Console: le proposte natalizie per la famiglia

Console: le proposte natalizie per la famiglia

I giochi per le famiglie, altresì definiti casual, sono la vera anima del successo dell'industria videoludica negli ultimi anni. Scopriamo cosa offrono i tre grandi produttori, Microsoft, Nintendo e Sony, per la già avviata stagione natalizia.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
SonyMicrosoftNintendo
 

Wii Music

Uno dei titoli più attesi dell'attuale stagione natalizia è proprio Wii Music. Se per certi versi il party game di Nintendo ha fallito sul piano della qualità, resta ugualmente un prodotto interessante perché divertente e originale.

In Wii Music non è necessaria alcuna conoscenza del ritmo musicale o alcuna abilità legata alle tempistiche, occorre semplicemente utilizzare il Wii remote e l'unità Nunchuck come se fossero uno strumento musicale. Ciò lo rende un prodotto decisamente immediato e adatto anche a chi ha scarsa, o nessuna, dimestichezza con i videogiochi. In una parola, Wii Music è il re indiscusso dei "casual games".

A seconda del tipo di strumento, occorre utilizzare il solo Wii remote o l'accoppiata remote/nunchuck. Con gli strumenti a fiato, ad esempio, basta solamente il primo. In questo caso, occorre avvicinare le labbra all'estremità del controller e impugnarlo proprio come se fosse un flauto o una tromba. Premendo i tasti frontali del Wii remote, inoltre, si eseguono le varie note. Il gioco contiene una serie di brani che i giocatori sono chiamati a interpretare o da soli o all'interno di una band composta da un massimo di quattro musicisti. Ai quattro si possono aggiungere altri strumenti d'accompagnamento gestiti dall'intelligenza artificiale.

A differenza degli strumenti a fiato, quelli a corda impiegano anche l'unità nunchuck. Quest'ultima simula il manico dello strumento, mentre il Wii remote costituisce il plettro virtuale. I tasti del Wii remote, inoltre, servono per impostare le diverse tonalità dello strumento. Si usano entrambi i controller anche per strumenti a percussione, come batterie e tamburi. In questo caso si agitano i controller come se fossero le bacchette. Un sistema analogo viene impiegato anche per simulare i pianoforti.

Sullo schermo è visualizzato un pentagramma che istruisce il giocatore sulle tempistiche opportune. Ma se si sbagliano i tempi, il sistema corregge automaticamente la melodia inserendo nuove note e adattando il tutto alla nuova musica. Così facendo, si possono creare dei brani sostanzialmente differenti rispetto a quelli originali. Wii Music consente anche di registrare le varie prestazioni musicali in sede separata e poi di mixarle. Si possono creare anche le copertine degli album e dei CD, in modo da confezionare un prodotto completo.

Si può assumere anche il ruolo del direttore di orchestra. Agitando i due controller, infatti, si impartiscono gli ordini ai musicisti gestiti dall'intelligenza artificiale e premendo un tasto si agisce sull'intensità dell'esibizione (ma si rischia di stancare i musicisti). Ovviamente, questa modalità è disponibile anche in multiplayer, con i musicisti che diventano interpretabili da altri giocatori. Ogni musicista in realtà è un avatar Mii, selezionabile tra quelli presenti sulla memoria della console. Altra modalità è "indovina la nota", pensata per chi di musica se ne intende: bisogna riconoscere, infatti, tonalità, accordi, suoni e note all'interno di una sorta di quiz musicale.

Inoltre, occorre aggiungere anche la modalità batteria, che si discosta in maniera sensibile dalle altre modalità di gioco di Wii Music perché più impegnativa e rivolta a un pubblico di utenti esperti nella musica. A Wii remote e unità nunchuck va aggiunta in questo caso la Balance Board di Wii Fit. Quest'ultima, infatti, funge da doppio pedale, mentre gli altri due controller, come al solito, simulano le due bacchette. In questa modalità si trovano tutta una serie di esercitazioni e tutorial che portano il giocatore a usare la batteria virtuale come se fosse una batteria vera, e dunque a trovare i giusti ritmi quasi come se si trattasse di un'esercitazione da professionista.

Wii Music non è stato accolto favorevolmente neanche dalla critica, che lo ha giudicato poco divertente, scarsamente rifinito in alcune componente fondamentali come quella audio, carente di contenuti. Suonare adeguatamente uno strumento musicale richiede un maggiore tempismo, che evidentemente i controller di Nintendo Wii non riescono a garantire perché non sono precisi al millimetro. Il gioco, in realtà, venne presentato già all'E3 di due anni fa, ma poi Nintendo mancò di aggiornare i giocatori con altri particolari, preferendo concentrarsi prima su altri prodotti come i già citati Wii Sports e Wii Fit. Wii Music è disponibile in Italia al prezzo di 49 euro (la confezione non comprende alcuna periferica).

 
^