Transformers: si volta pagina con un progetto Tripla A

Transformers: si volta pagina con un progetto Tripla A

La Battaglia per Cybertron costituisce una netta inversione di tendenza rispetto agli ultimi videogiochi basati su Transformers. È un progetto maturo realizzato con tecnologia di ultima generazione Unreal Engine 3. È pensato per i fan della serie di vecchia data perché è basato sul design degli anni '80 dei Transformers.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
 

Tecnologia e conclusioni

La tecnologia che sta alle spalle di Transformers La Battaglia per Cybertron è in grado di ricreare ottime ambientazioni in cui prevale decisamente il metallo. La sensazione di enormi robot che si muovono, combattono e interagiscono con strutture metalliche, che sono quelle che compongono il mondo Crybertron, è ottimamente resa, e costituisce l'anima di questa produzione. High Moon Studios ha potuto utilizzare Unreal Engine 3.

La presenza della tecnologia di Epic si evince anche da alcune somiglianze, sia grafiche sia di gameplay, con Gears of War. Ci sono colori cupi come nel famoso sparatutto in terza persona e i modelli poligonali, nonostante il prevalere del metallo, ricordano quelli di Marcus Fenix e soci. Ci ha molto colpito l'audio del gioco, che offre tanti suoni direzionali. Inoltre, nel momento in cui si riceve un colpo, l'audio ambientale si attutisce per ricreare la sensazione di sofferenza.

Le versioni per i formati in alta definizione, come detto, sono sviluppate da High Moon Studios, mentre Next Level Games si è occupata della versione per Wii e Vicarious Visions di quella per DS. Queste ultime due versioni saranno sensibilmente differenti, con altre tecnologie e con una storia diversa.

In definitiva, per quanto non possiamo ancora dare un giudizio definitivo, La Battaglia per Cybertron ci è parso un buon prodotto, in grado di stuzzicare anche i giocatori esperti. È molto diverso dalle precedenti produzioni videoludiche su Transformers, principalmente perché è indirizzato a un pubblico adulto, grazie alla narrazione di tipo cinematografico e a un gameplay più profondo. Conferma, d'altronde, che i tie-in non si sposano bene con il mondo dei videogiochi, visto che gli sviluppatori hanno bisogno di libertà per raccontare la loro storia e soprattutto hanno bisogno di dare spazio alla loro creatività sul piano del gameplay.

D'altronde, La Battaglia per Cybertron, che per certi versi assomiglia a un altro prodotto di cui ci siamo occupati recentemente, ovvero Lost Planet 2, è un gioco molto semplice. Non si fa molto altro che sparare, e anche le trasformazioni sono finalizzate ad avere più potenza di fuoco piuttosto che alterare sensibilmente il gameplay. La collaborazione con gli altri giocatori riguarda solamente la concentrazione del fuoco sui target, non c'è la possibilità di impartire comandi e di utilizzare sul campo di battaglia tattiche evolute. Non ci sono le coperture.

Graficamente il gioco di High Moon Studios si rivela interressante, con un sostenuto dettaglio poligonale e un sapiente impiego della tecnologia Unreal Engine 3. Il multiplayer, come detto, è assolutamente di spessore nel caso della modalità cooperativa, mentre il produttore Activision e lo sviluppatore High Moon Studios si riservano di annunciare i dettagli sulla modalità multiplayer competitiva nelle prossime settimane.

Transformers La Battaglia per Cybertron verrà rilasciato nella prima parte dell'estate nei formati PC, PlayStation 3, XBox 360, Wii e DS.

