Test Drive Unlimited 2 descritto da producer di Atari

Test Drive Unlimited 2 descritto da producer di Atari

Con Test Drive Unlimited 2 lo sviluppatore Eden Games intende migliorare il predecessore e allargare l'utenza del prodotto. Si tratta del decimo capitolo della gloriosa serie Test Drive. L'articolo include l'intervista a Vincent Farquharson, Executive Producer di Atari.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
Atari
 

Intervista

In occasione dell'evento di presentazione di Test Drive Unlimited 2 per l'Italia abbiamo avuto modo di intervistare Vincent Farquharson, Executive Producer di Atari, che ci ha spiegato alcune delle caratteristiche di base del nuovo gioco di Eden Games. Ecco il resoconto dell'intervista.

Gamemag: Qual è l'obiettivo principale di questo seguito? Quali aspetti del predecessore hanno avuto bisogno di più attenzioni?

Vincent Farquharson: Il primo Test Drive Unlimited è stato uno dei primi giochi con un'ampia componente single player e un'ampia componente multiplayer in un mondo di gioco persistente. È stato un ottimo prodotto per il momento in cui è uscito, ma adesso il mercato e la tecnologia hanno avuto sostanziali evoluzioni. Con questo seguito vogliamo realizzare l'ambizione originale e migliorare in tutti gli aspetti il primo Tdu. In particolare, vogliamo agevolare le interazioni tra i giocatori e rendere il tutto più immediato.

Gamemag: Ci sono molti luoghi nel gioco che possono essere esplorati dalla prospettiva in prima persona. Quello che voglio chiedere è se questa volta il focus principale sono ancora le macchine o se è diventato l'esplorazione.

Vincent Farquharson: Il focus principale rimangono le macchine. Tdu è un gioco di guida. Abbiamo lavorato molto per fare in modo che i modelli poligonali riproducessero fedelmente le forme delle macchine originali, per le quali disponiamo della licenza per impiegarle nel gioco. Tdu è quindi sempre un gioco di guida in cui prevale la sfida con alla base l'obiettivo di guidare nel miglior modo possibile, ma i giocatori adesso possono fare anche altre cose e divertirsi in maniera differente. Il giocatore può lasciare la macchina e personalizzare il proprio alter ego, la propria casa e la propria macchina, oppure esplorare, socializzare con gli altri giocatori, e così via.

Gamemag: L'esplorazione era una componente molto divertente nel gioco precedente. Sarà in qualche modo premiata in Test Drive Unlimited 2?

Vincent Farquharson: Si, sarà premiata in modi diversi. Ci sono tante aree della mappa esplorabili, ognuna con precise caratteristiche. Si guadagnano punti esperienza vincendo le gare, dedicandosi alla componente social, quindi stringendo amicizie e interagendo con le persone, scoprendo nuove parti della mappa e nuove strade, e collezionando nuovi oggetti. Ognuna di queste componenti ha una scala di esperienza, e poi c'è il livello di esperienza complessivo. In Test Drive Unlimited 2 ci sono 60 livelli di esperienza e man mano che si procede ci saranno nuovi sblocchi. L'esplorazione è una componente fondamentale che può aiutare il giocatore in modi diversi: ad esempio, andando in giro per la mappa di gioco si possono trovare dei rottami. Una volta entrati in possesso di questi rottami si ha la possibilità di sbloccare nuove vetture. La componente social è altresì molto importante: guadagni punti se interagisci con le persone, e ci sono modi diversi di interagire. Ad esempio, si può far salire sulla propria macchina un amico, che si metterà nel posto del passeggero, e potrà fornire indicazioni sulla strada da fare. In definitiva, abbiamo pensato a un sistema che premi in qualche modo l'interazione con il mondo di gioco e con gli altri giocatori.

Gamemag: Tdu 2 è basato su due mappe che riproducono le isole di Ibiza e Ohau, nelle Hawaii. Sono fedeli alle isole reali?

Vincent Farquharson: Il team di sviluppo ha collezionato molti dati delle isole reali usando tecnologia satellitare. Questi dati sono stati usati per riprodurre le due isole nel modo più accurato possibile. Ritengo che ci sia un livello di accuratezza molto alto.

Gamemag: Le condizioni meteo variabili hanno un impatto sulla guida delle vetture?

Vincent Farquharson: Assolutamente si. Quando l'asfalto è bagnato è molto più difficile controllare la macchina, che tende maggiormente a scivolare.

Gamemag: Non ci sono moto nella prima versione di Tdu 2. Verranno introdotte in un secondo momento?

Vincent Farquharson: Se nel primo gioco c'erano due modelli di guida all'opposto l'uno con l'altro ed erano quelli relativi a vetture e moto, con questo gioco i due modelli di guida opposti sono quello delle vetture tradizionali e quello delle vetture off-road. Non sappiamo se in futuro ci saranno le moto in Tdu 2, ma per il momento il tipo di guida alternativo è garantito dai veicoli off-road. La guida di questo tipo di veicoli è molto diversa, con un comportamento diverso e bisogna anche considerare le diverse caratteristiche dei circuiti su sterrato. Quindi, penso che in qualche modo siano comparabili i veicoli off-road con le moto del primo Tdu. Ci sarà una fase di testing in cui i giocatori avranno l'opportunità di provare Test Drive Unlimited 2 e collauderanno i nuovi equilibri di gioco e le nuove caratteristiche. Se riterranno opportuna la presenza delle moto allora ci metteremo a lavorare su quelle. Se ci sarà una richiesta, quindi, probabilmente verranno introdotte in un secondo momento. Lavoriamo insieme alla nostra community: in realtà i due Tdu sono due progetti diretti in un modo o nell'altro dalla nostra community, dalla quale cerchiamo di avere un'opinione su ogni specifico aspetto del gioco.

