R.U.S.E.: l'innovazione è l'inganno

R.U.S.E.: l'innovazione è l'inganno

Abbiamo provato la versione beta multiplayer di R.U.S.E., che è stata disponibile per tutti fino al 12 aprile su Steam. In questo articolo l'analisi delle caratteristiche di gioco e le prime impressioni sul nostro test. Include il videoarticolo.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
Steam
 

Motore grafico e conclusioni

Per R.U.S.E. Eugen Systems ha sviluppato il motore grafico Iriszoom, pensato per la gestione di ampie mappe. La tecnologia consegna la sensazione di battaglia su un grande territorio e fornisce un'adeguata sensazione di profondità. Il gioco non necessita di hardware particolarmente pompato e offre una visuale di insieme di tutto rispetto. Il dettaglio poligonale diminuisce sensibilmente quando si esegue lo zoom, e in questi casi purtroppo R.U.S.E. appare fin troppo spoglio di particolari.

R.U.S.E., inoltre, supporterà il sistema di controllo multitouch di Windows 7. Si potrà interagire direttamente con il monitor per ingrandire o rimpicciolire la visuale e per impartire gli ordini alle unità. Ci si potrà interfacciare con il gioco tramite gesture. Ubisoft ha mostrato queste caratteristiche con questo trailer.

Come per gli ultimi giochi Ubisoft (Assassin's Creed II, The Settlers 7, Silent Hunter 5 e Splinter Cell Conviction), anche R.U.S.E. avrà bisogno della connessione a internet permanente per giocare. Si tratta di una politica che Ubisoft ha intrapreso nell'ultimo periodo nel tentativo di limitare la diffusione delle copie contraffatte. Per giocare non servirà tenere il DVD di gioco nel lettore. Inoltre, sarà possibile installare il gioco un numero illimitato di volte e su un numero illimitato di PC. I salvataggi vengono sincronizzati online in un cloud.

Gli elementi di originalità legati ai RUSE rendono il gioco in qualche modo originale? È questo il principale motivo di sfida dello strategico di Ubisoft che per altri versi si rivela piuttosto classico, senza aggiungere molto al panorama degli strategici sulla seconda guerra mondiale.

Ci eravamo fatti un'idea positiva quando abbiamo provato R.U.S.E. nelle versioni precedenti a quella resa disponibile su Steam. Sicuramente è uno strategico in qualche modo originale ed è basato su una tecnologia tutto sommato solida e versatile. Tuttavia, provando il gioco sul proprio PC si ha la sensazione che il potenziale delle carte inganno non sia stato completamente esaurito, e che in definitiva R.U.S.E. rimanga il solito Rts sulla seconda guerra mondiale.

R.U.S.E. si basa principalmente sulle situazioni di stallo, in cui nessuna delle due fazioni in gioco riesce a prevalere sull'altra. In questi casi solamente l'impiego degli inganni può sbloccare la situazione. D'altronde, la prima sensazione che è gli inganni non siano così determinanti con il risultato che troppo spesso le battaglie diventino battaglie di posizione. Il motore grafico inoltre non consente di avere un dettaglio poligonale elevato quando si inquadrano le unità in primo piano. Nella beta che abbiamo provato, inoltre, c'è un numero troppo basso di unità diverse.

Gli elementi positivi invece riguardano la possibilità di giocare su livelli di zoom differenti, la grandezza delle mappe e la ricostruzione fedele degli scenari e delle unità dell'epoca. R.U.S.E. sarà disponibile dal 4 giugno e oltre che su PC arriverà anche nei formati PlayStation 3 e XBox 360.

