APB: il passo verso il genere MMO di Grand Theft Auto

APB: il passo verso il genere MMO di Grand Theft Auto

Primo sguardo al nuovo gioco d'azione su mondo persistente ideato dal creatore di Grand Theft Auto e di Lemmings. Comprende l'intervista a Maurizio Sciglio, Tools and Technology Lead di Realtime Worlds.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
Grand Theft Auto
 

Introduzione

APB sta per All Points Bulletin, che è un tipo di messaggio usato dalla polizia anglosassone per veicolare informazioni su un sospetto da arrestare o più in generale su una persona di interesse. Il concetto che sta alla base del gameplay di APB riguarda il fronteggiarsi all'interno di diverse missioni di due squadre, quella dei tutori della legge e quella dei criminali. Il gioco, infatti, genera automaticamente delle missioni che producono degli incroci tra poliziotti e criminali, entrambi impersonati da giocatori.

APB è ambientato nella città fittizia di San Paro, che è stata modellata su una grossa metropoli costiera degli Stati Uniti. La storia della città di San Paro ruota intorno alla figura del sindaco John Derren. Un ragazzino di sedici anni, Luke Waskawi, lo uccide sulla scalinata del municipio, davanti alla figlia Jane. Il sindaco Derren era probabilmente l'unica persona in grado di salvare San Paro dalla dilagante criminalità. Dopo la sparatoria, infatti, è l'inizio del caos e il prevalere del completo disordine sociale, la sua crociata anti-corruzione e le politiche progressive vengono abbandonate: per le strade della città la criminalità prospera e i più forti prendono il sopravvento.

La polizia è in inferiorità numerica e non è più in grado di competere con i giovani criminali, che sempre più convinti imboccano la strada dell'illegalità. Viene a questo punto emanato l'atto di sicurezza della città, che divide San Paro in due fazioni ben distinte. Ogni cittadino può imbracciare le armi e farsi giustizia da sé, solo in questo modo si può pareggiare il numero tra criminali e tutori della legge. San Paro diventa un enorme campo di battaglia in cui tutti i cittadini possono combattere. Ci sono due fazioni, una che vede a capo Luke Waskawi e l'altra comandata da Jane Derren.

Di seguito trovate il videoarticolo di APB, che mostra le caratteristiche principali del gameplay del MMO di Realtime Worlds, di cui parliamo più diffusamente in questo articolo:

[HWUVIDEO="697"]APB: videoarticolo[/HWUVIDEO]

APB è sviluppato da Realtime Worlds, società fondata nel 2002 da David Jones, il creatore dell'originale Grand Theft Auto e di Lemmings. Realtime Worlds ha sede a Dundee, in Scozia, e annovera circa 200 impiegati. Il gioco con cui è entrata sul mercato è Crackdown, che condivideva con Gta diversi elmenti della struttura di gioco. A differenza di APB, era principalmente basato sul single player e aveva una piccola componente multiplayer. Con il passaggio di Realtime Worlds su APB, prodotto da Electronic Arts, Microsoft è stata costretta ad affidare il secondo Crackdown, in uscita nei primi giorni di luglio, a una nuova software house, Ruffian Games.

David Jones è uno storico lead designer, entrato nella cerchia dei grandi del mondo dei videogiochi per aver fondato l'indimenticabile DMA Design (poi Rockstar North), etichetta con la quale ha prodotto il primo Grand Theft Auto e Lemmings. Nel 2002 ha poi fondato Realtime Worlds.

APB per il momento è previsto solamente nel formato PC. Lo sviluppatore scozzese ha specificato che non ci saranno le versioni Linux e Mac, e che la compagnia sta ponderando una possibile versione del gioco per console. Questa sarebbe, tuttavia, sensibilmente differente da quella PC.

 
^