  • Articoli Correlati
  • MT Framework 2.0 al debutto in Lost Planet 2 MT Framework 2.0 al debutto in Lost Planet 2 Arriva il seguito dello sparatutto in terza persona che ha venduto 2,3 milioni di copie in tutti i formati in cui è stato commercializzato. Abbiamo avuto l'opportunità di provare il gioco in occasione del preview event organizzato dal distributore Halifax, in cui abbiamo intervistato il produttore Jun Takeuchi, famoso per la serie Resident Evil. Lost Planet 2 verrà rilasciato il 18 maggio su PlayStation 3 e XBox 360.
  • Blur: racing game con power up anche per i formati HD Blur: racing game con power up anche per i formati HD Abbiamo provato la versione beta di Blur, che ci dà l'opportunità di analizzare le caratteristiche del gameplay e di dare un primo parere. Blur è un adrenalinico gioco di guida basato sui power up e sulla tecnologia di Project Gotham Racing. Incluso il videoarticolo.
  • Le luci e le ombre di Alan Wake Le luci e le ombre di Alan Wake Remedy e Microsoft hanno finalmente deciso di mostrare alla stampa specializzata Alan Wake, il thriller psicologico prodotto -in esclusiva per Xbox 360- dal team finlandese, che sarà nei negozi a partire dal 21 maggio.
38 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
wispo31 Marzo 2010, 14:49 #1
Sono gli occhi miei che (ormai) fanno schifo, o graficamente fa un po' pena?
Lino P31 Marzo 2010, 15:05 #2
è semplicemente in linea con le altre porcate dell'ultimo biennio.
wispo31 Marzo 2010, 15:19 #3
Originariamente inviato da: Lino P
è semplicemente in linea con le altre porcate dell'ultimo biennio.


Allora ci vedo bene: fa schifo forte.....
Lino P31 Marzo 2010, 15:21 #4
Originariamente inviato da: wispo
Allora ci vedo bene: fa schifo forte.....


siamo nel 2010 e ci scodellano ancora davanti ste schifezze.
Poi dicono che i gamers non fanno + upgrade hardware, e ci credo.
appleroof31 Marzo 2010, 15:32 #5
Originariamente inviato da: Lino P
è semplicemente in linea con le altre porcate dell'ultimo biennio.


bè però Mass Effect (1 e sopratutto 2 ) è bellissimo graficamente -imho- ed è su Ue3...
supertigrotto31 Marzo 2010, 15:51 #6

bah

io da quel che ricordo dei transformers,sulla terra si battevano per conquistare l'energon,una fonte di energia quasi totalmente scomparsa su cybertron.
Non so ma,che siano cartoni,che siano telefilm,che siano film,le trame mi sembrano sempre più blande.
Tipo vi ricordate di Gerod il camaleonte?Iniziato benissimo ma poi degenerato alla grande,stando attenti alla trama si trovano delle incongruenze pazzesche.
Idem con la serie macross (un collage di storie diverse).
Insomma,ormai manca solo che quelli del grande fratello comincino a scrivere trame per i film e telefilm e siamo apposto con la spazzatura che ci propinano negli ultimi anni....
supertigrotto31 Marzo 2010, 15:54 #7

ah dimenticavo

i transformers,essendo alieni,come mai hanno sembianze da umanoidi?
calabar31 Marzo 2010, 17:09 #8
Per quanto mi riguarda è fenomenale.
Le scene con Omega Supreme sono uno spettacolo, sono curioso di vedere uno tra i miei transformers preferiti: trypticon E magari ci fosse anche Metroplex e Devastator come avversari (e chissene frega delle incongruenze con la continuity ^____^)

@supertigrotto
Robotech era un collage di diverse storie, tra cui macross
La serie a cartoni meglio lasciarla ai felici ricordi infantili, l'OAV invece secondo me rimane di ottima qualità.

PS: magari hanno sembianze da umanoidi perchè chi li ha creati era umanoide, o riteneva la forma umanoide la più adatta allo scopo per cui li ha creati. Risposte possono essercene tante, e alcune possono piacerci meno di altre. Però secondo me questo tipo di domanda rientra in quella eccessiva ricerca di realismo logico che un po' snatura il prodotto in se.
ZetaGemini31 Marzo 2010, 17:31 #9
bah... personalmente preferivo quando NOI italiani li chiamavamo DESTRUCTORS e non decepticons...

Inoltre molto meglio la voce "STORICA" di Commander (poi perchè chiamarlo con sti inglesismi "optimus prime" ???)... mah...

Inoltre entrambi i film mi hanno deluso... i robottoni sembrano degli ammassi di ferraglia in cui non si capisce neanche che faccia hanno.
calabar31 Marzo 2010, 17:41 #10
Distructor, non dEstructorS

Semplicemente, come era d'uso negli anni '80, in italia sono state fatte le trasposizioni dei nomi, in alcuni casi abbastanza azzeccate, in altre molto meno.
Insomma, non si tratta di "Inglesismi", ma semplicemente dei nomi originali.

La "voce storica" di Commander difficilmente la troverai in un trailer in inglese!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^