Nintendo Wii: la rivoluzione è nel controller

Nintendo Wii: la rivoluzione è nel controller

Conosciuto inizialmente con il nome di Nintendo Revolution, Wii arriva finalmente nelle case degli appassionati di videogiochi italiani. Una rivoluzione che, come abbondantemente anticipato da una campagna pubblicitaria che non è seconda a nessun'altra, non è solo sulla carta.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
Nintendo
 

Caratteristiche tecniche

Come abbiamo già accennato e come vedremo meglio più avanti, Nintendo Wii non punta assolutamente sulla potenza bruta del suo hardware. E' una console fatta per divertire, senza inutili fronzoli legati all'evoluzione tecnologica. Cominciamo, comunque, con una disamina su quello che c'è al di là dell'involucro della console, realizzando un veloce paragone con quanto invece faceva parte della configurazione della precedente console di Nintendo, ovvero GameCube.

La CPU di Nintendo Wii è un processore PowerPC costruito con processo produttivo SOI CMOS a 90 nanometri. Il suo nome in codice è Broadway, mentre la frequenza di clock si attesta sui 759 Mhz. Su GameCube invece avevamo la CPU Gekko, sempre PowerPC, con processo produttivo a 180 nanometri e frequenza di clock di 485 Mhz.

Quanto alla memoria: su Wii abbiamo 88 MB di memoria principale, di cui 24 di 1T-SRAM e 64 di RAM GDD3. A questi vanno aggiunti 3 MB destinati alle texture e quindi riservati alla GPU. GameCube disponeva invece di 24 MB di RAM 1T-SRAM. Le GPU di entrambe le console, inoltre, sono state realizzate da ATI: nel caso di Wii abbiamo il cosiddetto Hollywood, costruito con processo produttivo a 90 nanometri e operante a 243 Mhz. GameCube utilizzava invece Flipper, prodotto a 180 nanometri e operante a 162 Mhz.

Nintendo Wii

Wii è inoltre in grado di gestire fino a quattro controller Wii remote tramite connessione Bluetooth. Dispone di uno slot per schede di memoria SD, di due porte USB 2.0, di una porta per la barra sensore (tramite al quale il controller interagisce con il sistema), di quattro porte per i controller di GameCube e di due porte per le memory card di GameCube. La connessione wireless è affidata al modulo Mitsumi DMW-W004 WiFi 802.11b/g.

In riferimento alle capacità di storage, Wii contiene una flash memory da 512 MB, ma può supportare fino a 2 GB se vengono aggiunte ulteriori schede di memoria SD. Le memory card di GameCube possono essere installate anche su Wii. Il lettore ottico supporta solamente DVD di dati da 12 cm e i dischi GameCube da 8 cm. Per il momento non è possibile la riproduzione di filmati in formato DVD, ma si parla insistentemente di un nuovo step della console che comprenda anche questa caratteristica. E' certo che la seconda versione di Wii sarà disponibile in Giappone nel corso del 2007, ma attualmente Nintendo non ha annunciato nulla di concreto in questo senso per i territori PAL e NTSC.

Nonostante qualche primo entusiastico annuncio e una semi-conferma ufficiosa della stessa Nintendo, Wii non sarà region free. Dunque, non potremo utilizzare giochi comprati in continenti differenti dall'Europa in una console italiana. L'approccio region free era stato impiegato da Nintendo con la console portatile DS, ma evidentemente si è scelto di non riconfermare questa strategia.

Nintendo Wii supporta la risoluzione massima 480p con monitor o proiettori NTSC e la risoluzione massima 576p con monitor o proiettori PAL/SECAM. Sono presenti le entrate component, RGB SCART, S-Video e composito. Il formato 16:9 anamorfico widescreen è possibile. Quanto all'audio, la console è in grado di gestire flussi Dolby Pro Logic II. Inoltre, il controller contiene uno speaker che, se adeguatamente supportato dal gioco, sono in grado di emettere suoni differenti rispetto a quelli gestiti dal sistema centrale.

 
^