Football Manager 2011: le novità del gioco più venduto in Italia

Football Manager 2011: le novità del gioco più venduto in Italia

L'edizione 2011 di Football Manager conferma le qualità storiche della serie e si conferma come il videogioco più venduto in Italia nella settimana del lancio. L'articolo include l'intervista a Ben Cooper, marketing manager di Sega.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
 

Conclusioni

Football Manager 2011 nella settimana del suo lancio è stato il videogioco più venduto in assoluto in Italia. È un dato molto importante, che da una parte evidenzia ancora una volta la passione degli italiani verso il calcio, dall'altra premia un gioco che è diventato praticamente perfetto, con un livello di realismo impressionante. Fm 2011 è un gioco estremamente complesso, al punto che richiede un livello di concentrazione molto elevato, e che potrebbe per questo scontentare un certo tipo di giocatori che si aspettano più immediatezza e maggiore facilità d'uso.

L'elevato numero di traguardi che si possono raggiungere (acquisto di un giocatore, vittoria in una competizione, miglioramento dello stato psicologico della squadra) genera un effetto di dipendenza, che ben conoscono tutti i fan di vecchia data di Football Manager. Vanno bene tutte le novità introdotte, ma il cuore della serie è sempre quello, e inevitabilmente ti cattura se sei appassionato di calcio, costrigendoti a dedicare al gioco una quantità di tempo certo non indifferente.

Le novità che dal mio punto di vista sono più efficienti in Fm 2011 riguardano la nuova componente di preparazione della partita e le conversazioni personali con i giocatori. Risolvono, anche se forse non ancora in maniera completa, quelli che ritengo due difetti "storici" della serie: il fatto che non ci siano ripercussioni sui giocatori quando si cambia modulo, magari scegliendo un modulo che non è stato prima allenato, e l'impossibilità di incidere in maniera pratica sul morale degli atleti.

La nuova componente di preparazione della partita, oltre a consentire di "far gruppo", ci permette di monitorare il livello di familiarità che la squadra ha con le tattiche. Le converazioni private con i giocatori, d'altra parte, se si scelgono gli argomenti giusti e il giusto tono, consentono di migliorare lo stato psicologico degli atleti, che altrimenti viene determinato solamente dai risultati. Certo, queste conversazioni sono più godibili all'inizio, mentre a lungo andare le possibili argomentazioni risultano ripetitive, visto che l'elenco non è certo sterminato.

È molto migliorata anche la gestione della fatica dei calciatori: adesso è praticamente impossibile schierare un giocatore due volte per settimana e gli atleti più freschi hanno un impatto differente, maggiormente decisivo, sul campo. L'andamento della partita, inoltre, adesso è decisamente realistico, e la casualità che c'è sui reali campi di gioco è ben simulata anche da Football Manager.

Un punto migliorabile è invece il motore 3D della partita, che ancora presta il fianco a qualche critica per via delle animazioni legnose e del basso livello di complessità poligonale. Non è certo l'elemento principale per Football Manager, ma visto che la serie si aggiorna di anno in anno e che il resto è praticamente perfetto e ha raggiunto ormai una complessità così elevata, magari Sports Interactive potrebbe dedicare più tempo anche a questa componente.

Per il resto è il solito Football Manager, che ti tiene incollato al monitor perché vuoi ottenere i tuoi obiettivi e che presenta un andamento molto realistico delle partite. Se possiamo, consigliamo di salvare sempre al termine di ogni partita: alcuni, furbescamente, riprendono i vecchi salvataggi in modo da escludere una partita andata male, alle volte per pura sfortuna come un infortunio che non ci voleva, un gol rocambolesco o l'arbitraggio non perfetto. Ritengo che avere l'esperienza di gioco continua, senza ricorrere a questi stratagemmi, sia il modo migliore per giocare Football Manager.

Fm 2011 è in commercio dal 5 novembre nei formati PC e Mac e arriverà il 26 novembre su PSP.

  • Articoli Correlati
  • Killzone 3: nuovi limiti per grafica e sonoro su console Killzone 3: nuovi limiti per grafica e sonoro su console Abbiamo provato la versione per il beta test del nuovo sparatutto in prima persona di Guerrilla Games. Subito un primo approccio molto positivo con il terzo capitolo di una delle serie più costose di sempre.
  • Star Wars Il Potere della Forza II: il lato oscuro della Forza Star Wars Il Potere della Forza II: il lato oscuro della Forza Come appassionato di Star Wars di vecchissima data, avevo molto apprezzato il primo episodio della saga del Potere della Forza. Gli eventi narrati, andavano a raccontare un'interessante vicenda che si inseriva tra il III e il IV capitolo della saga principale: mentre l'Impero muoveva i primi passi concreti, Darth Vader era impegnato nella caccia ai cavalieri Jedi superstiti. Proprio durante una di queste missioni 'assassine', l'oscuro Sith si sarebbe imbattuto in un bambino che avrebbe deciso di tenere con sè, facendone il proprio apprendista.
  • Prima storia poi shooter. Homefront sfida Call of Duty Prima storia poi shooter. Homefront sfida Call of Duty La Corea invade gli Stati Uniti, sottomettendone la popolazione. Terrore, angoscia, e voglia di riconquistare la libertà perduta sono le emozioni che saranno protagoniste nella campagna single player di Homefront. Include l'intervista a Jeremy Greiner, community manager di Kaos Studios.
1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
PESCEDIMARZO20 Novembre 2010, 11:48 #1
Andava migliorata l'elaborazione in background delle altre partite e dei campionati, invece li elabora sempre tutti di un botto e ti ritrovi con i soliti tempi morti anche su PC di livello alto (corei7 920, 6gbDDr3 e SSD).
E' vero che la grafica non è essenziale in FM, ma se metti il 3d perchè non farlo almeno dignitoso invece che con la grafica di 15 anni fa?
Per il resto solito grande Fm, una droga per gli appassionati.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^