Guidare con XBox 360: Forza MotorSport 2 e volante wireless

Guidare con XBox 360: Forza MotorSport 2 e volante wireless

Forza MotorSport 2 è finalmente in commercio anche in Italia. Turn 10 aggiorna il suo gioco di guida, puntando tutto sul tuning e sulla configurazione meccanica delle vetture. La pubblicazione di Forza MotorSport 2, inoltre, si rivela un'occasione valida per valutare il volante wireless per XBox 360.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
XboxMicrosoft
 

Modello di guida

Forza MotorSport 2 non può essere definito né un gioco di guida arcade né una simulazione, anche se strizza l'occhio più alla seconda piuttosto che alla prima impostazione. Certamente è un gioco frenetico, le cui gare possono risultare ampiamente godibili per via di sorpassi improbabili, per via di poderose sportellate, per via di duelli che si esauriscono solo sulla linea del traguardo.

Le modifiche che possono essere apportate alle vetture risultano, come accennato in precedenza, determinanti. Forza MotorSport 2 è costruito sul motore fisico del predecessore, il quale risulta adesso ulteriormente ampliato in virtù delle rinnovate opzioni di personalizzazione presenti in questo seguito. Le prestazioni della vetture, dunque, sono determinate in base alle caratteristiche fisiche di ogni elemento: vengono, pertanto, presi in considerazione parametri quali il peso e la potenza del motore o il coefficiente di aerodinamica.

Le prestazioni non sono frutto di un numero statico e la configurazione della vettura non dipende da algoritmi più o meno sofisticati, quanto dal giusto equilibrio tra le varie componenti meccaniche. L'andamento in gara delle vetture è frutto di tutta una serie di azioni e reazioni tra le varie componenti ed è determinato dinamicamente una volta che si è sull'asfalto.

Turn 10 non ha mancato di curare l'intelligenza artificiale, in modo da rendere Forza MotorSport 2 realistico per quanto concerne il comportamento della vettura, ma godibile anche in riferimento a gare combattute e a comportamento intelligente degli avversari. Gli algoritmi di intelligenza artificiale sono stati creati a partire dal comportamento reale di piloti professionisti. In seguito, sono stati generati dei profili individuali, in modo che ogni pilota espliciti il suo stile di guida anche in base al circuito: ad esempio, alcuni saranno ostici da superare, altri meno aggressivi. Inoltre, non ci è mai capitato di vedere comportamenti poco ortodossi, come frenate banalmente sbagliate o noncuranza della nostra presenza in pista. Tuttavia, un appunto su intelligenza artificiale e adattamento alla vettura lo faremo tra qualche riga.

Nelle pagine successive parleremo del volante wireless per XBox 360, ma la maggior parte dei giocatori utilizzerà il tradizionale gamepad della console con Forza MotorSport 2. Diciamo che è stato compiuto un grande lavoro in relazione agli effetti di vibrazione. Nelle nostre mani sentiremo in maniera accurata gli scossoni subiti dalla vettura o le sconnessioni dell'asfalto, ma ci accorgeremo anche dei cambi di marcia, del tremore del motore quando è ad alto regime, dell'effetto della forza centrifuga quando si è in sottosterzo.

Il comportamento delle vetture è ovviamente differente da auto ad auto. Le differenze riguardano l'instabilità in curva dell'auto, la capacità di accelerazione, la velocità di punta e altre componenti del genere. Ad ogni modo, nella maggior parte dei casi il giocatore deve adattare il proprio stile di guida in base alla stabilità dell'auto in curva: capire fino a dove si può osare con freno e acceleratore nelle staccate e come disegnare la traiettoria della curva, dunque, diviene fondamentale.

Quello che abbiamo apprezzato poco è che molto spesso capita che vi siano comportamenti maggiormente differenti tra vetture modificate esteticamente e/o meccanicamente che tra vetture completamente differenti. Inoltre, l'intelligenza artificiale non ci sembra essere in grado di adattarsi alle varie vetture che le capita di gestire: insomma, non sembra risentire dell'instabilità congenita di alcune auto con il risultato che se deve compiere una sbavatura la compie sia con una vettura guidabile che con una poco guidabile.

Ad ogni modo, questo problema della gestione delle auto da parte dell'intelligenza artificiale non va sottovalutato, perché molto spesso le gare diventano simili tra di loro, il che, unitamente ad una certa facilità di fondo di Forza MotorSport 2, porta sovente a gare in cui il giocatore fa da lepre e in cui solamente un errore può rimettere in discussione la gara. Per tutti questi motivi, il gioco di guida di Turn 10 rischia di diventare un prodotto in cui il focus riguarda la messa a punto della vettura e in cui la gara è solamente un modo per espletare quanto realizzato nel garage. Intendiamoci, non è un problema solo di Forza MotorSport 2, ma di una grossa fascia di giochi di guida; ma probabilmente questa impostazione comincia a stancare se non si provvede a delle innovazioni radicali.

 
^