MMORPG e Il Signore degli Anelli, la parola a Turbine

MMORPG e Il Signore degli Anelli, la parola a Turbine

Lo sviluppo de Il Signore degli Anelli Online: Le Ombre di Angmar è stato travagliato, passato attraverso diversi produttori ed una lunga fase di test. Adesso tutto sembra essere pronto. Scopriamo i pregi e i difetti di un prodotto solido, ma scarsamente innovativo.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
 

Conclusioni

Inizialmente, il Signore degli Anelli Online è decisamente godibile, per via dell'ottima ambientazione, di un sistema di quest agile e collaudato, della possibilità di affrontare la maggior parte delle quest in party. Dicevamo che Turbine non ha voluto rischiare più di tanto, affidandosi ad una struttura di gioco già nota a chi ha avuto altre esperienze in ambito MMORPG. Ciò ha consentito di ottenere un prodotto di facile fruizione, immediato e coinvolgente sin dalle prime battute.

Tutto ciò, d'altronde, si rivela un'arma a doppio taglio. Insomma, di innovazioni ce ne sono fin troppo poche, tanto che la tentazione di considerare Il Signore degli Anelli Online un clone di World of Warcraft diventa subito decisamente forte. Pertanto, riteniamo che sia giusto consigliare il MMORPG di Turbine solamente a coloro che sono rimasti esclusi, per un motivo o per l'altro, dall'esperienza World of Warcraft o che, magari, non sono ancora stufi di questa impostazione e desiderano avere un'esperienza di gioco simile, ma all'interno di un'altra ambientazione.

Non possiamo sottovalutare neanche la sostanziale assenza del PvP, con un PvMP che sa di consolazione più che di alternativa valida ai sistemi ben più evoluti visti in altri MMORPG. Anche l'ambientazione risulta essere un'arma a doppio taglio. Intendiamoci, il rischio è elevatissimo, perché proporre Il Signore degli Anelli da un'altra prospettiva, dopo la popolarità ottenuta dai film, è un qualcosa perlomeno di azzardato. E, in questo, Turbine ha centrato il suo obiettivo, proponendo un mondo valido, che diverrà ben presto familiare a tutti i giocatori. Fatto sta che lo spiazzamento rimane, che quanto è stato visto al cinema non può essere dimenticato con facilità.

Qualche dubbio vi è anche in relazione ad un end game che può risultare terribilmente anticipato, sempre a causa della mancanza di modalità di gioco PvP come lo possono essere i battleground o le arene. D'altronde, il mondo di gioco è sì vasto, ma poteva esserlo ancora di più se fossero state incluse anche le zone di Mordor, Gondor, Rohan: invece, i giocatori potranno compiere le proprie gesta epiche solamente nell'Eriador. Turbine ha, inoltre, cercato di diminuire il più possibile il fenomeno "farming", ma spesso rimane la sensazione di dover uccidere troppi mostri, di dover ripetere sempre le stesse cose per troppo tempo. Insomma, tutto ciò rischia di rendere alla lunga ripetitiva e noiosa questa struttura di gioco.

Per il resto, Il Signore degli Anelli Online è il classico MMORPG. Si inizia, insomma, la classica avventura che prevede la personalizzazione del proprio alter ego, la giusta calibrazione delle sue caratteristiche e del suo equipaggiamento, gli epici combattimenti all'interno delle istanze più disparate e con il supporto di un più o meno folto gruppo, o compagnia, viste le circostanze.

Bisogna, inoltre, citare la splendida grafica, che consente di respirare ancora una volta l'atmosfera de Il Signore degli Anelli grazie alla precisa ricostruzione delle città e delle ambientazioni celebri del romanzo di Tolkien. In alcune circostanze il motore si rivela abbastanza pesante, per cui si consiglia di dotarsi di un sufficiente quantitativo di memoria di sistema per accedere degnamente al mondo preparato da Turbine. Infine, è meno soddisfacente il comparto audio, a causa di una certa ripetitività.

Il Signore degli Anelli Online: Le Ombre di Angmar sarà in vendita in Italia a partire dal 24 aprile. Al di là dell'edizione tradizionale, saranno in commercio un'edizione speciale che conterrà diverse novità e bonus, e un'edizione da collezione che sarà molto rara, con soli 5.000 esemplari disponibili in tutto il mondo. La distribuzione in Italia è affidata a DDE.

  • Articoli Correlati
  • XBox 360: Crackdown anticipa il debutto di Grand Theft Auto XBox 360: Crackdown anticipa il debutto di Grand Theft Auto E' ormai imminente il lancio in Italia di Crackdown, action/adventure creato sotto la supervisione dell'autore di Grand Theft Auto e di Lemmings. Stavolta, tuttavia, il giocatore sta dalla parte della polizia. Un altro clone del popolare titolo di Rockstar Games o prodotto realmente innovativo?
  • Infernal: angeli e demoni nelle mani di AGEIA Infernal: angeli e demoni nelle mani di AGEIA Sviluppato dal team polacco Metropolis Software, Infernal è un valido sparatutto in terza persona che porta in dote un motore grafico di ultima generazione e il motore fisico AGEIA. Arriva il momento dell'immediatezza anche su PC con un titolo puramente action oriented.
  • Si scrive Armed Assault, si legge Operation Flashpoint Si scrive Armed Assault, si legge Operation Flashpoint E' principalmente il nome che distingue l'ormai imminente Armed Assault dal simulatore di guerra per eccellenza. Piccole migliorie al gameplay, un forte restyling grafico e un consistente potenziamento del supporto multiplayer sono gli aspetti su cui si è lavorato maggiormente.
  • I migliori videogiochi del 2006 I migliori videogiochi del 2006 Ci avviciniamo al Natale e ciò comporta due cose: compere e articoli che riassumono quanto successo nel corso dell'anno. Due cose che diventano protagoniste in questo articolo: quali giochi comprare in occasione delle feste? Ovvero, quali giochi hanno raggiunto la massima qualità tra quelli pubblicati nel 2006?
  • Le bambine terribili di Rule of Rose – intervista ai distributori Le bambine terribili di Rule of Rose – intervista ai distributori Intervista esclusiva ai distributori del gioco che ha suscitato tante polemiche e collezionato censure in diversi paesi europei. Rule of Rose merita davvero un trattamento particolare o è vittima di una reazione esagerata? Vince realmente chi seppellisce la bambina?
35 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Andraax11 Aprile 2007, 12:00 #1

