Videogiochi: cosa aspettarsi dal 2009 - parte 2

Videogiochi: cosa aspettarsi dal 2009 - parte 2

Continuiamo il nostro percorso nel catalogo dei titoli più attesi del 2009 con questa seconda e ultima parte. Analizziamo, tra gli altri, Killzone 2, Ghostbusters, God of War III, Wolfenstein.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
 

Heavy Rain: The Origami Killer (PS3)

Ancora un'esclusiva PlayStation 3 che dovrebbe arrivare nel corso del 2009. Heavy Rain è una sorta di film interattivo in cui il giocatore segue una serie di avvenimenti su cui può influire con il proprio operato. Il gioco è realizzato da Quantic Dream, software house già artefice di Omikron e di Fahrenheit, e proprio da quest'ultimo Heavy Rain riprende le caratteristiche principali. Essendo basato principalmente sulle emozioni, per Heavy Rain si è pensato ad un innovativo sistema di motion-capturing che è in grado di individuare e digitalizzare i micro-movimenti degli occhi e dei volti degli attori reali.

Il controllo dei personaggi è sensibilmente differente rispetto a quello di altri giochi di nuova generazione. Con uno dei due trigger si imposta la camminata dell'alter ego, mentre con lo stick analogico si agisce sulla sua testa. Esattamente come accadeva in Fahrenheit, poi, se ci si avvicina ad un oggetto sensibile, appare sullo schermo un'icona che suggerisce al giocatore la possibilità di interagire con esso.

Heavy Rain si costituisce di circa 60 scene all'interno delle quali è possibile interagire in diversi modi. Ad esempio, può capitare di infiltrarsi in una casa e che il legittimo padrone stia per tornare. In una situazione del genere, il giocatore ha circa 30 posti in cui nascondersi per non farsi vedere dal padrone di casa: a seconda del luogo scelto la reazione di quest'ultimo sarà diversa e sarà diverso anche lo svolgersi delle vicende. In definitiva, Heavy Rain è un grosso contenitore di situazioni sulle quali il giocatore può incidere e creare una storia che tra una partita e l'altra può anche essere sensibilmente differente.

La storia principale di Heavy Rain ruota intorno alle emozioni di quattro personaggi, tutti controllabili dal giocatore nel corso dell'avventura. La chiave della trama di Heavy Rain riguarda la moralità e cosa è giusto e cosa è sbagliato nella vita quotidiana di persone apparentemente comuni. Heavy Rain non sarà free roaming come giochi come Grand Theft Auto, ma alcuni scenari di gioco saranno molto grandi e saranno popolati da un elevato numero di personaggi non giocanti: ci si riferisce, nello specifico, a supermercati o stazioni della metropolitana.

Il motore grafico di Heavy Rain è molto avanzato ed è pensato appositamente per rendere le espressioni facciali dei personaggi. Può generare lacrime e grinze sui volti attraverso un apposito shader per la gestione della pelle. Il motore supporta tecniche di rendering avanzate come depth of field, armoniche sferiche, high dynamic range. La tecnologia può mostrare la dilatazione delle pupille, animazioni che riguardano le dita, la lingua e gli occhi e può gestire dinamicamente il movimento dei capelli. Quantic Dream ha curato anche la fisica con un numero molto alto di oggetti con cui è possibile interagire. La tecnologia che sta alla base della gestione della fisica è fornita da Ageia.

Heavy Rain venne presentato all'E3 2006 per esplicitare le potenzialità dell'hardware di PlayStation 3. Nell'occasione della presentazione fu mostrato un demo in tempo reale intitolato Casting. Quantic Dream impiegò tre mesi per realizzare quel demo. Una donna rispondeva alle domande di un'intervistatore come in un vero e proprio casting, lasciando trasparire i propri sentimenti, resi ottimamente da una tecnologia che è appositamente pensata per tale scopo.

 
^