Giochi PlayStation 3: arriva Heavenly Sword

Giochi PlayStation 3: arriva Heavenly Sword

Con il rilascio del demo pubblico di Heavenly Sword è possibile ammirare le caratteristiche tecniche dell'action/adventure di Ninja Theory e vagliarne la struttura di gioco. Si è pensato principalmente a sfruttare le potenzialità dell'hardware di PlayStation 3, controller SixAxis incluso. Comprende un videoarticolo.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
PlaystationSony
 

Gameplay

In Heavenly Sword risulta fondamentale concatenare gli attacchi realizzando la serie di combo adatta per sbaragliare il nugolo di nemici che circonda l'alter ego virtuale. Semplificando, potremmo dire che il gameplay è interamente incentrato su questa impostazione e che solamente in rari casi Heavenly Sword propone un approccio differente. Questo sicuramente taglia fuori dalla possibile schiera di utenti del gioco di Ninja Theory una consistente fetta di videogiocatori, principalmente coloro che si aspettano qualcosa di maggiormente cerebrale.

Concatenando velocemente i tasti quadrato e triangolo di SixAxis si realizzano pertanto delle combo di base. In questo, Heavenly Sword ricorda God of War, l'action/adventure di successo per PlayStation 2. Tuttavia, queste sono solamente le combo di base. Heavenly Sword, infatti, mette a disposizione dei giocatori un insieme di combo molto più ampio e complesso. Impiegando nei combattimenti solamente le combo di base e proteggendosi dai colpi dei nemici si può, seppure a fatica, venir fuori dal combattimento con successo; ma ciò rende le cose molto più complesse, meglio imparare le combo avanzate e utilizzarle sapientemente in battaglia.

Ci sono cinque tipi di combo. Quelle comprese nel cosiddetto assetto velocità danno la possibilità di agire rapidamente, pur non infliggendo un consistente quantitativo di danni ai nemici. In questi casi, Nariko impiega la spada veloce a doppia lama. È, inoltre, in grado di bloccare automaticamente gli attacchi medi. Passando all'assetto forza le cose si fanno più interessanti. Per eseguire questo tipo di combo è necessario tenere premuto il pulsante R1 e concatenare nel modo opportuno i tasti quadrato e triangolo. Nariko, per l'assetto forza, impiega la spada lenta a lama singola. In queste condizioni, può bloccare solo gli attacchi potenti.

Per le combo facenti parte dell'assetto distanza bisogna tenere premuto il tasto L1. Vi sono due combinazioni: quattro volte il tasto triangolo oppure quattro volte il tasto quadrato. Si tratta di attacchi a lungo raggio che allontanano i nemici deboli e infliggono un danno minimo. Gli attacchi aria sono molto più interessanti, anche perché sfruttano la funzionalità tilt di SixAxis.

Il primo approccio con Heavenly Sword è certamente complesso, perché il gioco sembra terribilmente semplice e privo di spessore. A corroborare questa sensazione contribuisce anche l'impossibilità di utilizzare la funzionalità tilt, la quale dovrebbe essere una costante di qualsiasi videogioco PlayStation 3 di questo livello. In realtà, si è presto smentiti, proprio dagli attacchi aria. Sostanzialmente si tratta di premere il tasto L1 e il tasto triangolo, di scuotere il controller e di eseguire una combinazione specifica, la quale può richiedere anche la pressione del tasto R1 congiuntamente ai tasti quadrato e triangolo.

Dalla descrizione sembra più complesso di quanto lo sia effettivamente. Gli attacchi aria colpiscono anche visivamente, in ragione del fatto che la telecamera di gioco si sposta dall'abituale visuale a media altezza per concentrarsi sul primo piano di Nariko e dei suoi malcapitati avversari. La mossa di Nariko viene seguita nella sua spettacolarità, ricordando, per certi versi, lo stile visivo di Matrix.

I combattimenti sono frutto di tutta una serie di equilibri, che orbitano intorno alla possibilità di parare i colpi inflitti dagli avversari. Come detto, infatti, Nariko è in grado di respingere gli attacchi di forza se in assetto di forza e gli attacchi veloci se in assetto velocità, mentre non può respingere nessun tipo di attacco se in assetto distanza. Questo obbliga il giocatore a rendersi conto del tipo di nemico che si sta affrontando e a respingere i suoi attacchi collocandosi nell'assetto adeguato. Nella versione demo disponibile su PlayStation Network non vengono evidenziate le categorie di appartenenza dei nemici, ma è possibile che Ninja Theory li doti di colori specifici per consentire al giocatore di intuire immediatamente che nemico si trova davanti.

In assetto velocità, Nariko usa congiuntamente le sue due spade e una catena, mentre un piccolo vortice la circonda. Quando si passa all'assetto forza, invece, Nariko combina le due spade in una grossa arma, diviene più lenta nei movimenti ma è in grado di infliggere più danno e di scardinare le difese avversarie. Visivamente, dunque, è possibile intuire facilmente l'assetto in cui ci si trova.

Parlavamo di cinque tipi di combo, ma finora ne abbiamo descritti solamente quattro. Il quinto è quello degli attacchi superstile. Sostanzialmente, se si gioca con stile, si ha la possibilità di accumulare punti stile e di impiegare, dunque, gli attacchi superstile. Questi uccidono sempre il nemico e infliggono consistenti danni ai nemici circostanti. Per acquisire punti stile occorre diversificare i propri attacchi. Le combo superstile appartengono a tre livelli differenti: le combo del terzo livello sono letteralmente devastanti, consentendo di mettere fuori gioco diversi nemici contemporaneamente.

Nariko, inoltre, può servirsi degli oggetti dello scenario per liberarsi dei nemici. Questi, tuttavia, non sono efficaci come le tradizionali combo, per cui questa caratteristica è da considerarsi, perlomeno per quanto visto nel demo, quale semplice orpello tecnologico. Quanto ai nemici, sempre in riferimento al demo che abbiamo giocato, ve ne sono di due tipi differenti: alcuni sono muniti di scudo, altri sprovvisti. Mentre è molto semplice avere la meglio sui secondi, con i primi bisogna impiegare le combo adatte. L'intelligenza artificiale di Heavenly Sword, a questo stadio, non sembra assolutamente evoluta: sostanzialmente, i nemici non fanno altro che venirci incontro e utilizzare le armi a loro disposizione.

 
^