  • Articoli Correlati
  • Transformers: si volta pagina con un progetto Tripla A Transformers: si volta pagina con un progetto Tripla A La Battaglia per Cybertron costituisce una netta inversione di tendenza rispetto agli ultimi videogiochi basati su Transformers. È un progetto maturo realizzato con tecnologia di ultima generazione Unreal Engine 3. È pensato per i fan della serie di vecchia data perché è basato sul design degli anni '80 dei Transformers.
  • MT Framework 2.0 al debutto in Lost Planet 2 MT Framework 2.0 al debutto in Lost Planet 2 Arriva il seguito dello sparatutto in terza persona che ha venduto 2,3 milioni di copie in tutti i formati in cui è stato commercializzato. Abbiamo avuto l'opportunità di provare il gioco in occasione del preview event organizzato dal distributore Halifax, in cui abbiamo intervistato il produttore Jun Takeuchi, famoso per la serie Resident Evil. Lost Planet 2 verrà rilasciato il 18 maggio su PlayStation 3 e XBox 360.
  • Blur: racing game con power up anche per i formati HD Blur: racing game con power up anche per i formati HD Abbiamo provato la versione beta di Blur, che ci dà l'opportunità di analizzare le caratteristiche del gameplay e di dare un primo parere. Blur è un adrenalinico gioco di guida basato sui power up e sulla tecnologia di Project Gotham Racing. Incluso il videoarticolo.
51 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Ora9215 Aprile 2010, 15:44 #1
finalmente un altro buon strategico di guerra in tempo reale.
extreme gamming15 Aprile 2010, 15:56 #2
che palle sti yankee in singl eplayer solo gli americani basta co sti giochi basati unicamente sull'esercito americano non sono mica i padroni del mondo
pierluigi.7115 Aprile 2010, 16:20 #3
Gli americani non saranno i padroni del mondo, ma sta di fatto che durante la seconda guerra mondiale sostennero il maggior numero di perdite in vite umane e garantirono agli eserciti alleati tutto il necessario per combattere, dagli armamenti al vestiario passando per attrezzature varie, veicoli di vario genere e provviste. Tanto per fare un esempio i soldati russi catturati dai tedeschi alla fine dell'operazione Barbarossa avevano anche le mutande made in USA e del carroarmato M4 Sherman che si vede nelle immagini ne furono costruiti 43.000 esemplari in varie configurazioni negli anni dal 1941 al 1944. Quindi, come ho già detto, gli americani non saranno i padroni del mondo, ma durante le due guerre mondiali sono stati fondamentali!
dannyb7815 Aprile 2010, 16:21 #4
no?
p4ever15 Aprile 2010, 16:24 #5
Originariamente inviato da: pierluigi.71
Gli americani non saranno i padroni del mondo, ma sta di fatto che durante la seconda guerra mondiale sostennero il maggior numero di perdite in vite umane e garantirono agli eserciti alleati tutto il necessario per combattere, dagli armamenti al vestiario passando per attrezzature varie, veicoli di vario genere e provviste. Tanto per fare un esempio i soldati russi catturati dai tedeschi alla fine dell'operazione Barbarossa avevano anche le mutande made in USA e del carroarmato M4 Sherman che si vede nelle immagini ne furono costruiti 43.000 esemplari in varie configurazioni negli anni dal 1941 al 1944. Quindi, come ho già detto, gli americani non saranno i padroni del mondo, ma durante le due guerre mondiali sono stati fondamentali!


sei sicuro? che siano stati importanti non lo metto in dubbio, ma non hanno sicuramente subito il maggior numero di perdite...zero civili innanzitutto, ma militarmente parlando hanno perso "poco" (200mila morti credo) in proporzione ai 13.000.000 milioni di morti sovietici...e ai 55 milioni di morti "globali"....gli americani senza gli inglesi e senza la resistenza sarebbero ancora li a pensare dove sbarcare...
Daunt15 Aprile 2010, 16:44 #6
sicuramente inglesi e russi hanno svolto un ruolo maggiore in europa. Ma francamente non è importante, è solo qualche missioncina in single player. Va invece apprezzato il grado di dettaglio con cui sono state costruite le fazioni. Nessun gioco, a parte Hearts of Iron che comunque è un'altra cosa, aveva mai proposto una così completa gamma di unità italiane e francesi. Nel caso dell'italia hanno dovuto inventarsi qualcosa per rendere la fazione decente, ma niente di esagerato, in fondo delle armi buone c'erano anche qui. Sicuramente le unità non sono troppo poche, visto che ogni ruolo è coperto ampiamente e ci sono più counter possibili per ognuna. Non so cosa servisse di più!

Giusto per non lasciare che la recensione tragga in inganno, non è affatto vero che "il gioco si basa su situazioni di stallo". Anzi, nonostante la velocità sia molto più lenta dei normali RTS, un atteggiamento aggressivo paga sempre e comunque. Lo stallo è tipico delle partite in cui i giocatori, per la poca esperienza e sicurezza, hanno paura ad attaccare. In quel caso è uno spam di artiglieria. Ma se si sa giocare, Ruse è molto dinamico.
Attila1688115 Aprile 2010, 16:53 #7
Recensire un gioco è difficile e lo capisco, un RTS dalle mille sfaccettature ancora di piu...
a maggior ragione se ci si fanno si e no 10 partite in tutto!

