Transformers: si volta pagina con un progetto Tripla A

Transformers: si volta pagina con un progetto Tripla A

La Battaglia per Cybertron costituisce una netta inversione di tendenza rispetto agli ultimi videogiochi basati su Transformers. È un progetto maturo realizzato con tecnologia di ultima generazione Unreal Engine 3. È pensato per i fan della serie di vecchia data perché è basato sul design degli anni '80 dei Transformers.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
 

Transformers

Dimenticatevi i film e dimenticatevi i cartoni animati: Transformers La Battaglia per Cybertron è un prodotto nuovo, che non è basato su altro uscito in passato e che propone una storia e delle ambientazioni inedite nel contesto di Transformers. È un brand su cui Hasbro punterà in maniera decisa, affiancandolo con action figure e giocattoli ispirati proprio dal videogioco.

Si torna indietro: alle origini dell'infinita guerra tra Autobot e Decepticon. Il gioco si ambienta su Cybertron e racconta, con fare cinematografico come capita nelle ultime produzioni videoludiche, come sia cominciata la rivalità tra le due fazioni sfociata poi nella guerra civile e quali eventi li abbiano indotti ad abbandonare Cybertron e a raggiungere la Terra. Un Trasformers alle origini, con design tipicamente anni '80, gli anni in cui nasce Transformers. Segna, dunque, un passo indietro consistente, che farà felici coloro che sono fan della serie sin dall'inizio.

Transformers, infatti, nasce nel 1984 con la prima storica serie di cartoni animati, che presenta due gruppi di robot che lottano fra di loro. Gli Autorobot sono guidati da Commander (Optimus Prime); e i Decepticon da Megatron. Optimus Prime decide di andare alla ricerca di una fonte di energia in grado di rivitalizzare Cybertron, ma i suoi transformers precipitano con la loro astronave sulla Terra, in seguito a uno scontro nello spazio con i Distructor. La caduta dell'astronave avviene circa 4 milioni di anni prima dell'inizio della storia narrata nel cartone e i transformers rimangono inanimati fino a un'eruzione di un vulcano vicino all'astronave che li riattiva dando inizio alla guerra. La guerra quindi si sposta sulla Terra, sulla quale i transformers possono passare inosservati grazie alla loro abilità di trasformarsi in qualsiasi momento in normali veicoli.

Ci sono altre serie legate a Transofmers: Headmasters in cui i robot hanno dimensioni più piccole, simili a quelle degli umani; e Pretenders, con l'introduzione delle versioni giapponesi dei Pretenders Cybertrons (guidati da Metalhawk), dei Powermasters (Godmasters) e degli Headmasters juniors. C'è poi la Guerra delle Bestie, realizzata in computer grafica dalla società canadese Mainframe, sotto commissione della Hasbro, la società che si occupava della produzione e della commercializzazione di giocattoli del brand Transformers. I personaggi non si trasformano più da veicoli terrestri a robot, bensì da animali a robot. Era un elemento totalmente nuovo nel panorama dei Transformers e l'idea fu accolta con molto entusiasmo da parte dei fans.

Con l'arrivo delle nuove collezioni di modellini della Hasbro (Robots in Disguise era la versione americana della linea Car Robots, prodotta dalla giapponese Takara) vengono commissionate in Giappone le relative serie Tv: Armada (nota in Asia come Micron Legend), Energon (Superlink) e Cybertron (Galaxy Force). Transformers Animated, invece, è una nuova serie, andata in onda per la prima volta nel dicembre del 2007, realizzata in contrasto con le ultime produzioni del franchise, con animazione 2D e disegni meno realistici: ad esempio, durante le trasformazioni molti dettagli dei veicoli scompaiono nelle versioni robotiche, e mentre parlano, i veicoli sembrano piegare vistosamente la propria carrozzeria.

Invece, i fumetti della serie Transformers vengono prodotti da Marvel. I fumetti si basano sui disegni del cartone animato, e sfruttano il successo di quest'ultimo. Ci sono anche diverse serie di manga, ispirate anche dalla Guerra delle Bestie. La serie, tuttavia, riceve nuova linfa vitale grazie a Hollywood. Nel 2007 esce il kolossal Transformers, diretto da Michael Bay, con Shia LaBeouf e Megan Fox. Gli Autobot e i Decepticon trasferiscono il loro campo di battaglia dallo spazio alla Terra alla ricerca di una potentissima fonte di energia, l'All Spark. Il secondo film, La Vendetta del Caduto, è uscito lo scorso anno e vede la ripresa della guerra tra le due fazioni, con i Decepticon che vogliono vendetta, guidati ancora una volta da Megatron.

Nel luglio del 2011 arriverà al cinema il terzo Transformers, diretto ancora una volta da Michael Bay. Nel cast degli attori si aggiungeranno John Malkovich, Frances McDormand e Ken Jeong. Malkovich interpreterà il primo capo di Sam Witwicky (Shia LaBeouf), mentre Frances McDormand sarà la direttrice del National Intelligence. Il film sarà girato a Los Angeles, Chicago, Washington, in Florida, in Texas, in Africa, a Mosca e in Cina. Ci sarà un nuovo Autobot liberamente ispirato alla Ferrari 458 Italia.

Tornando al videogioco, per la prima volta si potrà quindi avere un'esperienza diretta di Cybertron, combattendo nella sua orbita, sulla sua superficie e nel sottosuolo. Si seguirà la scalata di Optimus Prime fino alla posizione di comando che detiene fra gli Autobot. I giocatori avranno esperienza del primo incontro fra il capo degli Autobot e Bumblebee. E seguiranno anche la storia di Megatron e dei Decepticon, grazie alla presenza di due campagne, una dedicata ai buoni e l'altra ai cattivi. Di seguito vedete un trailer dietro le quinte in cui gli sviluppatori di High Moon Studios spiegano le caratteristiche principali del loro gioco.

Transformers La Battaglia per Cybertron non è il primo videogioco dedicato alla serie Transformers, ma costituisce un'evidente inversione di tendenza rispetto al passato. Se i progetti precedenti non erano giochi Tripla A ed erano rivolti principalmente a un pubblico molto giovane, questo nuovo capitolo è sviluppato con tecnologia di ultima generazione, ha un gameplay avanzato e presenta una storia matura.

Transformers The Game, uscito nel 2007, era sviluppato da Traveller's Tales, mentre il suo seguito uscì nel 2009 e ci lavorò Luxoflux. A differenza de La Battaglia per Cybertron erano dei tie-in dei rispettivi film. C'è un altro videogioco dedicato alla serie, intitolato semplicemente Transformers, è uscito nel 2004 solo nel formato PlayStation 2. Era basato sulla serie Transformers Armada.

La Battaglia per Cybertron è invece sviluppato da High Moon Studios. Questo team di sviluppo è stato fondato nel 2001, quando aveva il nome di Sammy Corporation. Fino al 2006 ha fatto parte di Sierra Entertainment, e in quell'anno ha acquisito l'indipendenza. Ha sviluppato lo sparatutto in prima persona Darkwatch uscito nel 2005 per XBox e PlayStation 2 e The Bourne Conspiracy, ispirato dai romanzi di Robert Ludlum con il celebre personaggio Jason Bourne. Il team ha sede a Carlsbad, in California, ed è composto da circa 130 impiegati. Attualmente fa parte di Activision.

 
^