GamesCom 2010: i giochi presentati

GamesCom 2010: i giochi presentati

Il report contiene tutte le informazioni rivelate al GamesCom e le prime impressioni sui giochi presentati, che faranno parte della prossima stagione videoludica.

di Alessandro Bordin, Dorin Gega, Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
 

BioWare

Dragon Age II
software house: BioWare Edmonton
piattaforme: PC, PlayStation 3, XBox 360
data di pubblicazione: 11 marzo 2011

Appare subito in ottima forma il seguito del gioco di ruolo che ha vinto su Hardware Upgrade la classifica dei giochi preferiti dai lettori. La prima novità di rilievo è che il giocatore non può scegliere la razza con cui giocatore e non interpreterà un personaggio con poca esperienza. Sarà subito un campione di combattimento, lo Spartano Hawke, del quale potrà personalizzare classe, genere e sembianze estetiche.

BioWare intende risolvere due principali lacune del gioco originale: il sistema di controllo e la grafica. Su console, infatti, aveva individuato una soluzione di compromesso, in modo da adattare la complessa struttura di gioco ai limiti del gamepad delle console. La grafica, inoltre, su console era comunque deficitaria. Ricordiamo che, come confermato nelle scorse settimane, Dragon Age II su PC sarà simile al suo predecessore, con un sistema di controllo quindi pensato per sfruttare al meglio le capacità di interfacciamento di mouse e tastiera.

Come dicevamo, Hawke sarà subito in grado di affrontare contemporaneamente tante creature della Prole Oscura. BioWare ha migliorato anche la componente narrativa, con sequenze maggiormente spettacolari e con una storia più definita e circostritta, pensata per sottolineare la componente emozionale. Anche la scelta di vincolare il giocatore a un personaggio ben preciso, come accade d'altronde anche in Mass Effect con il capitano Shepard, è stata presa nell'ottica di creare innanzitutto un prodotto artistico con un preciso messaggio. La storia abbraccerà un arco narrativo di dieci anni e verrà raccontata in uno stile nuovo (chiamato Frame Narrative da BioWare). È come se i fatti fossero già accaduti e verranno proposti al giocatore attraverso un dialogo tra due personaggi: un Nano di nome Varric e un'Incantatirice chiamata Cassandra, che discuteranno delle grandi imprese compiute dal protagonista della storia, Hawke, durante il suo viaggio per divenire il campione di Kirkwall.

Un'altra novità di rilievo rispetto al passato, e vale sia per le versioni console che per quella PC, è il rinnovato livello di velocità delle azioni. La generazione delle magie e i movimenti sul campo di battaglia del personaggio gestito dal giocatore e di quelli gestiti dall'intelligenza artificiale sono più rapidi, in modo da ricreare un'esperienza di gioco maggiormente incalzante.

Quando si sale di livello, come al solito, occorre incanalare i punti esperienza conquistati negli alberi di abilità, divisi per tipo di arma o tecnica offensiva utilizzata. È aumentato il livello di ramificazione di questi alberi, il che dà al giocatore la possibilità di personalizzare maggiormente il proprio alter ego. Il giocatore potrà assumere in combattimento diversi tipi di atteggiamento: ad esempio, assumendo quello difensivo avrà maggiore resistenza ma produrrà meno danni al nemico.

BioWare ha migliorato il sistema di dialoghi che come nel predecessore è mutuato da quello di Mass Effect. È stata aggiunta una notifica visiva che evidenzia lo stato d'animo di Hawke. I dialoghi, inoltre, saranno interamente doppiati. In definitiva, la prima impressione è positiva, anche se non è ancora possibile esprimere un parere definitivo sulla possibile perdita di profondità delle meccaniche di gioco nella versione per PC.

Al GamesCom, BioWare e il produttore Electronic Arts hanno annunciato la data di rilascio definitiva di Dragon Age II: sarà disponibile l'8 marzo 2011 nel Nord America e l'11 marzo 2011 in Europa.

