MMORPG e Il Signore degli Anelli, la parola a Turbine

MMORPG e Il Signore degli Anelli, la parola a Turbine

Lo sviluppo de Il Signore degli Anelli Online: Le Ombre di Angmar è stato travagliato, passato attraverso diversi produttori ed una lunga fase di test. Adesso tutto sembra essere pronto. Scopriamo i pregi e i difetti di un prodotto solido, ma scarsamente innovativo.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
 

Il gameplay

Dall'interfaccia di gioco alla struttura delle quest, dal sistema di traits/talenti ai combattimenti, Il Signore degli Anelli Online: Le Ombre di Angmar ricorda da vicino World of Warcraft. Per questo dicevamo che Turbine non ha pensato principalmente alle innovazioni, affidandosi ad una struttura ampiamente collaudata. Il MMORPG di Turbine, dunque, non risolve completamente i problemi di eccessivo "farming" (uccidere in continuazione mostri per adempiere a determinati obiettivi) di World of Warcraft.

Ad ogni modo, si è fatto molto per evitare di cadere in questa ormai classica trappola dei MMORPG. Turbine ha pensato di ricompensare soprattutto il portare a termine le quest. Per guadagnare esperienza rapidamente bisogna, in realtà, seguire il percorso pensato dai programmatori, il quale ci guida attraverso ambientazioni sempre differenti e ci porta a compiere le quest adatte nel momento giusto. In realtà, tuttavia, la stragrande maggioranza delle quest richiede l'uccisione di un certo quantitativo di mostri, il che rende comunque la fase di exp a tratti ripetitiva e noiosa.

Il gioco si rivela godibilissimo nelle prime battute. L'impatto con la splendida atmosfera di gioco, la possibilità di acquisire velocemente esperienza, l'esplorazione di luoghi affascinanti, l'ottima struttura delle quest rendono Il Signore degli Anelli Online realmente apprezzabile in questa fase. Semmai, i problemi di una struttura di gioco che non riesce ad evolversi e una certa stanchezza e ripetitività di fondo emergono in un secondo momento, attorno al trentesimo livello (il livello massimo è il 50).

Tutto ciò ci fa credere che Il Signore degli Anelli Online possa avere un end game abbastanza rapido. Mancano, infatti, battleground, arene, PvP realm vs realm e tutti quegli elementi che portano ad avere, in giochi con siffatte caratteristiche, un end game nel lungo periodo. Inoltre, la lentezza con la quale si passa da un livello all'altro, e conseguentemente l'impossibilità di poter accedere a nuove magie, a nuovo equipaggiamento, a nuovi traits nel frattempo, rendono purtroppo il MMORPG di Turbine abbastanza noioso nei livelli avanzati.

L'interfaccia di gioco è decisamente speculare a quella di World of Warcraft. In basso abbiamo la barra delle magie e la possibilità di accedere alle informazioni sul personaggio, sulle quest, all'inventario. In alto a sinistra troviamo le informazioni sul nostro personaggio: health point, stato del mana (qui chiamato power), il suo avatar, le indicazioni sul livello e la classe. In alto a destra non manca la minimappa, nella quale gli anelli indicano che un determinato NPC è pronto per affidarci una quest o per riceverla una volta che l'abbiamo portata a compimento. Infine, sulla destra della schermata possiamo renderci conto dello stato di avanzamento nelle varie quest che ci sono state assegnate. Con il tasto destro del mouse impartiremo al nostro alter ego l'ordine di camminare, mentre con il sinistro potremo ruotare a piacimento la telecamera.

In party, il gioco diviene spettacolare, grazie alle varie magie impiegate contemporaneamente e alle ottime animazioni allestite da Turbine. In queste circostanze, inoltre, una volta scardinate le difese del nemico di turno, ognuno dei membri del party vedrà apparire sullo schermo una combinazione di quattro pulsanti: a seconda della combinazione di pulsanti che viene fuori ne scaturirà una magia che potrà arrecare danno al nemico, rigenerare la salute dei membri del party o il loro power.

Una componente fondamentale dell'evoluzione delle caratteristiche dei personaggi è quella dei traits, i quali fanno sostanzialmente il paio con i talenti di World of Warcraft. Praticamente, al di là dei traits è impossibile differenziare il proprio personaggio dagli altri appartenenti alla stessa classe, per cui si tratta di una soluzione fondamentale per ciò che riguarda la componente squisitamente da gioco di ruolo de Il Signore degli Anelli Online.

I traits funzionano così: se uccidiamo un determinato numero di mostri o se completiamo specifiche quest o, ancora, se raggiungiamo un avamposto inesplorato, riceveremo un accomplishment. Questo si trasformerà in una specifica caratteristica che potrà essere equipaggiata con l'ausilio di un bardo (si trovano nelle città principali). Con l'aumentare del livello di esperienza del nostro personaggio, di fatto, sbloccheremo gli slot che possono essere riempiti con le caratteristiche. In definitiva, si tratta di un sistema ben congegnato nella misura in cui non dipende unicamente dal livello di esperienza raggiunto ma anche dal tipo di quest portate a compimento e/o dal tipo di mostri uccisi.

Abbiamo notato una certa ripetitività nell'equipaggiamento dei vari personaggi. Probabilmente è un aspetto che sarà affinato nelle prossime edizioni del gioco, ma allo stato attuale delle cose molti personaggi si assomigliano pericolosamente, anche a livelli piuttosto avanzati. Spesso capita di accedere ad una nuova staffa che si differisce dalla precedente solo per i colori, mentre i mantelli che è possibile vedere nell'Eriador indosso ai vari personaggi sono sostanzialmente identici nei colori e nelle forme.

Inoltre, ne Il Signore degli Anelli Online sostanzialmente non si muore mai. Una volta esauriti tutti gli health point saremo inabili: in queste circostanze possiamo aspettare che qualcuno ci resusciti o rigenerarci immediatamente nel più vicino cimitero. L'esaurimento degli health point arreca due tipi di conseguenze: per un determinato periodo di tempo il nostro numero massimo di health point risulterà ridotto di una determinata percentuale e il nostro equipaggiamento riceverà dei danni, comunque riparabili con l'ausilio di qualsiasi vendor.

Per il resto, Il Signore degli Anelli Online mantiene caratteristiche simili ai tradizionali MMORPG. Vengono confermati i vendor con le solite modalità, i trainer per avere accesso alle nuove magie, le auction house per le aste, la posta per inviare gli oggetti, le gilde e la loro gestione. Qualche parola in più meritano le cavalcature: è, infatti, possibile usufruire dei cavalli sin dai primi livelli di gioco. Bisogna recarsi da uno stable master e scegliere una destinazione, dunque il cavallo ci accompagnerà nel luogo desiderato. E', ovviamente, possibile acquistare un cavallo tutto proprio e dirigersi liberamente in ciascuno dei luoghi dell'Eriador. Ad ogni modo, ciò è possibile solamente dopo il trentacinquesimo livello di esperienza.

 
^