Gamemag: Quante persone possono giocare su un singolo server di gioco?

Vincent Farquharson: Il numero reale di persone presenti su ciascun server non sarà rilevante per il giocatore, perché non verrà visualizzato da nessuna parte. Non c'è un limite al numero di giocatori con cui si può interagire. Se si percorre liberamente la mappa si possono vedere un massimo di otto vetture per volta, ma ci sono molte più persone con le quali si può interagire. Abbiamo voluto evitare l'effetto confusione che si genera quando si visualizzano troppe macchine per volta. Uno dei limiti del primo gioco riguardava il fatto che era molto difficile incontrare un amico anche se si fissava un appuntamento in una specifica parte della mappa. Cio era dovuto al fatto che magari quell'amico si trovava in un'istanza diversa del gioco. Adesso abbiamo migliorato la tecnologia che gestisce questo tipo di relazioni, e sarà molto più facile incontrarsi con gli amici sulla mappa di gioco. Si potrà sempre consultare lo status di chi fa parte della propria lista amici.

Gamemag: Chi non ha mai giocato Test Drive Unlimited perché dovrebbe giocare questo seguito?

Vincent Farquharson: Tdu 2 migliora notevolmente il predecessore e consente di giocare su una mappa di gioco molto grande. Favorisce la socializzazione con gli altri giocatori. Non c'è un gioco con le caratteristiche di Tdu 2, perché è un grande gioco di guida online su mondo persistente. È un gioco dal grande nome, che offre diversi tipi di gameplay con le gare su asfalto e off-road e che ha una grafica notevolmente migliorata. Un'altra componente importante è relativa al fatto che consente di vivere le emozioni di una vita da riccone, che può permettersi vetture modernissime, di spendere tanti soldi per gli hobbies e di avere una casa da sogno.
  • Articoli Correlati
  • BlizzCon 2010: le novità dal mondo Blizzard BlizzCon 2010: le novità dal mondo Blizzard Ad Anaheim, California, si è tenuto nelle giornate del 22 e del 23 ottobre il BlizzCon 2010, l'evento di riferimento per i fan dei giochi Blizzard. "Equivale a un investimento di un milione di dollari in pubblicità in TV", dice Paul Sams, COO di Blizzard.
  • Medal of Honor: conflitto nella modernità Medal of Honor: conflitto nella modernità Dopo oltre tre anni dalla pubblicazione di Medal of Honor: Airborne, la saga di sparatutto prodotta da EA si arricchisce di un nuovo capitolo. A sottolineare il radicale distacco col passato, il fatto di non sottotitolare il gioco, chiamandolo semplicemente con il nome della saga. Medal of Honor, appunto. Provata la versione XBox 360.
  • Castlevania: la serie si rinnova a 25 anni dal primo capitolo Castlevania: la serie si rinnova a 25 anni dal primo capitolo Lords of Shadow parte con un doppio peso sulle sue spalle: non solo è il reboot di una serie che ha quasi venticinque anni sulle spalle, ma è anche l’ultimo tentativo di portare la serie stessa al di fuori dei confini del mondo 2d che l’ha resa celebre e amata. Test della versione XBox 360.
5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
appleroof26 Ottobre 2010, 13:09 #1
Il primo l'ho apprezzato per la grafica e per il fatto di essere molto arcade, della serie "siediti e rilassati per qualche ora"

questo mi pare migliorare molti aspetti del primo, per cui credo proprio lo prenderò
XSonic26 Ottobre 2010, 18:46 #2
AAAAAAAAAAAAAAAA Ho adorato TDU, fantastici le gare da 1 ora... assurde se ci ripenso, ma uniche. Spero che le isole in TDU2 siano piuttosto grandi (e che riesca a giocarci sul mio piccolo Mac )!

PS: ho ancora il poster dell'isola in camera dopo 2 anni.
lucky8527 Ottobre 2010, 15:26 #3
Originariamente inviato da: XSonic
AAAAAAAAAAAAAAAA Ho adorato TDU, fantastici le gare da 1 ora... assurde se ci ripenso, ma uniche. Spero che le isole in TDU2 siano piuttosto grandi (e che riesca a giocarci sul mio piccolo Mac )!

PS: ho ancora il poster dell'isola in camera dopo 2 anni.


beh credo che dal punto di vista delle risorse richieda un pc + performante.cmq non vedo l'ora di averlo!
ice_v28 Ottobre 2010, 19:08 #4
lo sto provando in closed beta...non è male e per ora non sembra neanche tanto pesante (con tutto su high)...comunque la mappa è gigantesca, cioè non so come era sul primo, però se devi andare da una parte all'altra dell'isola ti ci vuole un po'
<<hacker>>31 Ottobre 2010, 00:56 #5
a me non parte! e non sono l'unico
ho win7+sp1 rc

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^