Star Wars The Old Republic
software house: BioWare Austin
piattaforme: PC, PlayStation 3, XBox 360
data di pubblicazione: prima parte 2011

Seguito "spirituale" dei due Knights of the Old Republic, questo MMORPG è uno dei progetti più costosi e rischiosi dell'attuale generazione. Il produttore Electronic Arts, infatti, ha fatto sapere in passato che The Old Republic è il videogioco più costoso nella storia della compagnia. Il produttore americano si aspetta di raggiungere i due milioni di abbonati, e ne servirà almeno un milione per recuperare i costi. Electronic Arts ha messo le mani sul MMORPG di BioWare grazie all'acquisizione della software house canadese, perfezionata nell'ottobre del 2007. L'intero costo dell'operazione ammonta a 860 milioni di dollari.

Non è facile dare un'impressione sulla qualità del gioco, che ovviamente va provato nel lungo periodo. Certo, ci sono alcuni motivi di perplessità, anche se probabilmente sarà il gioco con lo scenario di Star Wars più esteso e meglio descritto. Al GamesCom è stata mostra la nuova componente di combattimenti spaziali, annunciata recentemente. I combattimenti spaziali sono su binari: ovvero non si può andare con la nave liberamente in giro per lo spazio, ma si segue un percorso prestabilito. I combattimenti sono frenetici e presentano i suoni e le musiche tipiche della serie di film. I giocatori devono evitare gli asteroidi e abbattere i caccia avversari. Inoltre, per i combattimenti spaziali ci sono delle ricompense separate, che possono essere usate per migliorare le caratteristiche delle navi, come la loro resistenza o la potenza di fuoco.

Quanto alle caratteristiche di base, BioWare punta su due elementi in particolare: il sistema di dialoghi e la narrazione di qualità cinematografica. BioWare considera The Old Republic il primo MMORPG con conversazioni multiplayer: entrambi i giocatori, infatti, hanno la possibilità di interagire con l'interlocutore scegliendo la risposta tra quelle proposte a schermo, con un sistema di dialoghi molto simile a quello di Mass Effect. Inoltre, The Old Republic sarà il primo MMORPG interamente doppiato.

In The Old Republic ci sono otto classi tra le quali scegliere: Imperial Agent, Trooper, Smuggler, Jedi Knight, Bounty Hunter, Sith Warrior, Jedi Consular e Sith Inquisitor. Per ogni classe ci sono due possibili specializzazioni che dipendono dall'evoluzione del personaggio.

I giocatori possono essere aiutati dai "companion", gestiti dall'intelligenza artificiale. Sui può essere coadiuvati da droidi, da bizzarri alieni, da pirati, da principesse. Ogni classe è legata a specifici "companion". A seconda delle scelte del giocatore e della sua storia, il compagno potrà reagire in un modo piuttosto che in un altro. C'è un sistema di azione e di reazione e di rapporti simile a quello inserito in Dragon Age Origins. Il MMORPG di BioWare induce i giocatori a prendere decisioni morali e a confrontarsi su diversi temi, e questo gli conferisce una connotazione sociale riguardante le tematiche morali che altri MMORPG non hanno.

La storia è ambientata 300 anni dopo gli eventi di Star Wars Knights of the Old Republic e 3.500 anni prima degli eventi nei film. I Sith decidono di vendicarsi dei loro antichi nemici, i Jedi, e cominciano a conquistare i mondi dell'Orlo Esterno. Violenti scontri con l'esercito repubblicano si susseguono senza tregua in tutta la galassia coinvolgendo milioni di persone e riducendo moltissimi pianeti in rovina. Mentre l'Impero Sith e la Repubblica sono impegnati nei colloqui di pace, un'armata guidata da intraprendenti Signori dei Sith compie un feroce saccheggio a Coruscant, distruggendo il Tempio jedi e costringendo ad un'umiliante armistizio la Repubblica; gli jedi si ritirarono sul pianeta Tython cercando di ricostruire l'ordine.

 
^