Final Fantasy XIII: arte in uno sguardo

Final Fantasy XIII: arte in uno sguardo

Final Fantasy XIII è stato presentato in versione giocabile al GamesCom di Colonia, dove sono state mostrate anche nuove caratteristiche del sistema di combattimento e del gameplay in generale. Diamo un'occhiata alla nuova iterazione di Final Fantasy che presenta nel ruolo di protagonista un'affascinante ragazza dallo sguardo magnetico.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
 

Introduzione

Fantasy e giochi di ruolo hanno una tradizione importante soprattutto grazie alla serie Final Fantasy. Una serie vecchia 22 anni ormai, con il primo capitolo che arrivava su NES nell'ormai lontanissimo 1987. I Final Fantasy hanno personaggi, storie e ambientazioni differenti di capitolo in capitolo, ma quello che li accomuna è la spasmodica ricerca della bellezza dei disegni e delle animazioni, oltre che uno spessore non indifferente nella caratterizzazione dei personaggi.

Tutto questo accade anche con Final Fantasy XIII, il cui progetto nasce proprio da quell'innata voglia della ricerca dell'artisticità che da sempre caratterizza la serie della giapponese Square Enix. Molto di questa profondità passa attraverso lo squardo della protagonista di Final Fantasy XIII, Lightning. Uno sguardo ammaliante e tranquillizzante, agitato e glaciale, magnetico e penetrante, che ha catturato sin da subito le attenzioni dei videogiocatori perché Square Enix ha insistito proprio su questo elemento in quasi tutti i trailer di Final Fantasy XIII.

Al GamesCom che si è tenuto nelle scorse settimane a Colonia abbiamo avuto modo di intervistare Adrian Arnese, Senior Product Manager di Square Enix, che ci ha parlato di Final Fantasy XIII e degli altri giochi del brand che sono stati rilasciati nel recente periodo o che verranno rilasciati prossimamente. L'intervista linkata a questa pagina è anche un modo per ammirare nuovamente i trailer di Final Fantasy XIII, XIV e di Dissidia Final Fantasy.

[HWUVIDEO="464"]Final Fantasy: trailer e intervista[/HWUVIDEO]

English and italian transcription: click here, PDF format, 49KB.

Di seguito, invece, il trailer rilasciato nella giornata di ieri in occasione del Tokyo Game Show. Il video è molto spettacolare e introduce nuovi personaggi, tra cui Serah, la ragazza di Snow. È sconsigliata la visione a coloro che non vogliano scoprire sin da ora dei particolari importanti della trama del gioco. Durata: 7 minuti.

[HWUVIDEO="469"]Tgs 09: nuovo trailer di Final Fantasy XIII[/HWUVIDEO]

Il primo capitolo della serie, dicevamo, fu un gioco parecchio innovativo anche sul piano del gameplay. Lo si ricorda, infatti, come il primo gioco di ruolo in cui la telecamera era posta lateralmente ai personaggi, mentre in passato si giocava dalla prospettiva in prima persona. Anche il secondo capitolo, datato 1988, segna un primato, perché è il primo seguito nella storia dei videogiochi che non fa riferimenti ai personaggi e alle storie del predecessore: sappiamo che questa sarà una costante per la serie. Final Fantasy VII, inoltre, fu il primo gioco di ruolo di stampo orientale ad ottenere un grande successo di pubblico anche in occidente.

Il creatore di Final Fantasy è Hironobu Sakaguchi, che adesso ha 46 anni. È nato a Hitachi, nella provincia di Ibaraki, e da giovane ha studiato elettrotecnica, ma ben presto si è reso conto che non era quello il suo campo. Dopo aver lasciato l'università fu assunto da Square, che ai tempi faceva parte del gruppo Denyusha Electric Company, ed era stata fondata da Masafumi Miyamoto. Quando Square divenne indipendente, Sakaguchi fu promosso al ruolo di direttore della divisione di pianificazione e sviluppo. Nel periodo in cui ideò Final Fantasy, Square era in una cattiva situazione finanziaria, tanto che si parlava di imminente bancarotta. Final Fantasy, pubblicato il 18 dicembre 1987 in versione NES, fu un enorme successo commerciale in Giappone e risanò le finanze della compagnia.