Ma come si fa a fare un articolo cosi scarno, incompleto, inesatto e per giunta con delle conclusioni senza senso:
"Ci eravamo fatti un'idea positiva quando abbiamo provato R.U.S.E. nelle versioni precedenti a quella resa disponibile su Steam. Sicuramente è uno strategico in qualche modo originale ed è basato su una tecnologia tutto sommato solida e versatile. Tuttavia, provando il gioco sul proprio PC si ha la sensazione che il potenziale delle carte inganno non sia stato completamente esaurito, e che in definitiva R.U.S.E. rimanga il solito Rts sulla seconda guerra mondiale."

Sicuri di aver giocato a RUSE?

Per la cronaca:
"Ruse
Pronunciation: \ˈrüs, ˈrüz\
Function: noun
Etymology: French, from Old French, roundabout path taken by fleeing game, trickery, from reuser
Date: 1625
meaning: a wily subterfuge"

Sinceramente se si vuole fare un buon articolo a riguardo è meglio chiedere a chi ha una certa esperienza e chi ha partecipato attivamente alla beta del gioco in anteprima (basta informarsi tramite le community ufficiali), al limite rielaborandolo in seguito in redazione.
alexgti15 Aprile 2010, 17:14 #8

RECENSIONE TROPPO SUPERFICIALE

Per quanto mi riguarda è un ottimo RTS che ha veramente un potenziale enorme, ho giocato un centinaio di partite sulla beta e dopo ogni battaglia avevo sempre qualche tattica nuova da imparare o da rivedere (salvare i replay aiuta moltissimo a studiare la battaglia sotto tutti i punti di vista).
Il bello è che non esiste una strategia perfetta perchè è sempre possibile fare una contromossa vincente, tutto sta a capire cosa fa l'avversario (cosa non sempre facile) e muoversi di conseguenza.
Ruse è un gioco veloce, divertente, strategico, appassionante, un vero spartiacque con quanto visto fin'ora..... non mi pare sia affatto scarno dal punto di vista tattico, forse graficamente al massimo zoom potevano migliorare qualcosina, ma in definitiva ha fatto breccia dentro di me.
Se giocato con gli amici avvalendosi di TeamSpeak è veramente totale, nei 2vs2, 3vs3 e 4vs4 quando sei ben organizzato riesci veramente a piegare qualsiasi avversario e per questo non vedo l'ora che implementino dei ranked team dove sfidare altri team organizzati per un'esperienza veramente profonda (e già ora alla fine di qualche 4vs4 era quasi "provato" per l'impegno messo in campo a muovere tutte le unità ed usare le carte nel modo giusto.
GRANDE UBISOFT!
tasso7915 Aprile 2010, 17:15 #9

Provato

Io l'ho provato e mi è piaciuto. Solo che è di una lentezza ammorbante. Non è accettabile che per avere una partita di un minimo interessante debba passare almeno un'ora...
Spero che nella versione finale si possa modificare la velocità di gioco.
Stevejedi15 Aprile 2010, 17:29 #10
Come per gli ultimi giochi Ubisoft (Assassin's Creed II, The Settlers 7, Silent Hunter 5 e Splinter Cell Conviction), anche R.U.S.E. avrà bisogno della connessione a internet permanente per giocare. Si tratta di una politica che Ubisoft ha intrapreso nell'ultimo periodo nel tentativo di limitare la diffusione delle copie contraffatte.


Tenetevelo pure... Se io sto fuori col portatile e voglio farmi una partita e non ho la connessione ad internet è come se non avessi nulla? Ma fatemi il piacere, arriverà il giorno che craccheranno anche questa protezione e l'utente avrà due possibilità: comprare il gioco originale ed essere costantemente legato ad una connessione ad internet, oppure avere il gioco illegalmente ma essere libero di portarselo in giro dove vuole (poi c'è una terza opzione, ma credo sia solo da mentecatti: comprare l'originale e craccarselo per poterci giocare ovunque...)

EDIT
P.s. e se i server Ubisoft vanno Down? o per problemi o manutenzione? Chi compra il gioco non è libero di utilizzare ciò che ha comprato?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^