XBox 360: Crackdown anticipa il debutto di Grand Theft Auto

XBox 360: Crackdown anticipa il debutto di Grand Theft Auto

E' ormai imminente il lancio in Italia di Crackdown, action/adventure creato sotto la supervisione dell'autore di Grand Theft Auto e di Lemmings. Stavolta, tuttavia, il giocatore sta dalla parte della polizia. Un altro clone del popolare titolo di Rockstar Games o prodotto realmente innovativo?

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
XboxRockstar GamesGrand Theft AutoMicrosoft
 

I veicoli

Crackdown comprende anche la guida a bordo di veicoli. Questa componente, in realtà, è meno presente rispetto ad altri giochi simili. L'assenza della struttura classica a missioni, nelle quali spesso capitava di dover percorrere l'intera città per raccogliere i membri di una banda, per consegnare un oggetto o semplicemente per riverniciare la macchina, contribuisce a collocare in posizione secondaria questo aspetto. Solamente in sparuti casi, qualora lo richieda la struttura della base nemica da attaccare, conviene procedere con l'utilizzo di vetture.

Iniziamo dicendo che la polizia ha a disposizione quattro tipi di veicoli. Questi sono sensibilmente più performanti degli altri e hanno caratteristiche peculiari. Abbiamo la tradizionale gazzella della polizia. Questa è la vettura in dotazione di tutti i pacificatori, per cui è facile vederla sulle strade, mentre magari i pacificatori sono impegnati in conflitti a fuoco con i malviventi. La gazzella è molto scattante, ma non ha una grande resistenza al fuoco nemico.

La supercar dell'agenzia è, invece, un bolide in tutto e per tutto. E' velocissima, decisamente resistente e, soprattutto, è in grado di respingere gli altri veicoli che le vengono incontro. Il SUV è, invece, in grado di arrampicarsi su superfici rocciose e di schiacciare gli altri veicoli. Il camion dell'agenzia, infine, è estremamente resistente ai colpi nemici, riuscendo, inoltre, a crearsi un varco anche quando molti veicoli gli sbarrano la strada. La realizzazione di questi quattro veicoli è più curata rispetto a quella degli altri, annoverando un consistente numero di poligoni.

Per ognuno dei distretti di Pacific City liberati, il nostro alter ego accederà ad un nuovo livello di esperienza. Questo si concretizzerà non solo in una nuova tuta da combattimento, ma anche in modifiche estetiche agli stessi veicoli. Se saliamo a bordo di una supercar, di un SUV o di un camion dell'agenzia, infatti, questi assumeranno delle nuove forme, più aggressive rispetto al passato. Il miglioramento non è solo estetico, in quanto vengono ulteriormente incentivati i pregi di ognuno dei tre veicoli.

"Autorizzati a requisire ogni veicolo". Sfoggiando questa affermazione potremmo prelevare qualsiasi mezzo presente sulle strade di Pacific City. Questi ultimi non presentano particolari innovazioni: si tratta di utilitarie, autobus, auto sportive: insomma, tutti quei veicoli che siamo abituati a vedere nei giochi in stile GTA. Un discorso a parte meritano i mezzi a disposizione delle gang rivali: questi sono più performanti rispetto ai veicoli civili ed esteticamente differenti. Spesso offrono un consistente apporto in fatto di accelerazione e resistenza, anche se non vengono raggiunti i livelli dei veicoli dell'agenzia.

In Crackdown mancano delle caratteristiche presenti in altri giochi simili come la possibilità di collezionare le vetture e conservarle in un proprio garage, di personalizzarle o riverniciarle. D'altronde, il fatto che l'apporto dei mezzi sia in posizione secondaria rispetto al resto si riflette in una scarsa varietà di veicoli differenti.

 
^