Videogiochi: cosa aspettarsi dal 2010 - parte 2

Videogiochi: cosa aspettarsi dal 2010 - parte 2

Continuiamo il nostro percorso fra i titoli più attesi del 2010 con questa seconda e ultima parte. Analizziamo, tra gli altri, Epic Mickey, Metro 2033, Splinter Cell Conviction, Gran Turismo 5 e Red Dead Redemption.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
Epic
 

Epic Mickey (Wii)

Si tratta di uno dei giochi più geniali e innovativi del 2010. Epic Mickey è pensato da Warren Spector, storico web designer che in passato ha realizzato progetti di grande risonanza come Ultima Underworld, System Shock e Deus Ex. Spector cambia decisamente target di giocatori, visto che i precedenti giochi erano rivolti a un'utenza più matura, mentre adesso, con il sodalizio con Disney, si sposta più sulla fascia di utenza composta da giocatori occasionali.

Epic Mickey era inizialmente pensato per il PC e per le console in alta definizione, ma a lavori in corso si è deciso di cambiare prospettiva e di renderlo un'esclusiva per Nintendo Wii. L'elemento principale del gameplay riguarda il fatto che il Wii remote viene utilizzato come se fosse un pennello magico in grado di ridisegnare i mondi di gioco. Il gioco è altresì basato sulle scelte del giocatore, sul rapporto che intrattiene con i personaggi non giocanti e sulle conseguenze a queste decisioni e azioni.

Il giocatore, con il suo pennello, può cancellare o rimodellare consistenti parti del mondo di gioco. Inoltre, può decidere se aiutare o meno i personaggi nemici o neutrali e questo influisce sul suo aspetto fisico, sulle sue animazioni e sulle sue abilità. Tutto questo rende Epic Mickey un prodotto il cui cuore riguarda le scelte e le conseguenze, e come queste influiscono sul personaggio e sul giocatore.

Sostanzialmente il giocatore può decidere se sacrificare dei personaggi per raggiungere un bene più grande oppure se scendere a compromessi con il suo obiettivo finale comportandosi sempre in maniera retta e non egoista. Questo connota in senso sicuramente originale la figura di Topolino, che la Disney ci ha abituato a vedere senza alcuna macchia.

In Epic Mickey compare anche Paperino, sotto le sembianze di un automa metallico. L'automa non è stato ancora completato, e Topolino può aiutarlo procurando i pezzi che servono. Se aiutiamo Paperino questi diventerà nostro amico e ci aiuterà nel proseguire l'avventura. Nel corso del gioco, inoltre, Topolino può acquisire l'abilità di rallentare il tempo: questo farà procedere i nemici e il mondo di gioco in slow motion aiutandoci nelle interazioni. Un'altra abilità riguarda il far comparire un televisore, che distoglierà i nemici dalle azioni di Topolino e consentirà di agire indisturbati.

La storia ruota intorno a dei personaggi della tradizione Disney meno conosciuti, che sono stati dimenticati dagli appassionati del mondo Disney. Questi personaggi diventano gelosi della fama di Topolino e gli danno la caccia all'interno di scenari 'steampunk', ovvero appartenenti a un mondo fatto di macchine, di vapore e di computer analogici. I toni di gioco sono molto dark e cupi, con il design di Topolino che richiama quello degli anni '20. La tecnologia impiegata è Gamebryo.

 
^