Dota 2: quali sono i piani di Valve?

Dota 2: quali sono i piani di Valve?

Valve ha annunciato qualche giorno fa la nuova edizione di Defense of the Ancients, battendo Blizzard sul tempo. Cosa bisogna aspettarsi da questo ritorno alle origini?

di Antonio Rauccio pubblicato il nel canale Videogames
Blizzard
 

Dota 2

Dota 2 sarà rilasciato nel 2011 per PC e Mac, manterrà il gameplay scolpito dalla mod Defense of the Ancients AllStars e l'intero roster con più di 100 personaggi. Lo stesso Icefrog è al lavoro col team della Valve, che nell'annuncio ufficiale si è dichiarato entusiasta di aver incontrato un designer così talentuoso. Naturalmente, trattandosi di un titolo della Valve, il motore grafico del titolo sarà l'ormai celebre Source Engine, per l'occasione migliorato sia per la gestione delle luci, sia per quanto riguarda la simulazione fisica dei tessuti. Il titolo supporterà inoltre la chat vocale.

Per quanto riguarda l'IA, DotA 2 aggiungerà in automatico bot ai team nei quali gli utenti online si disconnettono, e i bot saranno anche disponibili per partite di allenamento in singolo. Non è prevista però alcuna campagna single player.

Dopo il lancio del gioco, la Valve promette che saranno disponibili miglioramenti anche di Steamworks per DotA, con il supporto di premi in-game conquistabili partecipando attivamente alla community di DotA 2.

Il gioco, inoltre, avrà un sistema di coaching, che consentirà ai giocatori più abili e capaci di loggarsi come "insegnanti" per gli utenti meno esperti, e guadagnare premi in-game in base alle votazioni date dagli "studenti" che hanno usufruito delle loro lezioni. Il coach potrà vedere lo schermo di gioco dello studente, dargli indicazioni via chat vocale e evidenziare punti significativi della mappa. E sembra che Icefrog sia, stando al giudizio di Valve, un eccellente coach. Insomma, DotA 2 non sarà un nuovo titolo vero e proprio, piuttosto un porting sul Source Engine dell'originale DotA Allstars. Resta da vedere la qualità del risultato finale, l’accoglienza del pubblico e il supporto della community, vitale per il successo del prodotto.

Sul nuovo sito ufficiale di Dota 2 trovate un Q&A con IceFrog.

  • Articoli Correlati
  • Fable III: la fragile epopea di un Regno Fable III: la fragile epopea di un Regno Lionhead Studios aggiorna nuovamente il suo classico gioco di ruolo, inserendo finalmente le caratteristiche che aveva promesso già in passato. È riuscita finalmente a creare un gioco con il sufficiente livello di complessità?
  • Vanquish: Mikami porta nuovo livello di velocità negli shooter Vanquish: Mikami porta nuovo livello di velocità negli shooter Recensione e videoarticolo di Vanquish, l'ultimo gioco di Shinji Mikami, il celebre creatore della serie Resident Evil. Vanquish è un prodotto che farà felici i fan degli sparatutto per via della sua velocità, pur presentando qualche limite sul piano della longevità.
  • NBA 2K11: il miglior titolo sportivo di sempre? NBA 2K11: il miglior titolo sportivo di sempre? In occasione dell'inizio della stagione dell'NBA, Gamemag offre la recensione dell'ultimo simulatore di 2K Games. Questa edizione è dedicata a Michael Jordan. Provata la versione XBox 360.
4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Elrim04 Novembre 2010, 21:32 #1
Prevedo macelli sul nome Dota, Blizzard ha fiutato la cosa (un po' in ritardo) e difficilmente si lascerà fuggire il marchio per mano di Valve. Blizzard ne è l'ispiratrice, Dota è un team deathmatch con eroi alla War3, che a loro volta sono riduzioni degli eroi di Diablo. Dota non è altro che una custom map di War3, e ben si capisce come l'intrusione di Valve e la registrazione del nome del "mod" venga percepita come un'intrusione.
D'altro canto a Blizzard non mancano i mezzi e replicare e migliore Dota su SC2 è possibile, anche se imo il motore di Diablo 3 sarebbe perfetto se si dovesse puntare ad un gioco stand alone per controbattere Valve.
Valve da parte sua non ha nessuna esperienza in questo genere di gioco, ma può contare sulla carta Icefrog, ossia il tizio che ha in gestione il mod originale da oltre 5 anni.
Se Blizzard non molla la presa, prevedo due sicuri perdenti nella battaglia tra Blizzard e Valve: HoN e LoL. Ma staremo a vedere...
Alekz05 Novembre 2010, 12:41 #2
Non conosco bene la situazione, ma dota mi sembra fosse un mod indipendente di wc3, non vedo come possa la blizzard reclamare diritti su una mod privata, un'idea di un singolo che non è un dipendente blizzard.

Se domani io rilascio un altro sparattutto source, non credo che la valve possa reclamare il nome che ho usato per tale fps e impedirmi di rivolgermi a un publisher terzo per un eventuale seguito.
Elrim07 Novembre 2010, 00:35 #3
La cosa è molto più complessa, dal momento che Dota non è una creatura di Icefrog. In principio fu Eul (tono biblico ), che scopiazzando qua e là dai vari Aeon of Strife, da mappe Blizzard e da altri modder coniò il nome Dota per la sua creatura. Dopo meno di un paio d'anni mollò il colpo e la gestione passò a Guinsoo (ora sapete da dove viene il nome dei certe armi), che scopiazzando allegramente da Great Strategy, dalle arene, e da altre mappe arricchì notevolmente il comparto items e heroes, aggiungendo il suffisso "All Stars" alla mappa. Quando anche Guinsoo mollò, la mappa finì nelle mani di Icefrog, che semplificò ed equilibrò notevolmente i parametri estetici, puntando tutto sul perfezionamento del bilanciamento e sulla profondità del gameplay, aggiungendo piano piano moltissimi personaggi.
Eul ha già fatto sapere che non gliene frega più nulla. Idem Guinsoo. Stando così le cose, la mappa di fatto non è di nessuno, Icefrog ne ha solo la gestione, e fino all'intromissione di Valve, a Blizzard questa situazione andava benissimo.
E giusto per essere chiari, Dota contiene svariati elementi pescati a piene mani da Warcraft 3, c'è una bella differenza tra il creare un mod col Source con skin e texture originali e il crearne uno prendendo elementi a raffica da HL2. E Dota non è una mod privata indipendente da War3, gira col matchmaking di War3, gira su Battlenet e si appoggia a server Blizzard.
rokusho15 Novembre 2010, 10:52 #4

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^