Le bambine terribili di Rule of Rose – intervista ai distributori

Le bambine terribili di Rule of Rose – intervista ai distributori

Intervista esclusiva ai distributori del gioco che ha suscitato tante polemiche e collezionato censure in diversi paesi europei. Rule of Rose merita davvero un trattamento particolare o è vittima di una reazione esagerata? Vince realmente chi seppellisce la bambina?

di Jonathan Russo pubblicato il nel canale Videogames
 

Intervista - parte 2

Ma se le singole scene non sono scandalose come si potrebbe pensare, per quale motivo Rule of Rose è stato così preso di mira, soprattutto tenendo conto che ci sono altri giochi horror ben più crudi?

E’ una domanda a cui mi piacerebbe saper rispondere. Io credo che questo accanimento dipenda soprattutto da una concezione sbagliata che c’è in Italia, per la quale i videogiochi sono “cose da bambini”. Invece i dati confermano che la maggior parte dei videogiocatori è maggiorenne. Non solo: bisognerebbe cominciare a riconoscere i videogiochi non solo come mero intrattenimento, ma anche come una nuova forma di media, e quindi di espressione.

Addirittura?

Come dicevo prima, Rule of Rose non è uno di quei giochi concentrati sul combattimento o sull’azione frenetica. E’ invece un titolo che punta più all’atmosfera e si concentra sull’esplorazione, funzionale a far evolvere la storia. Per apprezzare pienamente il gioco, è quindi necessario concentrarsi e capire il messaggio che l’autore ha voluto trasmettere, né più né meno come si fa guardando un film o leggendo un libro.

La Sony, che in Giappone distribuisce il gioco, si è rifiutata di farlo in Europa perché non lo giudica adatto al pubblico europeo.

E’ una scelta della Sony, hanno le loro motivazioni, che non mi sento di mettere in discussione.

Parliamo dei problemi legati alla distribuzione. In seguito alle polemiche nate, avete avuto qualche comunicazione riguardo a possibili blocchi?

Per il momento non ci risulta niente di tutto questo.

Oltre alla preoccupazione per la possibilità che il titolo venga ostacolato, c’è da dire che tutto il polverone ha portato una notevole pubblicità per quello che, in effetti, non era certo un titolo di punta.

E’ vero, Rule of Rose non era un titolo di punta per il mercato PS2. Anche dal punto di vista tecnico, non ambisce ad esserlo. Non direi però che la pubblicità portata al gioco dalle polemiche sia positiva: i dati che abbiamo, relativi alla distribuzione, non sono migliorati rispetto a prima, e anzi tutt’al più hanno subito una lieve flessione. Comunque, come publisher, le nostre strategie non sono assolutamente cambiate dopo il caso che si è creato.

Possibile che questa pubblicità involontaria non dia i suoi frutti? Dopotutto ha fatto conoscere il gioco anche a chi magari, in altre circostanze, non avrebbe notato la sua uscita.

Credo che la polemica attorno a Rule of Rose sia andata a interessare più che altro una fascia di persone che non rientra tra i potenziali acquirenti del gioco. Vedremo se ci saranno novità inaspettate dopo il primo periodo dalla release.

Un’ultima domanda. Visto che ormai è di moda, sai se è già previsto un seguito per Rule of Rose?

(Sorride) Questo possono saperlo solo i creatori del gioco, sfortunatamente non ne abbiamo idea.

  • Articoli Correlati
  • Ritorno alle origini con Neverwinter Nights 2 Ritorno alle origini con Neverwinter Nights 2 Torna il gioco di ruolo rigoroso con il seguito di uno dei prodotti di maggior successo del 2002. Il progetto passa dalle mani di BioWare a quelle di Obsidian Entertainment, ma l'obiettivo principale resta quello di ribadire con rinnovata qualità una struttura di gioco che ha riscosso un enorme successo.
  • Dalla Germania si ridefinisce il genere degli RPG con Gothic 3 Dalla Germania si ridefinisce il genere degli RPG con Gothic 3 Mancano ormai pochi giorni alla pubblicazione del terzo episodio della serie di RPG sviluppata da Piranha Bytes. Analizziamo le tante promesse e i pochi rischi di una produzione importante, che ha come obiettivo quello di scalzare titoli come Oblivion e Neverwinter Nights 2.
  • L'RTS è fantasy con Warhammer: Mark of Chaos L'RTS è fantasy con Warhammer: Mark of Chaos Prodotto da Namco Bandai e sviluppato da Black Hole Entertainment, Warhammer: Mark of Chaos è uno degli RTS più promettenti della stagione videoludica in corso. Spulciamo le caratteristiche del prodotto e diamo un primo parere sull'impostazione di gioco attraverso il test della prima versione beta.
76 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Kintaro7005 Dicembre 2006, 14:20 #1
Wow pubblicità gratuita a gogo.
Paolo Corsini05 Dicembre 2006, 14:24 #2
Originariamente inviato da: Kintaro70
Wow pubblicità gratuita a gogo.

