Videogiochi: cosa aspettarsi dal 2009 - parte 2

Videogiochi: cosa aspettarsi dal 2009 - parte 2

Continuiamo il nostro percorso nel catalogo dei titoli più attesi del 2009 con questa seconda e ultima parte. Analizziamo, tra gli altri, Killzone 2, Ghostbusters, God of War III, Wolfenstein.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
 

Empire Total War (PC)

Si rinnova la serie di strategici sviluppata da The Creative Assembly con l'episodio Empire. Come al solito, il gameplay è incentrato sui combattimenti tra eserciti di enormi dimensioni con migliaia di soldati coinvolti contemporaneamente sul campo di battaglia. Empire: Total War, quinto capitolo della serie, è ambientato nel periodo storico che va dal 1700 al 1800 e dà ai giocatori la possibilità di conquistare e gestire l'Europa, il Nord Africa, le Americhe, l'India. I motivi politici dominanti di quest'era, ricreati nella maniera adeguata nel gioco, riguardano la Rivoluzione Francese e la formazione degli Stati Uniti d'America.

Come i predecessori, il gameplay si divide tra la fase gestionale su una mappa in stile Risiko e la fase propriamente strategica in cui si comandano grossi eserciti sul campo di battaglia. A differenza dei predecessori, stavolta ci saranno battaglie anche sul mare. All'inizio della campagna single player, il giocatore ha l'opportunità di scegliere una fazione all'interno di una lista di dieci. Con il proseguire nel gioco, nuove fazioni saranno a disposizione dei giocatori. Ognuna delle fazioni ha caratteristiche peculiari, punti di forza e fattori di debolezza, oltre che disporre di un preciso territorio di partenza.

The Creative Assembly ha pensato anche a una campagna single player incentrata sull'indipendenza degli Stati Uniti. Si parte con la fase di colonizzazione britannica, con la fondazione delle prime colonie e, successivamente, con la guerra tra Inghilterra e Francia per il controllo delle stesse colonie. Infine, si attraversa la fase della vera e propria guerra di indipendenza americana.

La struttura di base, del resto, è immutata. Il giocatore dispone di una provincia centrale e può controllare altre province. Può creare insediamenti e costruirvi strutture pacifiche o militari. All'interno di ogni città è possibile creare una forza militare di difesa aggiungendo via via nuove unità. Si può procedere in senso militare nella conquista di nuove province, oppure politicamente o diplomaticamente. Bisogna prestare attenzione anche allo sviluppo economico e religioso della propria nazione.

Una novità di Empire Total War rispetto ai predecessori riguarda la conquista delle province: adesso è, infatti, possibile agire sul loro benessere economico e sulla loro produttività prima di attaccarne il centro nevralgico, in modo da avere combattimenti più agevoli. Inoltre, gli aspetti legati al commercio e allo spionaggio sono stati ridotti alla presenza di due singole unità: gentlemen e libertino (rake). Cambia anche il rapporto tra i generali e le proprie armate: se in passato era il giocatore a dover assegnare una determinata armata a un generale, adesso quest'ultimo automaticamente si occupa del reclutamento dei soldati cercandoli nelle province a lui vicine.

Quanto alla fase da RTS vero e proprio, ci sono poche novità rispetto al passato. Come accennato, la principale riguarda le battaglie navali, che in passato erano risolte automaticamente dall'intelligenza artificiale. Il giocatore controlla una flotta composta da un massimo di venti navi, ognuna delle quali dotata di precise caratteristiche. Ogni nave dispone di un proprio equipaggio con un morale dipendente dalle sorti della battaglia. I giocatori possono decidere quali parti delle navi nemiche attaccare, ma assegnare una posizione alla propria nave in funzione di quella nemica la sottopone al fuoco di quest'ultima. Mantenendo la formazione iniziale, invece, si gode di un certo livello di immunità. Anche le condizioni meteo possono influire sull'andamento della battaglia navale. Vince il conflitto chi annienta tutte le unità nemiche o riesce a catturarle.

Le battaglie su terra ferma si svolgono, invece, come in passato: ogni unità ha precise caratteristiche e va schierata contro le unità opportune. Si possono cingere di assedio le città nemiche utilizzando gli appositi mezzi di assedio: una volta scardinate le porte della città è possibile entrarvi con l'esercito. Ogni unità, inoltre, ha un proprio morale che dipende dall'andamento della battaglia: se si procede bene in battaglia, le unità saranno spinte da rinnovata forza ad andare sempre meglio. Empire Total War sarà rilasciato nel prossimo mese di marzo nel formato PC.

 
^