E3 2010: come cambia il mondo dei videogiochi

E3 2010: come cambia il mondo dei videogiochi

Dal 14 al 17 giugno si è svolta a Los Angeles l'edizione 2010 dell'Electronic Entertainment Expo, la fiera di riferimento per il mondo dei videogiochi. Usata dai competitor per rivitalizzare di anno in anno l'industria, l'E3 di quest'anno sarà ricordata per le novità nel campo della visione stereoscopica e per i nuovi sistemi di interfacciamento.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
 

Final Fantasy XIV, Star Wars, Warhammer 40.000

Square Enix ha promosso in maniera intensiva Final Fantasy XIV all'E3. Ha portato un nuovo demo tecnologico, che mostra i passi in avanti fatti dalla grafica, e mostrato nuove caratteristiche del gioco. In questa pagina vedete anche il nuovo trailer. Final Fantasy XIV vuole proporre un mondo che in qualche modo risulti familiare ai giocatori di Final Fantasy XI Online, di cui è sostanzialmente il seguito. Vengono riproposte le stesse razze e la stessa struttura del mondo, anche se gli scenari saranno più ampi e le città più vaste.

Il ruolo su campo di battaglia dipende dall'arma che si usa, e quindi è molto importante la fase di creazione, crafting, delle armi. Le abilità per il crafting sono regolate dal job system. Quando si esplora il mondo si è in modalità passiva, e ciò consente di ripristinare le energie vitali e di correre velocemente. Se si estrae l'arma, invece, si va in modalità attiva e non è possibile ripristinare le energie vitali e correre velocemente.

Final Fantasy XIV è sviluppato dallo stesso team che si è occupato del predecessore e, infatti, condivide con Final Fantasy XI diverse caratteristiche. L'interfaccia di gioco è molto simile al passato: nella parte centrale appare la barra dei comandi da impartire e a sinistra c'è la classica finestra di dialogo, con cui interagire con gli altri giocatori. Sul lato sinistro dello schermo ci sono anche il compasso e le barre di energia e mana, mentre in alto viene indicata la quest attiva.

Non c'è un sistema di progressione dell'esperienza attraverso livelli: la crescita e il potenziamento del personaggio dipendono da un sistema di abilità a sua volta legato alle uccisioni e alle quest. I combattimenti risultano più dinamici, visto che è più agevole realizzare le combo, e che occorre spostarsi in continuazione per ottenere i migliori risultati in attacco e difesa.

Lo stile grafico è molto simile a quello del predecessore. Come ogni Final Fantasy che si rispetti, inoltre, anche il nuovo MMORPG fa perno sulla bellezza delle ambientazioni e sulla profondità delle storie e dei personaggi. Square Enix ha pensato anche al gioco in cross platform, e quindi gli utenti di PC e di PlayStation 3 si ritroveranno a giocare sugli stessi server. Anche su PlayStaion 3, inoltre, sarà possibile giocare con mouse e tastiera.

Final Fantasy XIV sarà giocabile anche in visione stereoscopica 3D e questo consentirà di avere un'esperienza di gioco notevolmente differente rispetto a quella tradizionale e a quella di Fina Fantasy XI. Per giocare sui server ufficiali sarà necessario pagare un canone mensile, che Square Enix non ha ancora quantificato. È previsto nei formati PC e PlayStation 3, e verrà rilasciato nel corso del 2010 (anche se è probabile un posticipo).

Passando a Star Wars The Old Republic, BioWare ha mostrato diverse nuove caratteristiche del suo MMORPG a Los Angeles. La storia è ambientata 300 anni dopo gli eventi di Star Wars Knights of the Old Republic e 3.500 anni prima degli eventi nei film. I Sith decidono di vendicarsi dei loro antichi nemici, i Jedi, e cominciano a conquistare i mondi dell'Orlo Esterno. Violenti scontri con l'esercito repubblicano si susseguono senza tregua in tutta la galassia coinvolgendo milioni di persone e riducendo moltissimi pianeti in rovina. Mentre l'Impero Sith e la Repubblica sono impegnati nei colloqui di pace, un'armata guidata da intraprendenti Signori dei Sith compie un feroce saccheggio a Coruscant, distruggendo il Tempio jedi e costringendo ad un'umiliante armistizio la Repubblica; gli jedi si ritirarono sul pianeta Tython cercando di ricostruire l'ordine.

