Videogiochi: cosa riserva il 2008

Videogiochi: cosa riserva il 2008

I titoli più importanti, in fatto di gameplay e di tecnologia, dell'anno che è appena entrato. Le caratteristiche, i dettagli tecnici e le aspettative sui 18 videogiochi più promettenti tra quelli che saranno rilasciati nel 2008. Si parla, tra gli altri, di Grand Theft Auto IV, Spore, Metal Gear Solid 4, Rage, Tomb Raider: Underworld.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
Grand Theft Auto
 

Spore (PC, Wii)

Previsto inizialmente per la prima parte del 2007, Spore è stato più volte rimandato: il suo rilascio non avverrà prima del 2008 inoltrato. È un gioco di vitale importanza per tutto il settore PC e può potenzialmente costituire un nuovo fenomeno di massa come l'altro capolavoro di Will Wright, The Sims. La struttura di base da Tamagotchi, le tante caratteristiche innovative e un supporto tecnico all'avanguardia sono gli elementi cardine di Spore.

Il gestionale di Maxis si divide in sei fasi principali: cellula, creatura, tribù, città, globo, spazio. Quando da un uovo nasce una nuova creatura, questa comincerà a prendere confidenza con quanto la circonda e ad interfacciarsi con gli altri esseri viventi nella zona. Ben presto si renderà conto che ha bisogno di conquistarsi degli spazi per la sopravvivenza e di assumere atteggiamenti aggressivi. Il gioco, tuttavia, cambierà completamente fisionomia man mano che si procede nelle varie fasi dell'evoluzione: ad esempio, giunti a quella relativa alla città, potremo assistere al prolificarsi delle costruzioni di cemento, con edifici dall'aspetto squisitamente moderno.

La visuale dell'universo ci consente, invece, di vedere il numero di pianeti (estremamente elevato) che potremo esplorare, colonizzare, conquistare. Ogni pianeta contiene un determinato numero di informazioni quali la temperatura, l'atmosfera, il livello di intelligenza raggiunto dalla popolazione. A seconda della conformazione geografica del pianeta, inoltre, gli indigeni avranno assunto un certo tipo di evoluzione piuttosto che un altro. Tutte queste informazioni saranno raccolte nella Sporepedia.

Una componente importante riguarda la personalizzazione del gioco. Maxis ha pensato ad un potente editor che consente di interagire con una mole sterminata di parametri della creatura, in modo da renderla veramente originale. Oltre che le creature sarà possibile personalizzare anche la vegetazione, gli edifici, i veicoli e i pianeti. Inoltre, altri contenuti aggiuntivi possono essere scaricati da internet, in modo da rendere gli ambienti di gioco sempre differenti: il server sceglierà tali contenuti in base al livello di evoluzione raggiunto.

Nonostante Spore sia un prodotto decisamente complesso, Maxis ha rivelato che solamente il 10% delle idee iniziali sarà presente nella versione definitiva del software. L'evoluzione e la personalizzazione sono gli elementi sui quali i programmatori di Maxis si sono concentrati maggiormente; entrambi, pertanto, sono ben evidenti al giocatore.

Descrivendo le sei fasi di cui si compone il gioco, bisogna dire che Spore inizia con una cometa che precipita su un pianeta; questa porta con sé delle molecole che daranno adito allo sviluppo della vita. Nella fase cellulare, il giocatore si trova in un ambiente bidimensionale dove i microbi possono nuotare, cacciare e divorare altre cellule. Quando la creatura avrà divorato il numero sufficiente di cellule depone un uovo e si ha quindi accesso alla fase della personalizzazione: il giocatore può impostare adesso tutta una serie di parametri sulla sua creatura. A seconda delle scelte del giocatore in questa fase, la creatura avrà delle caratteristiche specifiche: potrà difendersi adeguatamente se dotata di una spina o raggiungere posti angusti se particolarmente alta o, ancora, spostarsi agevolmente se dotata di gambe.

In seguito, la creatura diviene un organismo pluricellulare e può spostarsi in un ambiente tridimensionale. Bisogna ancora mangiare altri organismi in modo da accelerare l'evoluzione e divenire sempre più potenti. Anche in questa fase il giocatore può agire sulla conformazione della creatura e modificare le caratteristiche di base. Il sistema si adegua dinamicamente alle scelte realizzate dal giocatore e al tipo di creature presenti nel mondo. Laddove un ecosistema sia povero di carnivori, per esempio, il programma creerà automaticamente delle razze con questa predisposizione, in modo da mantenere l'equilibrio ecologico. Ogni creatura viene identificata da sei parametri: velocità, salute, difesa, socializzazione, aspetto e attacco.

Nella fase tribale, la creatura si accoppia con un simile e dà vita alla prima organizzazione sociale, la tribù. Adesso il giocatore può stabilire l'evoluzione della tribù: se compra armi gli abitanti si specializzeranno nella guerra, se compra case incentiverà lo sviluppo del territorio. La fase tribale sfocia nella civilizzazione con l'instaurarsi dei rapporti con le società vicine. Si potranno instaurare rapporti diplomatici, ma anche militari. Questa componente di Spore è mutuata da quella di un altro classico Maxis, SimCity, ma è ovviamente sensibilmente semplificata in quanto costituisce solo una parte del nuovo gestionale di Will Wright.

In termini di complessità, Spore dà il meglio di sé nella fase finale, quella relativa alla conquista dello spazio. Questa inizierà una volta che la nostra civiltà ha il controllo su tutto il pianeta: adesso può pensare ad espandersi nello spazio. Qui il giocatore troverà nuovi pianeti abitabili e nuove civiltà, con le quali si potranno stringere patti diplomatici o provocare instabilità e indurre quindi al conflitto armato. Lo spazio verrà generato dinamicamente dal software (può essere espanso anche da internet) e quindi è potenzialmente infinito. Le creature possono essere spostate da un pianeta all'altro e vedere le differenze nell'evoluzione determinate dalle caratteristiche dei rispettivi pianeti.

Un'analisi esauriente delle meccaniche di gioco di Spore richiederebbe molto più spazio, per cui ci riserviamo di trattare più diffusamente il gestionale di Maxis con uno dei prossimi articoli. Il rilascio di Spore è previsto nel mese di aprile nei formati PC, DS e Wii. Si parla comunque anche di versioni per PlayStation 3 e XBox 360.

 
^