Uncharted 2: emozioni, avventura e tecnologia

Uncharted 2: emozioni, avventura e tecnologia

Uncharted 2: Il Covo dei Ladri racconta una nuova storia intrisa di avventure con personaggi dotati di rinnovato spessore psicologico e propone un motore grafico all'avanguardia capace di sfruttare pienamente l'hardware di PlayStation 3.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
PlaystationSony
 

Introduzione

Uncharted 2: Il Covo dei Ladri è uno dei titoli principali nel catalogo PlayStation 3 per la prossima stagione natalizia. Si tratta di un gioco d'azione che miscela diversi generi classici del mondo dei videogiochi, primi fra tutti sparatutto in terza persona e gioco di platforming. Il primo capitolo è stato un prodotto importante, ma è soprattutto questo secondo episodio che desta le curiosità della fetta più ampia del pubblico dei videogiocatori.

Questo perché spinge a un livello maggiore di complessità gli elementi del gameplay del primo capitolo, e quindi principalmente rinnova la complessità della parte da gioco di piattaforme e quella legata alla risoluzione degli enigmi. Ma, sicuramente, grossa attesa c'è anche sul nuovo motore grafico, visto che gli sviluppatori hanno parlato di massimo potenziale di PlayStation 3 e di impossibilità di rendere disponibile questo motore grafico sulla console rivale. La tecnologia, inoltre, sarà messa a disposizione di altri sviluppatori che lavorano in ambito PlayStation 3.

Abbiamo preparato un videoarticolo di Uncharted 2: Il Covo dei Ladri in cui abbiamo inserito immagini dal single player che abbiamo registrato in occasione della presentazione italiana del gioco e immagini del multiplayer acquisite dal demo multiplayer rilasciato lo scorso 29 settembre.

[HWUVIDEO="486"]Uncharted 2: videoarticolo[/HWUVIDEO]

Naughty Dog è una software house americana che è stata fondata nel 1986 da Andy Gavin e da Jason Rubin. Ha sede a Santa Monica, in California, e attualmente è formata da 110 dipendenti. Gavin e Rubin producono diversi giochi importanti, come Rings of Power per Sega Mega Drive e Way of the Warrior per 3DO. Ma la svolta arriva nel 1996, quando Naughty Dog rilascia il primo capitolo della serie Crash Bandicoot, destinato a PlayStation. Negli anni successivi, sull'onda del successo del primo capitolo, vengono prodotti e rilasciati altri tre giochi appartenenti alla serie Crash Bandicoot.

Crash Bandicoot è un classico gioco di piattaforme in tre dimensioni, che fa perno soprattutto sul carisma e sulla simpatia del suo personaggio protagonista, che dà il nome al gioco stesso. Nel suo viaggio Crash deve attraversare tre isole, per un totale di 32 livelli, di cui 2 nascosti, e 6 dei quali vedono Crash combattere contro i cosiddetti "boss del gioco". In ogni isola ci sono degli alleati dell'arci-nemico Cortex che tentano di ostacolare il suo cammino.

Continuando con la storia di Naughty Dog, il team di sviluppo viene interamente acquisito da Sony nel 2001. Questo comporta un cambio nei piani di sviluppo, visto che la serie Crash Bandicoot viene affidata ad altri sviluppatori, come Eurocom, Traveller's Tale, Vicarious Visions e Radical Entertainment, che si occupa tutt'oggi della serie. Naughty Dog, invece, viene spostata sulla serie Jak, di cui produce quattro episodi tra il 2001 e il 2005.

Si tratta di giochi che rimangono ancorati all'impostazione da platformer e ripresentano molti degli elementi caratteristici dei Crash. Il primo capitolo, Jak and Daxter, è uno dei primi giochi in assoluto per PlayStation 2. Naughty Dog si conferma alleato speciale di Sony e affidabile sviluppatore della tecnologia per tutti gli step evolutivi delle PlayStation. Il sodalizio si ripete nel 2007, con Uncharted: Drake's Fortune che è uno dei primi titoli per PlayStation 3, e nuovamente è uno dei giochi con la tecnologia più avanzata per l'allora nuova console del colosso nipponico.

 
^