Sony PlayStation 3: la next-gen è adesso - part 1

Sony PlayStation 3: la next-gen è adesso - part 1

La console di nuova generazione di Sony sbarca in Italia. Arriva con cinque mesi di ritardo rispetto alle edizioni NTSC, ma è dotata di un bagaglio tecnologico comunque importante, in grado di far evolvere in maniera sensibile il gioco su console. Cell, RSX, SixAxis, PS Network, Blu-ray sono alcuni degli aspetti che rendono possibile questa evoluzione.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
SonyPlaystation
 

Introduzione

Sony PlayStation 3 è nei negozi italiani. Finalmente lo possiamo scrivere, con un non troppo velato sollievo, considerate le vicissitudini pre-lancio della console di nuova generazione per eccellenza. Arriva PlayStation 3, e porta con sé un bagaglio tecnologico non indifferente, con una CPU innovatrice e completamente votata al multi-threading, con l'alta definizione, con il supporto Blu-ray, con la funzionalità tilt del controller SixAxis, con tante novità sul piano del gioco in multiplayer online, con un marchio che si rinnova e che punta a riscrivere, per l'ennesima volta, la storia dei videogiochi.

Si diceva di un pre-lancio difficile. In realtà, Sony ha rischiato molto, tanto che parecchi utenti hanno avuto il sospetto che il colosso nipponico puntasse tutto sul suo passato e sulla considerazione guadagnata, piuttosto che sulle reali introduzioni tecnologiche. In alcuni momenti, tra indiscrezioni e notizie più o meno affidabili, si è avuta la sensazione che qualcosa fosse andato storto, che si trattasse addirittura di un progetto fallimentare.

Il ritardo dovuto alla mancata consegna dei famigerati diodi blu per i lettori Blu-ray, l'esclusione dell'effetto vibrazione nel controller SixAxis, la rimozione del chip EE+GS nell'edizione PAL della console, la scarsa presenza di titoli HD in questa fase di lancio, l'apparente complessità nella programmazione dei giochi per la nuova console sono tutti elementi che hanno fatto preoccupare i fan legat alla tradizione PlayStation.

Di fatto, la console next-gen arriva in Italia quasi 24 mesi dopo le prime presentazioni dei giochi PlayStation 3, tenute da Sony in occasione dell'E3 2005. Killzone, nella fattispecie, ha fatto toccare con mano le reali potenzialità della console, facendo sognare più di un appassionato di tecnologia. Quei filmati, si scoprì, erano in grafica pre-render, neanche un frame era in tempo reale. E' realmente possibile raggiungere quello standard grafico, soprattutto dopo aver visto di cosa è capace la concorrenza con un certo Gears of War?

Ma i lettori si chiederanno se PlayStation 3 è in grado di ripetere il successo delle precedenti console della famiglia. E', ovviamente, una domanda alla quale non si può rispondere in maniera concreta, ma si possono tirare in causa gli elementi che possono impedire o agevolare un esito del genere. Da una parte la concorrenza è più agguerrita che mai, con una XBox 360 finalmente competitiva e ampiamente venduta, e un Wii che da terzo incomodo rischia di diventare padrone incontrastato della terza generazione di macchine da gioco.

Da parte sua Sony ha un parco di esclusive in fatto di titoli che, seppure in declino visto che Microsoft è agguerrita più che mai anche in questo campo, costituiscono in fin dei conti l'elemento più importante nella scelta definitiva di un acquirente assennato di console. Metal Gear Solid, Gran Turismo, Final Fantasy, Tekken e mille altri rimangono esclusive PlayStation, e su questo Microsoft e Nintendo non hanno che da rincorrere. Il punto è vedere se i nuovi episodi di queste saghe storiche non deluderanno le aspettative: nel momento in cui saranno in commercializzazione, insomma, si potrà rispondere, seppur parzialmente, alla domanda che abbiamo sollevato nello scorso paragrafo.

D'altronde, la nuova generazione è anche sinonimo di gioco online. Su questo campo Sony ha da imparare da Microsoft, la quale vanta un servizio XBox Live (a breve anche Windows Live) senz'altro più collaudato ed efficiente, che viene incontro alle esigenze dei giocatori. Sony è rimasta indietro con PlayStation 2 rispetto alla prima XBox, e paga questo deficit anche con la nuova generazione. PlayStation Network è l'elemento che dovrebbe colmare il gap, e PlayStation Home potrebbe essere un buon viatico per accorciare le distanze. Tuttavia, sicuramente, in questa fase di lancio il gioco online è primariamente una prerogativa XBox 360.

PlayStation 3, tuttavia, gode di una congiuntura sensibilmente favorevole al mondo console, generata dal decremento delle quote di mercato che il mondo PC, purtroppo, sta patendo. Le attenzioni dei produttori di videogiochi sono rivolte al mondo console, e al mondo PlayStation 3 che sta per sbocciare in Europa. E' una cosa che è accaduta ogni qual volta si è entrati in una nuova generazione di console, ma stavolta, si teme, che possa perdurare. La pirateria, le troppe specifiche hardware da soddisfare, la mancanza di un progetto univoco stanno portando ad un progressivo abbandono della piattaforma PC.

Se software house da sempre votate a questo mondo, come Epic Games, id Software, Valve, si stanno concentrando su console, insomma, evidentemente c'è qualcosa di cui preoccuparsi. Questo potrebbe consentire alle console di nuova generazione di avere ancora più utenti e di ricevere in dote quei videogiochi che fino ad oggi sono stati ad appannaggio del formato PC. Unreal Tournament III, facente parte di una saga praticamente da sempre destinata solamente ai cosiddetti hardcore gamer, è un esempio lampante, come lo sono gli ormai tanti RTS disponibili, o quasi, per console.

Quella che state per leggere è solamente la prima parte dell'analisi di PlayStation 3. La prossima settimana completeremo la pubblicazione dell'articolo parlando di PlayStation Network, di PlayStation Home, di Linux, del controller SixAxis, dell'interfaccia Xross Media Bar, di line-up di lancio. Correderemo il tutto con un video-articolo e con le conclusioni finali.

 
^