Sette volte Lara Croft

Sette volte Lara Croft

L'attesissimo settimo episodio della conosciutissima serie di Tomb Raider sarà rilasciato l'11 aprile. Diamo un'occhiata a tutte le caratteristiche che sono state divulgate finora, nella speranza di riscoprire i vecchi splendori che ormai i Tomb Raider hanno perso con gli ultimi episodi della serie. Crystal Dynamics riceve un'eredità pesante da Core Design: ne sarà all'altezza?

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
 

La grafica

Oltre che per il sistema di controllo di Lara Croft, Tomb Raider: Legend apporterà sostanziali migliorie rispetto al passato anche in riferimento alla grafica. Come abbiamo accennato, adesso il sistema di animazione di Lara sarà notevolmente più preciso, mentre il numero di poligoni aumenterà vertiginosamente rispetto al passato. Come sempre, quando si parla di grafica si deve fare una netta distinzione rispetto alle piattaforme sulle quali si giocherà. Mentre la versione PlayStation 2 si potrà avvalere solamente di una parte delle caratteristiche legate a sistemi di shader, su Xbox e Xbox 360 sarà possibile godere appieno delle prestazioni visive del nuovo Tomb Raider.

Secondo i programmatori, inoltre, su PC si avrà una resa visiva a metà strada tra quelle di Xbox e di Xbox 360, ovviamente in relazione alle caratteristiche della macchina su cui si gioca e, principalmente, alla scheda video. Un PC molto recente realizzerà le stesse prestazioni visive di Xbox 360. Tomb Raider: Legend sarà commercializzato anche in versione PSP, e anche qui dovrebbe vantare una grafica di ultimissima generazione.

La prima sensazione che si ha vedendo il nuovo Tomb Raider è di grande fluidità rispetto al passato. Adesso, i movimenti di Lara sono notevolmente più spettacolari e dinamici, mentre gli ambienti risultano essere abbondantemente più pieni. Nella versione Xbox 360 (ma il discorso può valere anche per i PC più recenti) il solo personaggio di Lara presenta ben 24 MB di texture, vale a dire più di 12 volte rispetto alle capacità di contenimento delle texture della memoria della PlayStation 2. Il modello poligonale della nostra eroina sarà composto da 20000 poligoni. In effetti, per le versioni Xbox 360 e PC proprio il modello poligonale della protagonista è stato completamente ridisegnato rispetto a quanto vedremo nell'edizione PlayStation 2 del gioco.

Lara sarà ancora più sexy del solito, grazie alle movenze notevolmente più affinate rispetto al passato e ad un dettaglio poligonale più preciso. Non mancheranno effetti di illuminazione e rifrazione in tempo reale, così come il sistema di ombre sarà al passo con le produzioni più recenti. Il motore grafico riuscirà a gestire anche Normal Mapping, Specular Mapping, Diffuse Mapping e speciali shader definiti Fresnel.

I Fresnel Shader permetteranno l'illuminazione dei bordi delle sagome nel momento in cui la sagoma stessa è collocata tra la fonte di luce e il punto di vista. Inoltre, tramite il sistema di self-shadowing i vari elementi del modello poligonale di Lara realizzeranno ombre in tempo reale anche sullo stesso modello poligonale. Altra importante caratteristica si evidenzierà nei momenti in cui il personaggio si troverà in una zona d'ombra, situazione per la quale solitamente vengono esclusi gli effetti di normal mapping. In Tomb Raider: Legend, invece, continueremo ad ammirare i più piccoli dettagli relativamente alle ombre, all'illuminazione, alla pelle ed ai vestiti anche in circostanze simili.

Riguardo al sonoro, non mancheranno effetti direzionali e il supporto al Dolby Digital 5.1.

 
^