GamesCom 2010: i giochi presentati

GamesCom 2010: i giochi presentati

Il report contiene tutte le informazioni rivelate al GamesCom e le prime impressioni sui giochi presentati, che faranno parte della prossima stagione videoludica.

di Alessandro Bordin, Dorin Gega, Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
 

Sony 2

LittleBigPlanet 2
software house: MediaMolecule
piattaforme: PlayStation 3
data di pubblicazione: novembre 2010

LittleBigPlanet 2 era presente in versione giocabile al GamesCom. Come annunciato in precedenza, porterà a un nuovo livello la libertà di creazione degli utenti: non si potranno creare solo dei semplici platform ma giochi appartenenti a diverse categorie, come sparatutto, strategici, puzzle.

Il nuovo titolo di MediaMolecule introdurrà nuovi temi grafici, migliorie al motore grafico, un editor per la creazione delle sequenze cinematografichela gestione libera della visuale di gioco e consentirà di inserire il doppiaggio dei personaggi. I fan del precedente capitolo si troveranno a proprio agio con il nuovo, che in realtà si configura piuttosto come una rivisitazione del precedente.

Ci sarà anche una nuova storia per la campagna single player e nuovi accessori ed equipaggiamento per il protagonista SackBoy. Questi potrà correre, saltare, nuotare e arrampicarsi sulle piattaforme con il rampino. Il livello di personalizzazione viene spinto su nuovi livelli visto che i giocatori possono intervenire sull'intelligenza artificiale, sull'interfaccia di gioco, sui controlli, sulle musiche, sui livelli di gioco e possono creare le sequenze di intermezzo.

LittleBigPlanet 2, inoltre, è pienamente compatibile con tutte le creazioni fatte con il predecessore. Rinnovato spazio viene dato alla condivisione delle creazioni, visto che tutte le attività dei giocatori saranno caricate su LPB.me e condivise con la community, e si potranno creare biglietti da visita e cartoline pubblicitarie.

Il mondo del primo LBP, suddiviso in regioni terrestri all'interno di un mondo circolare, sarà sostituito con una sorta di viaggio nel tempo. I giocatori potranno personalizzare anche l'intelligenza artificiale dei personaggi gestiti dal sistema, impostando i loro punti di forza e debolezza, le loro paure e i tipi di movimenti, come se fossero delle marionette. Inoltre, il nuovo motore grafico offrirà un nuovo sistema di gestione delle ombre e delle luci, oltre che effetti particellari più avanzati e gestirà texture a risoluzione più alta.

MotorStorm Apocalypse
software house: Evolution Studios
piattaforme: PlayStation 3
data di pubblicazione: febbraio 2011

Dopo il deludente Pacific Rift, soprattutto per via delle scarse introduzioni rispetto al primo capitolo, che faceva parte del lancio di PlayStation 3, MotorStorm torna in forma smagliante. Apocalypse, come suggerisce chiaramente il titolo, punta sull'apocalisse, che in campo videoludico equivale quasi sempre a dire distruzione. Mentre il livello di gioco si distrugge progressivamente il giocatore deve fare il più in fretta possibile prima che un macigno c'entri in pieno la propria auto.

Durante le scorribande sui circuiti, infatti, capita che vengano giù imponenti palazzi, con tanto di roboante effetto fisico e distruzione dappertutto. L'adrenalina è su altissimi livelli e le reazioni della vettura alle sconnessioni dell'asfalto, ottime come nei predecessori, corroborano la sensazione di coinvolgimento. A differenza di Split/Second, non è il giocatore che determina la distruzione dello scenario, ma questo andrà in frantumi in maniera indipendete seguendo una schema pre-calcolato. Ciò non toglie che la spettacolarità delle immagini di MotorStorm Apocalypse è su altissimi livelli e che la fisica è quasi sempre presente. Il gioco, inoltre, supporta la visione stereoscopica 3D.

MotorStorm Apocalypse è ambientato in una sconosciuta città della west-coast americana, all'interno della quale dovremo aspettarci di essere attaccati sia da terra che da velivoli in volo oltre che da cittadini alla ricerca di materiale di cui appropriarsi. La città è divisa in tre fazioni e ci sarà una storyline ed una certa focalizzazione sui personaggi. Gli sviluppatori, nel creare MotorStorm Apocalypse, sostengono di essersi lasciati influenzare da giochi d'avventura, sparatutto e giochi di ruolo.

Si può giocare fino in sedici in multiplayer online e fino in quattro tramite split-screen sulla stessa console. È possibile combinare le due cose: quindi giocare in quattro sulla stessa console mentre si è all'interno di una partita online con altri dodici giocatori. Si potranno, inoltre, personalizzare ampiamente le vetture modificando le aerografie, parti della carrozzeria e la sua forma. Le creazioni possono essere caricate su un server e condivise con la community.

A seconda delle proprie prestazioni in pista si guadagnano dei riconoscimenti che possono essere spesi per migliorare le caratteristiche della vettura, come la guidabilità, l'accelerazione e le funzioni offensive. Ci saranno online delle classifiche persistenti in cui ciascun giocatore potrà verificare l'andamento delle sue prestazioni. Il matchmaking persistente, inoltre, consentirà di giocare insieme con i propri amici in sessioni di gioco online differenti. C'è anche un Game Mode Creator: partendo da zero si può creare la propria partita personalizzata impostando le condizioni di vittoria e le regole della partita.

Ratchet & Clank All 4 One
software house: Insomniac Games
piattaforme: PlayStation 3
data di pubblicazione: fine 2011

Questo nuovo capitolo della famosa serie di platformer sviluppata da Insomniac Games è stato rivelato per la prima volta proprio al GamesCom. È sviluppato dalla divisione di Insomniac Games con sede in North Carolina, aperta nella prima parte del 2009 e della quale All 4 One è il primo progetto. La novità principale del nuovo Ratchet & Clank consiste nella possibilità di giocare in quattro contemporaneamente in modalità cooperativa.

I quattro personaggi giocabili sono Ratchet, Clank, Quark e il dottor Nefarious. Non sono ancora noti i dettagli sulla storia, ma pare che i quattro appianino le antiche rivalità e si ritrovino a combattere insieme per porre rimedio alla complicata situazione. Cambia la visuale di gioco, che passa dalla classica terza persona alla visuale isometrica, pensata per seguire contemporaneamente le azioni dei quattro personaggi. Le inquadrature, comunque, variano a seconda della situazione, e può capitare, ad esempio, di seguire i quattro dall'inquadratura laterale.

Ogni personaggio ha poteri dalla distanza peculiari e un preciso modo di combattere corpo a corpo. Ci sono tanti spunti pensati per favorire la collaborazione: ad esempio, può capitare di usare un dispositivo che aiuta uno degli altri personaggi a saltare su un'altra piattaforma. I quattro, in un'altra parte della demo, si avvicinano a una catapulta a quattro e quando ciascuno termina il giro di uno dei joystick analogici del gamepad la catapulta lancia i quattro dall'altra parte del livello. Infine, per affrontare il boss di fine livello devono combinare la loro forza di fuoco per togliere il più rapidamente possibile le energie vitali al boss.

 
^