I tre giochi in uno di Aliens vs Predator

I tre giochi in uno di Aliens vs Predator

Con i marine tensione e armi, con l'Alien rapidità e furtività e con il Predator potenza e tecnologia. Abbiamo provato il multiplayer di Aliens vs Predator su XBox 360 alla presentazione in Italia del gioco e il single player della versione preview su PC. L'articolo include l'intervista a Tim Jones, direttore della divisione Art and Design di Rebellion.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
TIMXboxMicrosoft
 

Intervista

Ecco il resoconto dell'intervista a Tim Jones, direttore della divisione Art and Design di Rebellion.

Hardware Upgrade: Ci descrivi le caratteristiche principali di Aliens vs Predator per il single player e per il multiplayer?

Tim Jones: La principale caratteristica sia per il multiplayer che per il single player riguarda il fatto che si può giocare con tre specie diverse. Con il marine abbiamo un gameplay più tradizionale, con le armi e gli equipaggiamenti. Con il Predator abbiamo un gameplay basato su azioni stealth, oltre a maggiore agilità e ad ambienti di gioco molto ampi. Il Predator ha i classici visori come nei film e può usare armi efficaci dalla distanza. Con l'Alien l'esperienza di gioco cambia radicalmente: non ha armi, equipaggiamento o altri oggetti e può arrampicarsi su qualsiasi parete presente negli ambienti di gioco. Inoltre, è molto efficiente nell'individuare e attaccare le sue prede al buio. In multiplayer abbiamo un'esperienza di gioco completamente diversa, meno basata sugli scenari e che pone accento sulle differenze fra le tre specie. Ci sono le modalità di gioco tradizionali, come deathmatch e team deathmatch, ma ci sono nuove modalità di gioco pensate per enfatizzare le caratteristiche delle tre specie. Un marine, ad esempio, può attaccare un Alien, ma difficilmente riuscirà a combattere contro tanti Alien schierati insieme. E tutto questo trasmette il senso di panico che sta alla base dell'esperienza di gioco con il marine. La stessa cosa accade da prospettive rovesciate, visto che gli Alien devono attaccare uniti perché sono vulnerabili alle armi dei marine. Il Predator è molto potente grazie ai suoi attacchi stealth, ma i giocatori che impersonano il Predator devono comunque stare attenti perché tanti marine potrebbero metterli fuori combattimento.

Hardware Upgrade: Preferisci giocare con il marine, con l'Alien o con il Predator?

Tim Jones: In multiplayer mi piace molto giocare con l'Alien, ma comunque ci sono pro e contro per ciascuna delle specie. Con l'Alien in multiplayer però mi diverto molto perché hai a disposizione tante possibili azioni.

Hardware Upgrade: Quali difficoltà ci sono nel produrre un videogioco basato su una proprietà intellettuale già esistente?

Tim Jones: Lavorare su una proprietà intellettuale esistente è molto difficile. Bisogna soddisfare i partner che stanno lavorando con te, perché si aspettano determinati risultati e che l'universo sia reso in maniera fedele. Ci sono tante cose che devi rispettare, ad esempio le musiche originali ma anche le forme degli scenari e degli oggetti. Fox è stata molto attenta che il nostro gioco rispettasse le aspettative dei fan della serie. D'altronde, il gioco non si rifà direttamente a un film specifico. Quindi siamo stati molto liberi sulla storia e anche sul multiplayer. Aliens vs Predator è un franchise ormai molto grande che coinvolge fumetti, videogiochi, film.

Hardware Upgrade: Quali giochi hanno influenzato lo sviluppo di Aliens vs Predator?

Tim Jones: Abbiamo giocato praticamente a tutto, ma giochi come Modern Warfare o BioShock sono quelli su cui ci siamo basati maggiormente per la loro atmosfera. Ci siamo basati anche sui giochi stealth per il gameplay del Predator, quindi Splinter Cell. Ma, ripeto, abbiamo provato un po' tutti i giochi, perché ognuno di essi avrebbe potuto aiutarci. D'altra parte, AvP è unico perché offre le tre prospettive e offre quindi generi di gioco diversi. Per cui ci siamo ispirati anche ai precedenti giochi della serie AvP, con la sfida di portarli nella nuova generazione. Lo stesso AvP fornirà ispirazione per altri giochi.

Hardware Upgrade: Il vostro gioco supporta le DirectX 11 su PC. Quali sono i vantaggi principali concessi dalle DirectX 11?

Tim Jones: La cosa principale è che ci sono tanti vantaggi sul piano delle prestazioni. Tutto gira fluidamente anche a risoluzioni elevate. Inoltre, abbiamo un maggiore realismo geometrico sul corpo degli Alien grazie alla tecnologia di tassellazione. Su PC abbiamo anche l'antialiasing a pieno schermo. Tutto è più rifinito e più godibile da vedere. C'è anche il supporto Eyefinity di Ati per la gestione di configurazioni multimonitor. È un gioco per certi versi diverso perché trae pienamente vantaggio da ciò che possono fare i PC di ultima generazione.

Hardware Upgrade: Avremo le stesse prestazioni su tutti i formati? C'è stata qualche difficoltà nello sviluppo di una delle tre versioni?

Tim Jones: Abbiamo sviluppato una tecnologia che fosse adeguata per un progetto multipiattaforma come questo. Abbiamo tre piattaforme con punti di forza e di debolezza per cui era necessario un ausilio importante dalla tecnologia per sfruttare al meglio ognuna delle piattaforme. Abbiamo le stesse prestazioni su PlayStation 3, XBox 360 e PC. Siamo molto contenti delle prestazioni che abbiamo ottenuto su PlayStation 3 e XBox 360. Il gioco è sempre fluido e giocabile in qualsiasi situazione. Ovviamente su PC, per via del fatto che ci possono essere diverse configurazioni hardware, si hanno prestazioni differenti. Con l'hardware più recente si possono avere altissime risoluzioni e prestazioni eccezionali.

Hardware Upgrade: Saranno supportati i server dedicati per il gioco in multiplayer?

Tim Jones: Assolutamente si. Riteniamo che il supporto dei server dedicati su PC sia molto importante. Mi fai questa domanda per via delle controversie sollevate da Modern Warfare 2, ma noi sicuramente continuiamo a supportare i server dedicati. Sono fondamentali per avere la migliore esperienza possibile in multiplayer: c'era questo tipo di supporto con il primo AvP quindi non c'è ragione di escluderlo in questo seguito.

Hardware Upgrade: Aliens vs Predator è un gioco cruento che può avere problemi con la censura. In Australia, ad esempio, ne era stata vietata la commercializzazione in un primo momento. Cosa pensi riguardo a questo tipo di pressioni da parte degli organi istituzionali?

Tim Jones: È una questione difficile. Sicuramente Aliens vs Predator ha contenuti adulti, anche perché è basato su film che hanno contenuti adulti. È un gioco horror pensato per il pubblico maturo e ci sono tanti momenti di paura e di tensione. La storia è una parte molto importante del gioco. Abbiamo sviluppato Aliens vs Predator con il principale obiettivo di fare un gioco che incutesse paura, anche perché dovevamo rispettare la licenza su cui è basato. Le varie nazioni hanno un modo diverso di intendere queste tematiche e possono reagire in maniera diversa. Spero comunque che Aliens vs Predator venga reso disponibile in ogni parte del mondo.
 
^