Ciascun giocatore può possedere la propria nave spaziale, che gli consente di spostarsi tra i pianeti, di esplorare e di socializzare. Sulla nave possono salire altri personaggi gestiti da altri giocatori e i "companion". La struttura delle quest favorisce la collaborazione, richiedndo gruppi con personaggi di ruolo differente e una certa dose strategica. Ad esempio, potrebbe essere richiesto di distrarre un droide che sta proteggendo un Sith prima di affrontare direttamente il Sith.

I giocatori possono essere aiutati dai "companion", gestiti dall'intelligenza artificiale. Si può essere coadiuvati da droidi, da bizzarri alieni, da pirati, da principesse. Ogni classe è legata a specifici "companion". A seconda delle scelte del giocatore e della sua storia, il compagno potrà reagire in un modo piuttosto che in un altro. C'è un sistema di azione e di reazione e di rapporti simile a quello inserito in Dragon Age Origins. Il MMORPG di BioWare induce i giocatori a prendere decisioni morali e a confrontarsi su diversi temi, e questo gli conferisce una connotazione sociale riguardante le tematiche morali che altri MMORPG non hanno.

Il gioco ovviamente ripropone le ambientazioni della serie cinematografica con più di 10 pianeti visitabili: Coruscant, Tython, Korriban, Alderaan, Utapau, Agamar, Dathomir, Manaan, Nal Hutta, Ord Mantell e Tatooine. Anche nella strutturazione delle classi, The Old Republic ricorda quanto visto al cinema: ad esempio una delle classi sono i cacciatori di taglie, caratterizzati nella fattispecie per gli attacchi dalla distanza con armi elettriche, ma abili anche nel combattimento ravvicinato con i lanciafiamme.

In The Old Republic ci sono otto classi tra le quali scegliere: Imperial Agent, Trooper, Smuggler, Jedi Knight, Bounty Hunter, Sith Warrior, Jedi Consular e Sith Inquisitor. I dialoghi saranno interamente doppiati con voci specifiche per ciascun personaggio. È basato sulla piattaforma tecnologica HeroEngine, sviluppata da Simutronics. Il rilascio è previsto nel 2011, solo nel formato PC.

All'E3 THQ ha annunciato per la prima volta il suo nuovo MMORPG ambientato nel mondo di Warhammer 40.000. Si tratta di Warhammer 40.000 Dark Millennium Online. È una sorta di sparatutto in terza persona che prevede tattiche di copertura e accerchiamento del nemico, all'interno di una struttura di gioco con progressione dell'esperienza e specializzazioni come nei MMORPG. È ampiamente favorita la componente di collaborazione con la formazione di squadre d'assalto.

Lo sviluppatore Vigil Games parla anche di campi di battaglia di enormi dimensioni e della possibilità di controllare i veicoli. Il gioco è ambientato nel quarantunesimo millennio e tutte le razze del franchise originale saranno presenti, anche se non è stato ancora detto quali saranno giocabili. Grosso spazio viene dato alla personalizzazione attraverso pergamene, libri, equipaggiamento, armi differenti. Dark Millennium Online prevede gioco sia in PvP che in PvE.

Lo sviluppatore promette grande varietà anche per ciò che riguarda gli scenari, con la possibilità di visitare enormi città. Ci saranno templi alieni, santuari del Chaos, campi di battaglia desertici, rovine misteriose, antiche strutture. Questi spazi verranno popolati da personaggi non giocanti. Dark Millennium Online è sviluppato da Vigil Games, software house con base a Austin, Texas, fondata dagli artisti del fumetto Joe Madureira e David Adams. Ha appena finito di lavorare su Darksiders.

Questo MMORPG non va confuso con Warhammer Online Age of Reckoning, prodotto da Electronic Arts e sviluppato da Mythic Entertainment. Mentre THQ detiene i diritti su Warhammer 40.000, franchise ad ambientazione futuristica di Games Workshop, Electronic ha quelli per produrre videogiochi su Warhammer, franchise con ambientazione fantasy medievale, sempre di Games Workshop.

 
^