Prototype: il personaggio più potente dei videogiochi

Prototype: il personaggio più potente dei videogiochi

Activision Blizzard ha presentato Prototype, il nuovo action/adventure su mondo open-ended in cui i giocatori prendono il ruolo di un personaggio che può letteralmente travolgere l'intera Manhattan. Diamo qualche primo giudizio sul gioco del quale abbiamo potuto provare le versioni XBox 360 e PlayStation 3.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
XboxPlaystationActivisionBlizzardMicrosoftSony
 

Consuming e mappa di gioco

Quando penetra nel corpo delle altre persone, oltre ad acquisire esperienza, Alex può assumerne le sembianze e acquisirne le conoscenze tecniche. Se ad esempio bisogna attraversare un punto della mappa pieno di militari può convenire assumere le sembianze di uno di loro. In questi frangenti, Prototype somiglia un gioco di azione stealth visto che bisogna agire in maniera accorta senza insospettire gli altri soldati. Avvicinandosi a qualsiasi persona e premendo il tasto B lo si aggancia e Alex inizia a tenerlo stretto tra le proprie braccia; adesso basta premere Y per iniziare l'operazione di consuming. Se ci troviamo nella situazione di cui parlavamo prima potremo iniziare a camminare indisturbati vicini agli altri soldati. Ovviamente se si ricorre alle armi anche in questi casi si subisce la reazione degli altri militari, ma se si procede in maniera accorta si può raggiungere l'obiettivo senza combattere.

Il consuming può essere utilizzato anche per acquisire delle conoscenze. Se, ad esempio, la missione in corso richiede di rubare un elicottero ci si può avvicinare a un pilota che è in grado di guidarlo, penetrare dentro di lui (questa operazione comporta la morte del personaggio gestito dall'intelligenza artificiale) e acquisire l'abilità di pilotaggio del mezzo. A questo punto, Alex può impossessarsi dell'elicottero, pilotarlo e dirigerlo in qualsiasi parte di Manhattan. Acquisendo la memoria di alcuni specifici personaggi, inoltre, si riempiono i nodi della Web of Intrigue, che consentirà ad Alex di riacquisire la memoria persa e di capire cosa gli è successo e qual è l'obiettivo della cospirazione. Oltre alle armi che abbiamo elencato in precedenza, Alex dispone anche di visori notturni, visori termici e di un sistema che gli consente di individuare una determinata persona tra la folla, un po' come succede in Assassin's Creed.

Radical Entertainment ha mostrato i primi due livelli di gioco. Il primo, come detto, riguarda in realtà una delle fasi conclusive della vicenda. Alex si trova a Times Square, è molto potente perché può volare e usare i poteri che l'infezione gli conferisce. Lo strapotere di Alex può essere scagliato sui tanti mezzi presenti nel livello di gioco (quasi tutti taxi) e sugli avversari, che contrappongono elicotteri e carri armati ma che sono insufficienti per contrastare Alex. Durante queste battaglie si riceve fuoco nemico da qualsiasi angolazione, ed è difficile mantenere il controllo della situazione proprio per l'elevato livello di confusione. Il giocatore, tuttavia, può sfruttare questi strabilianti poteri e venire fuori da qualsiasi situazione senza troppi problemi.

Nel secondo livello, si ritorna indietro nel tempo e Alex è molto meno potente. Deve ricorrere al potere della penetrazione negli altri corpi per acquisire le sembianze dei militari e passare inosservato o per acquisire le abilità che gli consentono di impossessarsi dei mezzi. È in questo momento della storia che entra in contatto per la prima volta con la sorella Dana, che sarà fondamentale per scoprire i loschi piani del governo.

Uno dei principali difetti di Prototype di cui si lamenteranno tutte le recensioni è la longevità. A detta dei ragazzi di Radical Entertainment la campagna single player ha una durata di circa 15 ore, mentre altre 10 ore potranno essere garantite dalle missioni secondarie e dai pacchetti di espansione che saranno rilasciati dopo la pubblicazione del gioco. Il primo grosso limite alla longevità è proprio la mappa di gioco: Prototype è, infatti, interamente ambientato nell'isola di Manhattan (mentre alcuni trailer e comunicati stampa possono trarre in inganno quando parlano di New York). Non ci sono parti della mappa sbloccabili con il proseguire nel gioco, tutto è a disposizione dei giocatori sin da subito.

La prima missione che abbiamo descritto qualche paragrafo fa si svolge a Times Square e praticamente riguarda circa un quindicesimo dell'intera mappa. Alex, per via della sua velocità, può percorrerla interamente in pochissimi secondi, e ciò genera l'impressione che le missioni di Prototype saranno ambientate molto spesso negli stessi posti. Inoltre, Alex può pilotare, come abbiamo detto, anche degli elicotteri, o dei carroarmati (non i normali veicoli come succede nei classici free roaming urbani), e questo gli consente di girare ancora più rapidamente nella mappa di gioco. Se a tutto questo si aggiunge il fatto che Radical Entertainment ha escluso qualsiasi modalità multiplayer (non c'è neanche il co-op) perché troppo in ritardo con la tabella di marcia dei lavori, diventa chiaro come il fattore longevità sia il principale elemento di preoccupazione per questa promettentissima, per altri versi, produzione.

 
^