Castlevania: la serie si rinnova a 25 anni dal primo capitolo

Castlevania: la serie si rinnova a 25 anni dal primo capitolo

Lords of Shadow parte con un doppio peso sulle sue spalle: non solo è il reboot di una serie che ha quasi venticinque anni sulle spalle, ma è anche l’ultimo tentativo di portare la serie stessa al di fuori dei confini del mondo 2d che l’ha resa celebre e amata. Test della versione XBox 360.

di Jonathan Russo pubblicato il nel canale Videogames
XboxMicrosoft
 

Conclusioni

Insomma il giudizio su Castlevania: Lords of Shadow non è particolarmente positivo. Il problema del calo drastico e frequentissimo di framerate è sicuramente il difetto peggiore del gioco, quantomeno perché è quello più oggettivo. L’aspetto positivo è che si può quantomeno sperare in una patch di correzione, ma rimane il disappunto per un problema così platealmente evidente, specialmente contando che non stiamo parlando del primo titolo di qualche nuova software house alle prime armi ma del reboot di una serie colossale alle cui spalle c’è un marchio non proprio nuovo nel settore dei videogiochi. L’eccellente comparto grafico, oltretutto, testimonia una cura e un investimento che proprio non avrebbero dovuto lasciare alcun margine per una mancanza così netta e grave.

Per quanto riguarda il gameplay è difficile tracciare una linea su cosa va bene e cosa no. E’ fuori questione che Lords of Shadow non sia un titolo intransigente e tecnico come possono esserlo, ad esempio, Ninja Gaiden o Bayonetta; è altrettanto vero che ci sono evidenti limiti, come la presenza di una sola arma, che uniti alla facilità intrinseca del gioco portano l’esperienza a risultare ripetitiva abbastanza in fretta.

E’ anche vero però che per molto giocatori l’idea di un titolo che quasi si gioca da sé non è necessariamente un male, specialmente per chi vuole solo passare qualche ora in assoluto relax sforzandosi il meno possibile e senza vivere il gioco come una vera e propria sfida. Per questi giocatori Castlevania: Lords of Shadow può risultare un buon titolo, superiore al voto che questa recensione gli attribuisce. In definitiva, a fare da scriminante per il reboot della serie sono le aspettative: chi si aspetta un concorrente per giochi del calibro di God of war farà meglio a continuare ad aspettare.

Qui ci sono le premesse per un clone a malapena discreto, ma nessuna per mettere anche solo in discussione i giochi precedenti da cui Castlevania va a pescare con insistenza, senza mai aggiungere nulla di suo e in molti casi senza implementare ciò che ha ‘preso in prestito’ con molta efficacia. Chi invece è solo interessato a un gioco senza pretese, che lo tenga occupato a premere tasti senza tante preoccupazioni, troverà in Lords of Shadow un gran numero di ore di ignaro e felice button-mashing.

  • Articoli Correlati
  • New Vegas, si torna nel mondo post-apocalittico di Fallout New Vegas, si torna nel mondo post-apocalittico di Fallout Abbiamo provato la versione XBox 360 di Fallout New Vegas, e deciso di dedicare a questo gioco l'articolo di lancio di Gamemag. Si tratta dello spin-off stand alone di Fallout 3.
  • The Witcher 2 si candida come miglior rpg del 2011 The Witcher 2 si candida come miglior rpg del 2011 Le caratteristiche principali del gameplay di The Witcher 2 Assassins of Kings, il nuovo rpg di CD Projekt con grandi velleità. L'articolo include l'intervista a Tomasz Gop, senior producer.
  • Fable III: usurpazione o Regno glorioso? Fable III: usurpazione o Regno glorioso? Con Fable III Peter Molyneux, mantenendo finalmente le promesse fatte anche con i precedenti capitoli, intende creare un mondo in cui ogni azione fatta dal giocatore, anche la più elementare, porta a delle conseguenze. Include l'intervista a Josh Atkins, lead designer di Fable III.
4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
predator8721 Ottobre 2010, 15:56 #1
Bellissimo.. ci persi ore davanti la ps1..
HomerTheDonutsHunter21 Ottobre 2010, 17:52 #2
Wow stroncato alla grande...pensare che de miei amici lo lodano tanto...ma sinceramente a me tutti 'sti cloni di God of War hanno stufato già da un pezzo...ormai ci gioco giusto nella speranza di una buona trama (che cmq il + delle volte mi delude) o con la mia ragazza che è la signora del button-mashing xD
BugHunter24 Ottobre 2010, 22:59 #3
Dopo aver adorato Castlevania:SOTN mi chiedevo se fosse possibile riproporre il fascino, la curiosità ed il mistero che ne caratterizzavano il gioco in un titolo a 3 dimensioni.
Purtroppo il timore che questo Lords of Shadow potesse essere un action/adventure privo degli aspetti e del casrisma che ne hanno reso celebre la serie ha trovato conferma in questa recensione.
Sembra un titolo orientato soprattutto verso i giocatori casual, con alcune doverose citazioni a sfamare i nostalgici.
Complimenti per la recensione e per il sito, sono felice di trovarne uno che abbia opinioni differenti dal gruppo.
pstefano8425 Ottobre 2010, 13:57 #4
Sicuramente è un grandissimo passo avanti rispetto ai precedenti tentativi di portare la serie in 3D.

A mio parere però i capitoli in 2D restano ancora i migliori da giocare.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^