Nintendo Wii: la rivoluzione è nel controller

Nintendo Wii: la rivoluzione è nel controller

Conosciuto inizialmente con il nome di Nintendo Revolution, Wii arriva finalmente nelle case degli appassionati di videogiochi italiani. Una rivoluzione che, come abbondantemente anticipato da una campagna pubblicitaria che non è seconda a nessun'altra, non è solo sulla carta.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
Nintendo
 

La componentistica interna - parte 2

Va detto che la console, oltre a manifestarsi adeguatamente silenziosa, non è soggetta a surriscaldamento neanche in locali angusti e scarsamente refrigerati.

In alto è possibile osservare la GPU realizzata da ATI e conosciuta con il nome Hollywood, mentre in basso è presente la CPU Broadway prodotta da IBM. Abbiamo riportato i dati tecnici dei due chip nella seconda pagina dell'articolo. Su ciascuno dei processori è applicato un pad termico, e non viene utilizzata pasta termoconduttiva. Stessa soluzione risulta applicata sul chip che si occupa della ricezione wireless. Quest'ultimo è fornito da Mitsumi ed è collegato a due antenne, che possono essere individuate nella foto precedente all'interno delle due schedine di colore verde disposte sui lati della scheda madre.

Le antenne possono essere sostituite con altre più potenti. Il ricevitore wireless 802.11 opera entro il range fra 2412-2462GHz. In modalità 802.11b, il ricevitore può raggiungere un output di 20.07dBm e di 101.62 mW, mentre le antenne esterne forniscono 1.87dBi in più. Il chip interno è realizzato dal noto produttore Broadcom. Il ricevitore Bluetooth si trova, invece, nella parte superiore a sinistra della scheda madre. Quest'ultimo opera entro un range di 2.402-2480 GHz. Può raggiungere un output di 5.83dBm o di 3.83mW in modalità 8PSK o di 3.66dBm/2.32mW in modalità GFSK. La seguente foto mostra, invece, la parte inferiore della scheda madre.

Abbiamo provveduto anche all'apertura del remote e dell'unità nunchuk. Nell'immagine sottostante è possibile individuare i chip accelerometri: uno è collocato nella parte centrale del nunchuk, l'altro in basso nel Wii remote. All'interno del remote, precisamente nel supporto in plastica bianco, è presente il rumbler, artefice del sistema di force feedback. Quest'ultimo si è rivelato scarsamente potente, anche se comunque efficace nella maggior parte dei giochi. E' collocato in alto rispetto al supporto in plastica l'emettitore di segnali infrarossi.

 
^