Test Drive Unlimited 2 inaugura una nuova stagione per i MOOR

Test Drive Unlimited 2 inaugura una nuova stagione per i MOOR

Abbiamo assistito alla presentazione per l'Italia di Test Drive Unlimited 2 e giocato per qualche ora alla versione per lo stress test del nuovo MMOR di Eden Games. Ecco le prime impressioni.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
 

Social

MOOR, ovvero Massively Open Online Racing, o gioco di corse online a partecipazione di massa come viene tradotto sul sito ufficiale. Parliamo della sigla che definisce Test Drive Unlimited 2 ed evidenzia le ambizioni di questo progetto prodotto da Atari e sviluppato da Eden Games, già conosciuta, oltre che per il primo Tdu, anche per V-Rally e Alone in the Dark.

Abbiamo assistito alla presentazione per l'Italia di Test Drive Unlimited 2, presso gli uffici del distributore italiano Namco Bandai (occasione in cui abbiamo avuto modo di intervistare Vincent Farquharson, Executive Producer di Atari), in cui ci sono state mostrate alcune caratteristiche avanzate di Tdu 2. Inoltre, abbiamo speso qualche ora con la versione di Tdu 2 per lo stress test, ancora incompleta.

Nello scorso week end, infatti, Atari ha organizzato una fase di beta testing aperta sostanzialmente a tutti (bastava richiedere la key da Fileplanet): l'obiettivo era caricare il più possibile i server di gioco, in modo da collaudarne l'affidabilità. Si trattava di una versione piuttosto acerba di Tdu 2, con sole sei vetture e quattro competizioni, in un mondo di gioco ancora scarsamente popolato e poco rifinito, ma che faceva luce su alcune delle nuove caratteristiche di Test Drive Unlimited, prima fra tutte quella da social game.

Oltre alla rinnovata infrastruttura tecnologica, decisamente più solida di quella del precedente capitolo, Tdu 2 si differenzia dal predecessore proprio per la rinnovata componente social. Eden Games ha costruito un mondo esplorabile che favorisce la personalizzazione e il contatto con gli altri giocatori, cose che sono ricompensate anche come punti esperienza. In Tdu 2 si va in giro per personalizzare la propria casa o la propria auto, ma anche il proprio aspetto esteriore; inoltre ci sono tante occasioni per scambiare quattro chiacchiere con gli altri giocatori. Eden Games ha voluto inserire una componente simile al PlayStation Home, per intenderci.

Il gioco presenta un alto numero di sequenze di intermezzo, che portano avanti la storia e descrivono il mondo di Tdu 2. Quello che Eden Games offre ai giocatori è una riproduzione della vita di lusso di magnati che vivono alle Hawaii, un posto dove tutto è consentito, donne e ovviamente auto da capogiro. Si inizia in una festa di compleanno, a cui partecipano diverse persone: il giocatore assiste ai festeggiamenti e alla fine della cut scene può scegliere quale personaggio interpretare.

Sarà lui il fortunato che sarà condotto in uno splendido garage da un altrettanto splendida ragazza: lì troverà la sua prima auto di lusso. Si inizia, insomma, subito bene: in Tdu 2 non si deve mai scendere a compromessi: tutti hanno la propria vettura dei sogni e in qualsiasi momento. Forse è questo l'unico elemento che resta in comune con lo storico Test Drive del 1987: si guidavano auto da sogno in scenari esotici, cosa che accade puntualmente anche in Tdu 2.

Sulla mappa di gioco di Tdu 2 si trovano diverse sfide, alcune affrontabili in single player e altre in multiplayer. Ci sono sblocchi, esperienza e progressione nella storia sia per il single player che per il multiplayer. Si possono acquisire punti, inoltre, in quattro categorie, e il computo complessivo dei punti determina il livello di esperienza complessivo. Il livello massimo è 70.

Le quattro categorie sono competizione, social, scoperta e collezione. Nel primo caso occorre vincere le gare e completare le sfide. Nel secondo stringere amicizie e avere rapporti con gli altri giocatori. Quanto alla scoperta, bisogna perlustrare il maggior numero possibile di strade, fare fotografie, trovare i rottami di veicoli che possono essere riparati e sbloccare nuovi fiammanti veicoli. La componente di collezione prevede l'acquisto di vetture specifiche, di case, di mobilio e vestiti.

Benché non ci sia la possibilità di scendere dalla macchina e di guidare il proprio personaggio mentre si sposta a piedi, ci si può recare in alcune specifiche location. In queste occasioni ci si ritrova a guidare il personaggio dalla prospettiva in prima persona, e si può interagire con gli altri giocatori. Il controllo diretto del personaggio avviene se ci si reca alla scuola guida, così come al centro estetico per personalizzare i tratti somatici, o dal concessionario delle auto o quando si avvia una nuova gara.

Alla scuola guida si apprendono le basi della guida: l'insegnante propone dei circuiti disegnati con dei coni e spiega cosa fare. Poi tocca al giocatore ripetere quanto ha imparato. Ci si ritrova nella prospettiva in prima persona anche a casa propria: qui si può personalizzare l'arredamento e decidere i colori. Il giocatore può acquistare più di una casa con relativo garage dove conservare le auto. In TV si possono guardare le previsioni meteo, che corrispondono a ciò che succede nella simulazione, visto che Eden Games ha pensato alla gestione dinamica del meteo, con ripercussioni sulla guida. Le condizioni meteo però non dipendono da quanto avviene nella realtà.

C'è poi il negozio di vestiti, in cui si può personalizzare il vestiario dell'alter ego, oppure il centro estetico. Si parcheggia la macchina, si entra nell'edificio e qui un'infermiera propone un serie di cambiamenti che è possibile fare al proprio volto e al proprio fisico. Una volta accettati i cambiamenti ci si sdraia sul classico lettino e la chirurga comincia a operare. Alla fine dell'operazione si esce dal centro con il volto completamente avvolto dalle bende. La chirurga ci avverte che questa condizione durerà per un po', poi tutto tornerà alla normalità. Insomma, di elementi ironici come questo in Tdu 2 ce ne saranno parecchi, anche perché ci toccherà guidare bendati e presentarci così agli altri giocatori per un po' di gare.

Quando si raggiunge un hot spot in cui si può affrontare una gara si entra in una nuova schermata in cui si gioca ancora una volta in prima persona. Si possono esaminare tutte le vetture coinvolte nella sfida, entrare in ciascuna di esse e ammirare gli interni, sia nella parte anteriore che in quella posteriore. Si può interagire con gli altri giocatori, vedere i loro sblocchi e il loro livello di esperienza nelle varie componenti, oltre che chattare con loro. Quando si è pronti si affronta finalmente la gara.

Ogni vettura si caratterizza per precisi dati, consultabili in una schermata prima dell'inizio della gara. Ci sono dati su motore, peso, cambio, velocità massima, coppia, tipologia di freni.

 
^