In 4 minuti hai letto questo articolo, quando ce ne ho messi almeno 10 io in fase di rilettura?
Evidentemente no: se così fosse stato, avresti capito che il giudizio sul gioco dal punto di vista prettamente tecnico dell'autore è tutt'altro che quello che in termine tecnico può definirsi una "marchetta".
Se invece il tuo commento era un tentativo di farci vedere quanto un utente possa essere superficiale nel postare, hai pienamente colto nel segno.
Therinai05 Dicembre 2006, 14:35 #3
Commenti affrettati a parte con tutta l'attenzione dedicata a questo gioco mi è venuta voglia di giocarci... cmq ora mi leggo l'intervista.
VitOne05 Dicembre 2006, 14:37 #4
Come sempre sarebbe il caso che a parlare sia qualcuno esperto in materia. Francamente non capisco il motivo delle critiche a questo gioco, ed in effetti leggendo l'intevista che avete realizzato non pare esserci nessun motivo. Avevo letto "vince chi seppellisce la bambina" in modo da conoscere "il nemico": titolo evidentemente provocatorio da parte dell'articolista, cmq la dovrebbero smettere di criticare i videogame.
Per quello che riguarda la pubblicità gratuita sinceramente sono venuto a conoscenza del gioco grazie alle critiche, però secondo me ha detto bene al manger di H, se è vero che le vendite hanno subito una lieve flessione, ovvero chi è interessato al gioco è un pubblico "indipendente" dalle critiche.
Comunque non so se appoggiare o meno l'iniziativa di HWUpgrade di dedicare un articolo ad un "problema" come questo: da un lato è ora che qualcuno realmente competente si occupi del problema, dall'altro non sarebbe il caso di sottolinearlo...
tazok05 Dicembre 2006, 14:38 #5
Originariamente inviato da: Paolo Corsini
In 4 minuti hai letto questo articolo, quando ce ne ho messi almeno 10 io in fase di rilettura?
Evidentemente no: se così fosse stato, avresti capito che il giudizio sul gioco dal punto di vista prettamente tecnico dell'autore è tutt'altro che quello che in termine tecnico può definirsi una "marchetta".
Se invece il tuo commento era un tentativo di farci vedere quanto un utente possa essere superficiale nel postare, hai pienamente colto nel segno.


Paolo,te sei lento a leggere...questo articolo si legge in 3 minuti e 48 secondi!! devi "aggiornare gli occhiali"

btw bella intervista, peccato che
1)il gioco non mi piaccia proprio

2)questo l'ho visto più come caso da tgcom"Io credo che questo accanimento dipenda soprattutto da una concezione sbagliata che c’è in Italia, per la quale i videogiochi sono “cose da bambini”" mi spiace ma queste sono davvero chiacchiere da bar..

siete stati un pò troppo "politically correct" soprattutto avendo come contesto gli ultimi avvenimenti mediatici(avete visto?quasi tutti i tg hanno scoperto ultimamente cose come Internet e Youtube..)
JohnPetrucci05 Dicembre 2006, 14:39 #6
Originariamente inviato da: Paolo Corsini
In 4 minuti hai letto questo articolo, quando ce ne ho messi almeno 10 io in fase di rilettura?
Evidentemente no: se così fosse stato, avresti capito che il giudizio sul gioco dal punto di vista prettamente tecnico dell'autore è tutt'altro che quello che in termine tecnico può definirsi una "marchetta".
Se invece il tuo commento era un tentativo di farci vedere quanto un utente possa essere superficiale nel postare, hai pienamente colto nel segno.

