Pro Cycling Manager: il gioco per chi ama il ciclismo

Pro Cycling Manager: il gioco per chi ama il ciclismo

Il simulatore di ciclismo di Cyanide si aggiorna all'edizione 2009. Ecco i primi pareri su una versione non definitiva del gioco. Confermati i pregi del software che già erano noti con le precedenti edizioni, ma rimangono ancora alcuni difetti storici. Uscita nella prossima settimana.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
 

Le novità

Vediamo nel dettaglio quali sono le novità di questo nuovo capitolo di Cycling Manager rispetto all'edizione precedente. Riguardano l'interfaccia, l'aggiunta di nuovi elementi grafici e un maggior livello di personalizzazione. Dell'interfaccia abbiamo parlato nella pagina precedente, si tratta di un miglioramento che riguarda soprattutto l'estetica, visto che è passata attraverso un processo di modernizzazione, e in parte anche la funzionalità, perché sicuramente è adesso più accessibile sia nella parte strategica che in quella gestionale, ad esempio nella sezione riservata alle finanze.

Degli elementi grafici parleremo più diffusamente nella pagina riservata all'aspetto tecnico. Adesso diciamo che sono stati aggiunti molti nuovi elementi, come maggiore vegetazione, nuove animazioni, le folle ai lati delle strade sugli arrivi in salita, i podi e le superfici acquatiche realizzate con un timido e comunque poco presente shader. La personalizzazione, invece, riguarda la possibilità di creare un proprio team da zero, scegliendo singolarmente gli atleti che ne fanno parte. Si tratta di una funzione che farà la felicità di coloro che di ciclismo se ne intendono, perché hanno la possibilità di ricreare il loro dream team.

Già nelle precedenti edizioni di Cycling Manager c'era l'editor delle competizioni. Sostanzialmente, gli utenti possono scegliere quali tappe inserire in una nuova competizione prelevandole dal database di tappe presente nel gioco. Ma, al di là di scegliere le tappe e porle nell'ordine desiderato, c'è poco altro. Ci si aspetta, insomma, che Cyanide introduca prima o poi un editor completo in cui è possibile impostare l'altimetria di ogni singola corsa.

Una delle modalità che riceve maggiori innovazioni è la modalità circuito, anche questa introdotta per la prima volta nell'edizione 2008 di Cycling Manager. In questa modalità il gameplay è molto diverso rispetto al gioco tradizionale. Il giocatore, infatti, controlla direttamente gli atleti con la tastiera. Li può spostare sulla pista in modo da cercare gli spazi vuoti per posizionarsi meglio per le volate e può controllare l'intensità dello sforzo. Si tratta, ad ogni modo, di una modalità di corredo pensata esclusivamente per interrompere il ritmo tra una corsa e l'altra, ma che non ha alcuna velleità sul piano della longevità.

Nella scorsa edizione erano tre le modalità di gioco facenti parte di questa componente di Cycling Manager: eliminazione, volata e keirin; adesso sono state aggiunte anche scratch, corsa a punti, 200 metri lanciati e omnium. Sprint oppone due ciclisti su tre giri di pista. In scatch si affrontano, invece, altri 15 corridori. Nella corsa a punti vince chi accumula più punti nei vari sprint che si effettuano a ogni giro. In Keirin sei ciclisti si affrontano in un singolo sprint. In corsa a eleminazione a ogni giro viene eliminato un atleta e in 200 metri lanciati occorre percorrere questa distanza in meno di 10 secondi. Infine, in Omnium si affrontano le modalità Corsa a punti, Scratch, 200 metri lanciati ed eliminazione.

Come detto nelle precedenti pagine, Cyanide ha pianificato di introdurre novità più consistenti nella prossima edizione di Cycling Manager, quella che sarà rilasciata nell'estate del 2010. Si parla di un nuovo motore grafico, ma anche di affinamenti agli elementi core del gameplay.

 
^