Rilasci 2010: a sorpresa emerge Bayonetta

Rilasci 2010: a sorpresa emerge Bayonetta

Il nuovo action/adventure prodotto da Sega ha ottenuto il massimo dei voti sulla nota rivista giapponese Famitsu. Abbiamo avuto modo di provare una versione pressoché definitiva di Bayonetta che ci consente di stilare la lista delle caratteristiche e di fornire un primo parere. Allegato il videoarticolo autoprodotto.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
 

Tecnologia

Bayonetta ha un motore grafico abbastanza datato, ma la bellezza dei disegni e l'elevato numero di poligoni che compongono i boss danno alla grafica un certo spessore. Come dicevamo, visivamente Bayonetta è assolutamente godibile, anzi è proprio la spettacolarità delle immagini che induce il giocatore a continuare nell'avventura. In un gioco del genere, inoltre, c'è il grosso rischio di cedere alla ripetitività, ma Bayonetta invece si rivela sempre vario proprio perché propone ambientazioni di gioco e mostri sempre diversi, che vanno uccisi secondo modalità che si rinnovano con il proseguire nel gioco.

La prova che abbiamo fatto in redazione è sulla versione XBox 360, che si è rivelata ben ottimizzata e sempre fluida. Pare, invece, che Bayonetta sia meno performante su PlayStation 3, perlomeno per ciò che concerne queste prime versioni del gioco non ancora ultimate. Il progetto è partito proprio su XBox 360, mentre nel caso di PlayStation 3 si può parlare di porting.

C'è una differenza di dettaglio grafico tra le sequenze di intermezzo in cui si gioca e le sequenze con gameplay vero e proprio. Il motore grafico, infatti, quando non deve eseguire calcoli sulla fisica, sull'intelligenza artificiale e sulle animazioni in tempo reale, applica un filtro che rende i personaggi più dettagliati. Ciò consente di esprimere i sentimenti dei personaggi e di rendere credibili i volti in primo piano.

Anche la colonna sonora è su livelli di eccellenza. Il tema principale sicuramente rimarrà nelle orecchie dei fan per molto tempo, ma ogni parte del gioco è accompagnata da melodie adeguate alla storia, all'emotività dei personaggi e a ciò che succede. Anche sul piano degli effetti sonori il risultato raggiunto dagli sviluppatori è degno di nota, visto che l'azione è sempre supportata dai rumori opportuni.

Bayonetta si compone di 14 capitoli. In ognuno di essi è proposto uno scenario differente: si va da vecchi villaggi medievali ad anfratti del paradiso e dell'inferno. Diversi elementi magici fanno da sfondo ad ogni location di gioco. I mostri sono letteralmente infernali e di ingenti proporzioni, proponendo forme originali e improbabili. Per completare Bayonetta occorrono circa 10 ore e non è presente alcuna modalità multiplayer. Il software, inoltre, consente di salvare la partita solamente alla fine di ciascun capitolo.

 
^