Concordo.
Leggetelo l'articolo, qui non si esalta affatto il gioco, anzi tutt'altro, tecnicamente parlando.
Si apre inoltre un interessante confronto sulle polemiche e sulla loro fondatezza o meno, in rapporto a chi è pronto a censurare con troppa facilità ciò che non conosce pienamente, e la strategia di rendere un gioco come questo più appariscente sui filmati e sulle torbide vicende della trama che sull'azione vera e propria.
tazok05 Dicembre 2006, 14:41 #7
Originariamente inviato da: VitOne
da un lato è ora che qualcuno realmente competente si occupi del problema, dall'altro non sarebbe il caso di sottolinearlo...


ora + che mai è il caso di sottolinearlo,con tutti questi tg che fanno(dis)informazione sui videogames

l'altro giorno ho visto l'opinionista del tg5 che intervistava una serie di persone della strada,con risultati allarmanti tipo"io non ho internet proprio per evitare la diseducazione dei miei figli"...
cose da pazzi...l'unico problema sono i GENITORI che comprano al bambino la psp con gta..non i giochi violenti.


p.s. per quanto riguarda la competenza,non so se darti torto o ragione
spannocchiatore05 Dicembre 2006, 14:46 #8
comunque chi ha fatto il gioco c'ha messo la storia ad hoc per avere hype e quindi vender di più...io non c'ho giocato, ma se avesse avuto un'altra storia non se ne sarebbe parlato così tanto, oppure (e qua sta il peggio) non si considera che è un gioco dichiaratamente HORROR e vende perché ci son una moltitudine di bigotti ignoranti che continuano a far politica da populismo esasperato (sia a destra che a sinistra, quando si tratta di far schifo son sempre d'accordo) o moralisti del cavolo, ed in questo modo ottengono esattamente l'effetto contrario..se gliene fregasse veramente qualcosa semplicemente non ne avrebbero parlato (con effetti peggiori della censura a mio avviso)..il gioco in sè non merita tutte queste polemiche, vedo che le recensioni "serie" (e trovo felice la recensione di Hwupgrade) non lo trovano così "diseducativo", semplicemente lo definiscono per quel che è: un gioco mediocre che somiglia più a un film che a un gioco (sembra fatto apposta per il mercato nipponico sinceramente)..
203005 Dicembre 2006, 14:50 #9
Non ho letto tutto l'articolo ma vorrei lo stesso fare una considerazione in merito alla frase "non sono presenti scene splatter". Ho giocato a Painkiller e mi è piaciuto molto non per la trama ma per la fisica del gioco e mi viene spontanea un'osservazione. In Painkiller erano presenti moltissimi simboli satanici e di chiaro riferimento al mondo dell'occulto che non aggiungono granchè al gioco in sè a mio avviso. In ogni caso, avendo 24 anni so identificare certe cose e decidere se le condivido o meno, ma una persona di 14 non credo ne sia in grado (mi pare che fosse VM 14 no?).
Questo Rule of Rose mi pare un gioco ancora più pericoloso e assolutamente inadatto ai giovani proprio per la natura più psicologica che secondo me in alcuni casi può essere assai subdola. La mia opinione è che non ci sia davvero bisogno di giochi di questo tipo, ovviamente accetto che non valga per tutti, e faccio notare che mentre in Painkiller una scena con fiumi di sangue era chiaramente irreale e non mi faceva pensare troppo, un gioco come questo rischia di avere l'effetto opposto.
Credo insomma che sarebbe necessario giudicarlo come prodotto a cui possono avere accesso tutti (perchè di fatto è cosi, vero signor emule?) e ricordare che i bambini e i ragazzi andrebbero tutelati. Non giocherò al gioco perchè non mi interessa, però mi fa pensare che se è vero quanto riportato sull'articolo di Panorama, questo gioco sarà molto apprezzato da adulti perversi e pericolosi.
Exoso05 Dicembre 2006, 14:50 #10
Originariamente inviato da: tazok
Paolo,te sei lento a leggere...questo articolo si legge in 3 minuti e 48 secondi!! devi "aggiornare gli occhiali"

btw bella intervista, peccato che
1)il gioco non mi piaccia proprio

2)questo l'ho visto più come caso da tgcom"Io credo che questo accanimento dipenda soprattutto da una concezione sbagliata che c’è in Italia, per la quale i videogiochi sono “cose da bambini”" mi spiace ma queste sono davvero chiacchiere da bar..

siete stati un pò troppo "politically correct" soprattutto avendo come contesto gli ultimi avvenimenti mediatici(avete visto?quasi tutti i tg hanno scoperto ultimamente cose come Internet e Youtube..)


Pienamente daccordo sul fatto che ancora vengono associati i videogame a giochini per bambini... Nulla di più sbagliato...Ci sono per piccoli e adulti secondo me come un qualsiasi film in DVD !!!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^