La serie, puntando sugli elementi artistici, diede una nuova connotazione ai videogiochi, dimostrando che potevano essere rivolti anche a un pubblico adulto in cerca di emotività dal media interattivo. Nel corso degli anni Sakaguchi consente a Square Enix di vendere più di 85 milioni di copie di tutti i giochi facenti parte della serie. Nel 2001, però succede qualcosa, probabilmente legata all'insuccesso di Final Fantasy: The Spirits Within. Sakaguchi, infatti, intende portare Final Fantasy al cinema e lo fa con questo film di animazione che i fan dello stile orientale avranno sicuramente visto. Nonostante una discreta critica, e a fronte di alcune lacune sul piano artistico, The Spirits Within si rivela un enorme insuccesso, che ha comportato perdite per più di 120 milioni di dollari per Square Enix.

Nel 2001 Sakaguchi fonda Mistwalker, software house che diventa operativa nel 2004 e che lavora per conto di Microsoft. Il colosso di Redmond ricorre a Sakaguchi per dare vigore all'arrancante business XBox nel Giappone. Sakaguchi produce nel 2006 Blue Dragon e nel 2007 Lost Odyssey. Soprattutto il primo porta parzialmente a compimento l'obiettivo imposto da Microsoft, facendosi notare per l'artisticità delle sue ambientazioni, ispirate dallo stile anime, e per il carisma del suo personaggio principale.

Final Fantasy XIII è, invece, diretto da Motomu Toriyama. Il gioco è stato annunciato per la prima volta all'E3 del 2006, quando si disse che avrebbe fatto parte di una trilogia appartenente all'universo Fabula Nova Crystallis, che avrebbe raccolto ambientazioni e mitologie comuni. Tre i giochi della nuova favola sui cristalli, perché insieme a Final Fantasy XIII troviamo anche Final Fantasy Versus XIII e Final Fantasy Agito XIII, di cui parleremo rapidamente più avanti nell'articolo.

L'artisticità di Final Fantasy XIII è data dalle storie, ma un ruolo importante è sicuramente giocato anche dai disegni e della musica. Fin dal primo Final Fantasy a occuparsi dei disegni dei personaggi principali e dei mostri è stato Yoshitaka Amano. Ha curato questo aspetto della serie fino al sesto capitolo, e da quel momento è stato sostituito dall'apprezzatissimo Tetsuya Nomura, che si occuperà dei disegni di Final Fantasy XIII e di tutta la serie del cristallo. Altri disegnatori, come Shukou Murase, Toshiyuki Itahana e Shin Nagasawa, si sono occupati di altri capitoli, come Final Fantasy IX.

Le fantastiche musiche dei Final Fantasy sono opera di Nobuo Uematsu, compositore principale fino al novembre del 2004, momento in cui ha lasciato Square Enix per seguire Sakaguchi, per il quale ha realizzato i temi principali di Blue Dragon e di Lost Odyssey. Sebbene il compositore ufficiale di Final Fantasy XIII sia Masashi Hamauzu, Uematsu ha curato il tema principale del gioco che abbiamo sentito nel trailer. I Final Fantasy hanno un pezzo che fa da preludio che, nel corso degli anni, si è evoluto da un semplice arpeggio a due voci agli arrangiamenti melodici complessi di oggi. Le vittorie nelle battaglie sono sempre accompagnate da un motivo classico che è diventato uno dei più famosi nel mondo dei videogiochi. Anche altri eventi, come l'ingresso nello scenario delle creature Chocobo, sono accompagnati da motivi ricorrenti.

Final Fantasy XIII verrà rilasciato il 17 dicembre in Giappone nel formato PlayStation 3, mentre in Nord America ed Europa arriverà nel corso della primavera del 2010 sia su PlayStation 3 che su XBox 360.

 
^