New Vegas, un nuovo modo di vivere l'esperienza di Fallout 3

New Vegas, un nuovo modo di vivere l'esperienza di Fallout 3

Prime impressioni sulla pre-alpha di Fallout New Vegas. Il nuovo gioco della serie si configura come una via di mezzo tra un'espansione e un capitolo completamente nuovo di Fallout. Non è comunque richiesto il gioco originale.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
 

Novità

Una volta usciti all'aperto si apprezzeranno i nuovi scenari da western. Ci sono i saloon e gli edifici distrutti dalla guerra nucleare, che ricordano nelle forme quelli della splendente Las Vegas. Le animazioni e i movimenti della camera sono rimasti quelli di Oblivion. Purtroppo, con questo motore grafico non è stato curato l'aspetto delle animazioni, che sono sempre troppo legnose, per cui non bisogna aspettarsi grandi migliorie da questo punto di vista.

Nelle fasi iniziali, Avellone, che ha presentato il gioco alla stampa in occasione dell'evento Bethesda Gamers Day, ha mostrato un nuovo fucile con canna sottile, molto efficace per gli attacchi dalla distanza. Inoltre, durante la presentazione, dei mostri hanno attaccato in massa il villaggio e Avellone, sorpreso, diceva che questa evenienza non era mai capitata prima in questa pre-alpha.

Novità interessante riguarda la possibilità di modificare le proprie armi, ovvero di dotarle di nuovi accessori e di rifornirle con tipi di proiettili differenti. Si può, ad esempio, aggiungere un mirino per migliorare la precisione dei colpi, o usare proiettili di forme e materiali diversi, che sono più o meno efficaci a seconda del nemico che si affronta. Sono state introdotte anche le dinamiti, che possono essere usate come le armi tradizionali all'interno del sistema VATS. Le esplosioni provocate dalle dinamiti, quindi, sono seguite con le inquadrature spettacolari classiche del VATS. Le dinamiti sono armi con effetti ad area, che possono arrecare danni a più nemici contemporaneamente.

Inoltre, Obsidian ha introdotto anche il combattimento ravvicinato corpo a corpo. Ci sono in questi casi delle mosse speciali: ad esempio si può togliere la mazza con cui combatte l'avversario e usarla per colpirlo. Per eseguire le mosse speciali bisogna disporre del sufficiente numero di punti azione, così come per ogni azione eseguita all'interno della modalità VATS.

Ci saranno delle nuove meccaniche legate alla reputazione. A seconda delle missioni svolte, infatti, cambierà l'atteggiamento degli abitanti di ciascun villaggio. Nel momento in cui c'è una modifica alla reputazione il giocatore riceve immediatamente una notifica visiva. Avere una reputazione favorevole in un villaggio consentirà di avere dialoghi più "morbidi", e quindi più facilità nel ricevere informazioni. Si possono ottenere anche sconti sulla mercanzia e oggetti speciali. Quando non si ha una buona reputazione, invece si avranno gli effetti contrari, con maggiori difficoltà a ottenere quello che si vuole dai personaggi non giocanti.

Tra le armi troviamo lanciagranate, nuove armi a lungo raggio, il minigun e un portentoso attrezzo capace di sparare più granate contemporaneamente. Quest'ultima arma, ma come molte altre in Fallout New Vegas, è in grado di generare danni ad area, colpendo più nemici contemporaneamente. Obsidian insiste sul fatto che in New Vegas ci saranno il doppio delle armi presenti nell'originale Fallout 3.

Obsidian introduce in New Vegas il party, con la possibilità di assoldare e impartire ordini a personaggi gestiti dall'intelligenza artificiale. Durante la presentazione al Bethesda Gamers Day, Avellone convinceva una creatura ghoul a combattere dalla sua parte. Si può decidere se il ghoul debba prediligere il combattimento ravvicinato o dalla distanza, e in funzione dei suoi movimenti il giocatore potrà impostare la propria tattica. Inoltre, può decidere quale armatura deve indossare ed esaminare il suo inventario, decidendo se scambiare oggetti qualora le circostanze lo richiedano.

Per impartire gli ordini alla creatura, Obsidian ha pensato a un menu radiale. Compare al centro della schermata e con lo stick analogico, o semplicemente con il mouse, ci si può spostare su uno degli spicchi per ordinare dove spostarsi, chi attaccare, di stare sulla difensiva, e così via. L'interfaccia, inoltre, mostra adesso lo stato dell'armatura degli avversari e dà un avvertimento nei momenti in cui si usano delle armi che non possono scalfire in nessun modo l'armatura. Il livello massimo di esperienza in Fallout New Vegas è il quarantesimo.

Durante la presentazione, sono stati mostrati diversi scenari in cui si svolgono le missioni di New Vegas. Le città mostrano i segni del disastro: sono ricorrenti i parchi a tema dilaniati dal conflitto. Tra gli elementi degli scenari ricordiamo la riproduzione di un dinosauro, su cui è possibile arrampicarsi: nella sua bocca, infatti, era stato costruito un watch post per monitorare gli spostamenti nel grande appezzamento di terra visibile da quell'altezza.

Può capitare di assistere a combattimenti tra fazioni rivali, che si verificano senza l'intervento del giocatore. Questi può decidere se intervenire o meno, e secondo quali modalità: può proteggere una delle due fazioni o attaccare entrambe. Un'altra location mostrata è la fortezza Helios One, che includeva al suo interno una centrale solare. A seconda del livello di reputazione nella zona, si può penetrare nella fortezza indisturbati, oppure, se la reputazione è bassa, bisognerà combattere. La missione richiedeva di attivare tutti i pannelli solari, il che generava un convincente effetto visivo. Il fuoco proveniente da un laser orbitale, infine, distruggeva i pannelli, generando una poderosa esplosione.

 
^