riferito a COD Black Ops. Che siano valse a qualcosa le critiche?
bronzodiriace25 Dicembre 2010, 14:30 #10
il 2010 ha portato mario galaxy 2 e donkey kong returns.

Due perle.
Personalmente posso essere soddisfatto di questi due titoli AAA.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^