Inutile.

Senza PvP un mmorpg nasce morto. Sono stato in beta dalla closed e posso dire peraltro che il Pve e' la brutta copia di quello di WoW. La presenza di un abbonamento vitalizio fa pensar male. Bellissima l'ambientazione ricreata con dovizia di particolari. Ma non basta.
Inutile.
bartolomeo_ita11 Aprile 2007, 12:03 #2
ma sta gente non puo' prendere le regole di Ultima Online ed applicarle alla grafica 3d ? -_- ci vuole tanto? eh...
~efrem~11 Aprile 2007, 12:07 #3
... che dire?
Niente di nuovo sul fronte occidentale.
Ambientazione ripresa solo per il nome.
Modalità PvP agghiacciante
Crafting inesistente..
Un clone di WOW?

Se si cerca di rubare "clienti" alla blizzard bisogna osare un po di più, nn basta pagare milioni di dollari lo sfruttamento di un marchio.
MadMax of Nine11 Aprile 2007, 12:12 #4
Originariamente inviato da: bartolomeo_ita
ma sta gente non puo' prendere le regole di Ultima Online ed applicarle alla grafica 3d ? -_- ci vuole tanto? eh...


Uno dei giochi online più vecchi ma con il miglior sistema di pvp/pve/crafting che abbiano mai fatto... pensate che 1 mese fa mi sono riscaricato il client e devo dire che se non avessero implementato troppe cose stile daoc o wow sarei ritornato a giocarci stabile

Alla fine secondo voi vale la pena di provare Lotro ?
kelendil11 Aprile 2007, 12:21 #5
Originariamente inviato da: MadMax of Nine

Alla fine secondo voi vale la pena di provare Lotro ?


Secondo me si, l'ho giocato in beta, e non era per niente malaccio. Ma l'articolo comunque (ottimo a mio avviso), sottolinea giustamente pro e contro. Subito ricorda WoW. Non necessariarmente è un difetto o un pregio. Ma salire di livello non è frustrante, l'ambientazione, la musica (soprattutto questa!) e la grafica sono molto buoni. Le quest sono variegate. Se siete appassionati di Lotr, se vi è piaciuto WoW ma vi ha stufato, consiglio di provarlo. Altrimenti potete pure passare la mano...
f4kinup11 Aprile 2007, 12:24 #6

non ci siamo proprio...

un brutto clone di WOW, anche lui mediocre MMORPG, l'unico vero è solo gioco online è Ultima tutti quelli che son venuti dopo sono delle brutte copie.
l'ambientazione e il coinvolgimento di quel gioco nessunaltro lo ha mai lontanamento sfiorato, ho provato lineag,guildwar,wow....

UO RULEZ !!
Diablix11 Aprile 2007, 12:33 #7
La cosa che proprio non concepisco di sto mmorpg è l'ambientazione.
Vuoi fare miliardi con un prodotto di qualità mediocre sfruttando il marchio?
Ok! C'avevo quasi pensato di giochicchiarci in attesa di W.A.R.... ma non puoi mettermi SOLO L'Eriador (la zona della Contea)!!

Mi lanci un gioco del signore degli anelli e al lancio non ci ficchi tutte le zone più emozionanti come Gondor, Rohan, Mordor...
.. e che istanza non sarebbe stata moria? E Bosco Atro e Gran Burrone do me le metti?
Mah..
MiKeLezZ11 Aprile 2007, 12:53 #8
UO è stato rovinato, almeno sui server italioti, da delle discutibili politiche di nepotismo, di liberalizzazione, e da alcuni brutti bug.
Rimane uno dei migliori giochi mai creati, e il suo sistema è quanto più vicino a un mondo reale ci sia: sono gli stessi giocatori a scegliere il loro compito all'interno del mondo. Cercatore di tesori? Vai. Vuoi fare mobili tutto il giorno? Ok. Vuoi farti amici in piazza? Hai voglia..
Il suo punto di forza è quello che, ancora secondo me, rende grande un GDR: migliaia e migliaia di oggetti magici, rari, e non, che portano ad altrettante combinazioni sul personaggio e sulla casa...
Liquid.C11 Aprile 2007, 12:53 #9
bisogna essere porpio pazzi per pagare 150€ per giocare a "sta roba" on line...... mahhh
Raul11 Aprile 2007, 12:57 #10
domanda : come funziona il ciclo giorno notte ?

1:1 come in Wow ?

Grazie

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^